Mercoledì 23 Settembre 2020 | 23:26

NEWS DALLA SEZIONE

emergenza contagi
Foggia, dipendente positivo Covid: chiuso Ufficio anagrafe

Foggia, dipendente positivo Covid: chiuso Ufficio anagrafe

 
tragedia sfiorata
Foggia, auto esce di strada per evitare bici e si ribalta: ferite due ragazze

Foggia, auto esce di strada per evitare bici e si ribalta: ferite due ragazze

 
Quartiere Ferrovia
Foggia, aggrediti e circondati da extracomunitari agenti Polizia locale

Foggia, aggrediti e circondati da extracomunitari agenti Polizia locale

 
Lite condominiale
Cerignola, «basta con i rumori» e accoltella il vicino di casa: arrestato 69enne

Cerignola, «basta con i rumori» e accoltella il vicino di casa: arrestato 69enne

 
Scuola
San Severo, ordinanza del sindaco: le scuole riaprono il 28 settembre

San Severo, ordinanza del sindaco: le scuole riaprono il 28 settembre

 
Covid
S. Giovanni Rotondo, tutto esaurito in Chiesa per la veglia di San Pio

S. Giovanni Rotondo, tutto esaurito in Chiesa per la veglia di San Pio

 
«Alto Impatto»
Cerignola, droga e munizioni nei nascondigli della mala: vasta operazione della Ps

Cerignola, droga e munizioni nei nascondigli della mala: vasta operazione della Ps

 
La curiosità
Regionali, Emiliano vince in 2 comuni Foggiani di Conte: Fitto si impone solo a Candela

Regionali, Emiliano vince in 2 comuni Foggiani di Conte: Fitto si impone solo a Candela

 
Il caso
Elezioni, a Lesina c'è un solo candidato sindaco ma manca il quorum

Elezioni, a Lesina c'è un solo candidato sindaco ma manca il quorum: «Mi ricandido»

 
la denuncia
Cerignola, roghi notturni e cattivo odore: proteste dai rioni per l'inquinamento

Cerignola, roghi notturni e cattivo odore: proteste dai rioni per l'inquinamento

 
Il colpo
Foggia, titolare bar ferito durante rapina: condizioni stabili

Foggia, titolare bar ferito durante rapina: condizioni stabili

 

Il Biancorosso

NEWS DALLE PROVINCE

Batpost voto
Trani, con il Bottaro bis ecco il nuovo consiglio comunale

Trani, con il Bottaro bis ecco il nuovo consiglio comunale

 
Tarantola vertenza
Miattal Taranto, stop sciopero di domani: «C'è impegno ministro Patuanelli»

Mittal Taranto, stop sciopero di domani: «C'è impegno ministro Patuanelli»
«Nessun licenziato in Ilva As»

 
Foggiaemergenza contagi
Foggia, dipendente positivo Covid: chiuso Ufficio anagrafe

Foggia, dipendente positivo Covid: chiuso Ufficio anagrafe

 
Brindisiil provvedimento
Ostuni, truffava commercianti e imprenditori: 49enne arrestato dalla Ps

Ostuni, truffava commercianti e imprenditori: 49enne arrestato dalla Ps

 
Potenzala sentenza
Potenza, giornalista diffamata su Fb: funzionario Regione condannato a 1 anno e 6 mesi

Potenza, giornalista diffamata su Fb: funzionario Regione condannato a 1 anno e 6 mesi

 
Leccela svolta
Lecce, duplice omicidio, sospettato in Procura: è un 37enne di Aradeo

Lecce, duplice omicidio, interrogato sospettato: la Procura smentisce
Autopsia: «Ferocia omicida su donna»

 
BariAvvio anno scolastico
Scuola in Provincia di Bari: 110 nuove aule «anti Covid» e 75 cantieri in 25 Comuni

Scuola in Provincia di Bari: 110 nuove aule «anti Covid» e 75 cantieri in 25 Comuni

 
Materal'anniversario
Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

 

i più letti

caporalato

Foggia, sanatoria solo per le badanti: tutto inutile nelle campagne

Il sindacato ai migranti: «Gli altri vi sfruttano in cambio di un po’ di visibilità, noi siamo qui e continueremo a lottare per i vostri diritti». Sott’accusa anche le ispezioni nelle aziende agricole. «Appena 339 nel 2019, ma in questo modo diventa facile farla franca»

Foggia, sanatoria solo per le badanti: tutto inutile nelle campagne

La Cgil nel ghetto

La sanatoria dei lavoratori migranti in provincia di Foggia «non è servita a niente», la Cgil snocciola i dati ufficiali dell’ultima regolamentazione decisa dal governo per garantire nei campi la manodopera, dopo l’emergenza pandemica, ma non chiede di cancellarla. «Va anzi prolungata fino al 30 settembre, proviamo a vedere cosa succede per la vendemmia», suggerisce Antonio Gagliardi della Flai regionale. Lo stato maggiore della Cgil ha voluto ieri mattina mettere il dito nella piaga di quei «numeri imbarazzanti» recandosi nella terra di nessuno di borgo Mezzanone, sull’ormai famigerata ex pista dove ha sede il più grande assembramento abusivo di extracomunitaridel Sud, una cloaca a cielo aperto in cui si sopravvive nella sporcizia e nel pericolo in agguato (decine di bombole di gas vendute nei chioschi abusivi sotto il sole), scenario anche di scazzottate e di rese di conti come quella scoppiata sabato sera. Tra le baracche lamiera che stanno pian piano lasciando il posto alle casette in muratura, i sindacalisti della Cgil hanno voluto testimoniare ai migranti il loro livello di vicinanza per una situazione che non si aggiusta, nonostante le sanatorie, la legge anticaporalato e le ruspe dello Stato a demolire ogni tanto qualche caseggiato: «Noi siamo qui al vostro fianco - così il segretario regionale Pino Gesmudo - gli altri vi utilizzano per avere qualche titolo di giornale e far parlare di sè per un paio di giorni».

Un paesone grande quasi quanto la dirimpettaia Carapelle l’area dell’ex pista, oltre 2mila occupanti divisi rigorosamente per etnie: di qua senegalesi e gambiani, dall’altro lato ghanesi e i temibili nigeriani che si dice tengano le fila dei traffici più loschi e fanno vita a sè. Qui dentro ci sono abitanti sempre più arrabbiati, la sanatoria «non ci ha dato nessun aiuto», dicono. In Capitanata appena 797 lavoratori sono stati messi in regola finora dai datori di lavoro, ma parliamo all’80% di badanti o altri profili, nulla hanno a che vedere con le campagne. Così la misura prevista per i lavoratori agricoli è stata sfruttata da altri, appena il 10% utilizzata dai lavoratori dei campi. «Quella norma va cambiata - insiste Gesmundo - fin quando verrà concessa al datore di lavoro facoltà di chiedere la sanatoria per i propri lavoratori nessuno lo farà mai, evidentemente il caporalato fa comodo se si tiene in piedi anche un ghetto così. Va data a queste persone l’opportunità di mettersi in regola, parliamo di lavoratori poco stanziali che cambiano datore anche più volte in una settimana. Bisogna ristabilire le condizioni di civiltà provando a cambiare cosa non va».

Tra i lavoratori che ce l’hanno fatta non pochi sono coloro che hanno saldato il conto pagando di tasca propria la quota di registrazione (500 euro) di pertinenza invece dei agricoltori. Una misura facile facile da aggirare, fatta la legge si fa presto a girare lo sguardo dall’altra parte quando si parla di lavoro nero e sfruttamento nei campi.

La battaglia si combatte ancora ad armi impari se il segretario Cgil di Foggia denuncia la «vergogna» dei tavoli organizzati: «La rete del lavoro agricolo di qualità si riunisce poco e quando riesce a farlo viene boicottata dalle stesse organizzazioni agricole. I numeri rendono l’idea della volontà delle imprese a partecipare a questa operazione di democrazia e trasparenza: appena 225 le imprese foggiane che aderiscono in Puglia (su 970: ndr)».

La Cgil punta l’indice anche sugli organi ispettivi: «Sono sott’organico e non è facile tenere sotto controllo una provincia ampia come questa, ma stiamo parlando di appena 339 imprese agricole ispezionate nel 2019, appena il 2% la media in Puglia. Così è facile farla franca».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie