Domenica 25 Luglio 2021 | 23:19

NEWS DALLA SEZIONE

l'episodio
Migranti: un uomo ferito a coltellate nel Ghetto di Foggia

Migranti: un uomo ferito a coltellate nel Ghetto di Foggia

 
mobilità
Niente biglietti domani nelle stazioni di Foggia, San Severo, Bari e Lecce

Niente biglietti domani nelle stazioni di Foggia, San Severo, Bari e Lecce

 
Il caso
Foggia, colta da infarto sui binari della stazione: 65enne salvata dalla Polfer

Foggia, colta da infarto sui binari della stazione: 65enne salvata dalla Polfer

 
olimpiadi
Tokyo: il foggiamo Samele in finale sciabola, altra medaglia per l'Italia

Tokyo, il foggiano Samele in finale sciabola conquista l'argento: «Da buon terrone mi bolle il sangue»

 
Allarme in centro
Foggia, attentato incendiario contro gioielleria

Foggia, attentato incendiario contro gioielleria

 
Anticrimine
Foggia, scattano numerose misure di prevenzione

Foggia, scattano numerose misure di prevenzione

 
la polemica
Foggia, non ancora attivati presidi medici nelle località turistiche

Foggia, non ancora attivati presidi medici nelle località turistiche

 
Si attendono le decisioni
Foggia, infiltrazioni mafiose nei Comuni: la Commissione consegna la relazione al prefetto

Foggia, infiltrazioni mafiose nei Comuni: la Commissione consegna la relazione al prefetto

 
l'incidente
Perde il controllo della moto e cade, un morto nel Foggiano

Perde il controllo della moto e cade, un morto nel Foggiano

 

Il Biancorosso

Sport
Focolaio tra i giocatori del Bari: predisposto il trasferimento dei 9 positivi

Focolaio tra i giocatori del Bari: predisposto il trasferimento dei 9 positivi

 

NEWS DALLE PROVINCE

Lecceblitz della polizia
Interrotta in Salento festa in villa con 200 ragazzi

Interrotta in Salento festa in villa con 200 ragazzi

 
Foggial'episodio
Migranti: un uomo ferito a coltellate nel Ghetto di Foggia

Migranti: un uomo ferito a coltellate nel Ghetto di Foggia

 
Materaeconomia
Appalti col massimo ribasso? «Danneggiano lavoratori e cittadini»

Appalti col massimo ribasso? «Danneggiano lavoratori e cittadini»

 
Baril'emergenza
Bari, cena in bianco no cibo di strada sì: polemica sugli eventi all’aperto

Bari, cena in bianco no cibo di strada sì: polemica sugli eventi all’aperto

 
Brindisisangue sulle strade
Scontro tra auto, un morto e un ferito nel Brindisino

Scontro tra auto, un morto e un ferito nel Brindisino

 
Potenzacovid
Basilicata, dilaga la variante Delta

Basilicata, dilaga la variante Delta

 
TarantoAmbiente
Taranto, video-trappole in azione contro gli incivili

Taranto, video-trappole in azione contro gli incivili

 

i più letti

nel Foggiano

Mafia a Vieste, tentarono di uccidere boss Raduano: condannati due cugini

Ferito, riuscì a salvarsi nascondendosi a casa di un parente

Mafia a Vieste, tentarono di uccidere boss Raduano: condannati due cugini

Il gup del Tribunale di Bari Luigia Lambriola ha condannato alla pena di 14 anni e sei mesi di reclusione i cugini Claudio e Giovanni Iannoli, imputati per il tentato omicidio del boss di Vieste (Foggia) Marco Raduano, avvenuto il 21 marzo 2018. Il giudice ha riconosciuto l'aggravante mafiosa. La sentenza è stata emessa al termine di un processo con il rito abbreviato, uno dei pochi che ancora vengono celebrati vista la sospensione delle udienze per l'emergenza coronavirus. Gli imputati, entrambi detenuti, hanno partecipato all’udienza collegati in videoconferenza dal carcere.
Stando alle indagini coordinate dal pm della Dda di Bari Ettore Cardinali, i due imputati, in concorso con il pregiudicato Gianmarco Pecorelli e su mandato del capo clan Girolamo Perna (questi ultimi entrambi uccisi in agguati mafiosi rispettivamente il 18 giugno 2018 e il 26 aprile 2019), tentarono di uccidere il boss del clan rivale colpendolo a braccia, spalla e gambe con proiettili sparati con due fucili e un kalashnikov. Secondo la Dda il ferimento rientrava nella guerra tra i due clan rivali di Vieste Perna e Raduano che dal 2015 ha causato nove omicidi. L’agguato del 21 marzo 2018 è il secondo della sequenza dei tre «delitti del 21 marzo», giorno simbolo dell’antimafia, dopo l’omicidio di Giuseppe Silvestri, del 21 marzo 2017, e quello di Francesco Pio Gentile, commesso a Mattinata il 21 marzo 2019.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie