Domenica 27 Settembre 2020 | 09:21

NEWS DALLA SEZIONE

Tragedia sfiorata
Foggia, auto contro carro-attrezzi sulla SS16: ferita donna, trasportata in elisoccorso

Foggia, auto contro carro-attrezzi sulla SS16: ferita donna, trasportata in elisoccorso

 
emergenza contagio
Lucera, studente positivo al Covid: convitto chiuso fino al 28

Lucera, studente positivo al Covid: convitto chiuso fino al 28

 
sanità
Foggia, concorso Oss procedono assunzioni dei vincitori: 70 ricorsi respinti dal Tar

Foggia, concorso Oss procedono assunzioni dei vincitori: 70 ricorsi respinti dal Tar

 
controlli della Polizia locale
Foggia, obbligo mascherina all'aperto: fioccano le prime multe

Foggia, obbligo mascherina all'aperto: fioccano le prime multe

 
«In vino veritas»
Torremaggiore, imprenditori agricoli vessati da richieste estorsive: due in manette

Torremaggiore, imprenditori agricoli vessati da richieste estorsive: due in manette

 
Emergenza contagi
Foggia, 64 i positivi Covid ricoverati nel policlinico Riuniti

Foggia, 64 i contagiati da Covid ricoverati nel policlinico Riuniti
Positivo anche dipendente Amgas

 
Criminalità
Foggia, rubano nel ristornate mentre è in corso blitz interforze

Foggia, rubano nel ristornate mentre è in corso blitz interforze

 
l'operazione
Foggia, escalation rapine: blitz interforze all'alba e controlli a tappeto

Foggia, escalation rapine: blitz interforze all'alba e controlli a tappeto

 
Operazione Ps e Gdf
San Severo, sigilli al «tesoro» del malaffare: sequestrati beni a plupregidicato

San Severo, sigilli al «tesoro» del malaffare: sequestrati beni a noto pregiudicato

 
Ordinanza
Covid Foggia, obbligo mascherina e chiusi domenica i centri commerciali

Covid Foggia, obbligo mascherina e chiusi domenica i centri commerciali

 

Il Biancorosso

Serie C
bari calcio, mister Auteri: « A Francavilla imporremo nostro gioco»

Bari calcio, mister Auteri: « A Francavilla imporremo nostro gioco»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Baripaura nel Barese
Coronavirus, ad Altamura Istituto Tecnico torna alle lezioni da casa

Coronavirus, ad Altamura Istituto Tecnico torna alle lezioni da casa

 
Tarantocontagi
Coronavirus, a Taranto intera nave in quarantena: 60 positivi

Coronavirus, a Taranto intera nave in quarantena: 60 positivi

 
Materaturiste minorenni violentate
Stupro a Marconia, al via incidente probatorio: una delle vittime ha riconosciuto i 4 indagati

Stupro a Marconia, al via incidente probatorio: una delle vittime ha riconosciuto i 4 indagati

 
PotenzaIl virus
Coronavirus in Basilicata, 4 nuovi positivi a Potenza: tutti della stessa famiglia

Coronavirus in Basilicata, 4 nuovi positivi a Potenza: tutti della stessa famiglia

 
BrindisiA Punta della Contessa
Brindisi, allarme morìa di pesci, l’Arpa: «Cause naturali»

Brindisi, allarme morìa di pesci, l’Arpa: «Cause naturali»

 
LecceControlli dei CC
Poggiadro, coppia di pusher nascondevano in casa cocaina e marijuana: due in manette

Poggiardo, coppia di pusher nascondeva in casa cocaina e marijuana: arrestati

 
GdM.TVTragedia sfiorata
Foggia, auto contro carro-attrezzi sulla SS16: ferita donna, trasportata in elisoccorso

Foggia, auto contro carro-attrezzi sulla SS16: ferita donna, trasportata in elisoccorso

 

i più letti

OCCUPAZIONE

Foggia, centri impiego «barricati», colpa del Covid: non si entra

Gli uffici di via San Severo chiusi al pubblico, il personale, ridotto all’osso, è all’interno: «Dialoghiamo con le e-mail»

Centri impiego «barricati, colpa del Covid: non si entra

A quei pochi imprenditori che ancora ci provano a cercare manodopera attraverso l’intermediazione dei Centri per l’impiego, non sembra vero di dover bussare a un ufficio perennemente con la porta chiusa e che reca all’ingresso un numero di telefono a cui rivolgersi «al quale però non risponde mai nessuno». È un altro effetto (nefasto) del Covid, la pandemia che oltre a rappresentare un pericolo costante per la nostra salute, ha mandato già in tilt il sistema di relazioni tra le persone e quello che una volta si diceva «contatto con il pubblico». Tutto finito, oggi si riesce a malapena a dialogare attraverso mail e preferibilmente con posta certificata. Gli anziani o chi non padroneggia i sistemi telematici (la metà della popolazione foggiana) rischiano di trovarsi fuori da questo mondo, ma è un aspetto che meriterebbe un altro approfondimento.

Qui stiamo parlando di un Centro per l’impiego, quello in via San Severo nella fattispecie, che nonostante si sia isolato dal mondo pubblica all’esterno un numero di telefono muto, perchè quello di un’impiegata da qualche tempo in ferie. Com’è possibile? «In realtà i numeri sono due - risponde il direttore del centro impiego di Foggia, Giuseppe Ferrarelli - c’è anche il mio numero diretto dell’ufficio (0881-706344: ndr) al quale rispondo sempre, l’ho fatto anche quando sono andato in ferie io. Gli uffici sono aperti, ma non per il pubblico. Lavoriamo su prenotazione, sull’ordinaria amministrazione e sulle pratiche online: basta solo che gli utenti per dialogare con la Pubblica amministrazione esibiscano un documento valido di riconoscimento (cpi.foggia@regione.puglia.it)».

Uffici di via San Severo dunque aperti, ma con personale ridotto all’osso: c’è chi ha scelto di lavorare da casa e chi invece è dovuto andare in pensione. Ieri nella palazzina a due piani del Cti foggiano erano al loro posto appena due persone, il direttore e un’impiegata. Sono rimasti in tutto sei impiegati in organico, gli altri quattro lavorano da casa o sono in ferie e non metteranno piede in ufficio fino a quando la Regione non assegnerà ai centri impiego i vigilantes che regolamentino il flusso delle persone all’ingresso, previo controllo della temperatura. È stata una coincidenza, ma il Covid è stato il colpo di maglio su questi uffici e su quel che resta del Cti foggiano: «Avevamo dieci formatori prima del lockdown - ricorda il dirigente che coordina anche gli altri sei centri impiego in provincia - ne sono rimasti appena due in servizio, dei quali un altro andrà in pensione il prossimo ottobre».

Dei tanto decantati Navigator, nove quelli assegnati alla sede di Foggia, si sono perse le tracce perchè essenzialmente il loro lavoro consiste nel contatto con il pubblico e se pubblico non ce n’è cosa fanno lì? Oltretutto i Navigator non dipendono dai Cti, sono un corpo a sè stante. Sembra ormai chiaro l’indirizzo politico di rendere sempre più scatole vuote questi uffici, a vantaggio di un sistema che però deve ancora decollare. Così gli imprenditori che ancora credono nel vecchio collocamento, nelle liste d’iscrizione (peraltro obbligatorie per chi vuol entrare nel mercato del lavoro), rischiano di restare al palo. Come denunciato alla Gazzetta da un papà che voleva iscrivere il figlio diciassettenne, facendolo poi transitare attraverso un’agenzia di lavoro interinale. «Non ci sono ancora riuscito. Ma senza quel foglio di carta, hanno risposto al mio ragazzo, non si va da nessuna parte». Quando la burocrazia riesce a essere anche una trappola.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie