Martedì 18 Febbraio 2020 | 01:11

NEWS DALLA SEZIONE

L'aggressione
San Severo, giovane di 32 anni accoltella anziano all'addome

San Severo, un trentaduenne accoltella anziano all'addome

 
Calcio violento
Daspo per 24 tifosi del Foggia Calcio disposti dal questore di Verona

Daspo per 24 tifosi del Foggia Calcio disposti dal questore di Verona

 
Coronavirus
Foggia, rientra dalla Cina e chiude la sartoria:«Chiudo per 15 giorni per maggiore tranquillità di tutti»

Foggia, rientra dalla Cina e lascia cartello: «Chiudo la sartoria per 15 giorni per maggiore tranquillità di tutti»

 
L'arresto
Cerignola, offre salsicce e liquori per evitare una multa

Cerignola, offre salsicce e liquori per evitare una multa

 
spaccio
Manfredonia, aveva trasformato la cantina in deposito della droga: arrestata una donna

Manfredonia, aveva trasformato la cantina in deposito della droga: arrestata una donna

 
nel foggiano
Rignano Garganico, auto sindacalista Fim Cisl incendiata: secondo episodio in pochi giorni

Rignano Garganico, auto sindacalista Fim Cisl incendiata: secondo episodio in pochi giorni

 
processo d'appello
Il furto al caveau in Svizzera fallì: 2 cerignolani e un foggiano condannati a 10 anni

Il furto al caveau in Svizzera fallì: 2 cerignolani e un foggiano condannati a 10 anni

 
nel Foggiano
Cerignola, non si ferma all'alt dei cc e scaglia loro addosso la moto: arrestato

Cerignola, non si ferma all'alt dei cc e scaglia loro addosso la moto: arrestato

 
specie protetta
Foggia, cardellini e altri uccelli stipati in gabbie in box auto: una denuncia

Foggia, cardellini e altri uccelli stipati in gabbie in box auto: una denuncia

 
nel Foggiano
Lucera, bomba esplode davanti a negozio per bambini non ancora inaugurato: indagano i cc

Lucera, bomba esplode davanti a negozio per bambini non ancora inaugurato

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio: vittoria al San Nicola contro il Picerno: 3-0

Bari calcio: vittoria al San Nicola contro il Picerno: 3-0

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraLa tragedia
Matera, 39enne si allontana da casa in auto: trovato morto in un dirupo

Matera, 39enne si allontana da casa in auto: trovato morto in un dirupo

 
PotenzaL'inchiesta
Potenza, maltrattamenti in Istituto Padri Trinitari: assolti

Potenza, maltrattamenti in Istituto Padri Trinitari: assolti

 
TarantoStalking
Perseguita e violenta per 4 mesi una donna: arrestato 49enne nel Tarantino

Perseguita e violenta per 4 mesi una donna: arrestato 49enne nel Tarantino

 
FoggiaL'aggressione
San Severo, giovane di 32 anni accoltella anziano all'addome

San Severo, un trentaduenne accoltella anziano all'addome

 
LecceIl caso
Lecce, detenuto da fuoco alla sua cella: intossicati 5 agenti penitenziari

Lecce, detenuto dà fuoco alla sua cella: intossicati 5 agenti penitenziari

 
NewsweekLa storia
Barletta, il «ragazzo delle farfalle» morto sulla strada. I genitori nelle scuole: mai più

Barletta, il «ragazzo delle farfalle» morto sulla strada. I genitori nelle scuole: mai più

 
BrindisiPallacanestro
Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

 

i più letti

Il caso

Caporalato a Foggia, arrestati 2 titolari di aziende agricole: sfruttavano 45 braccianti. Picchiati se protestavano

Due imprese coinvolte, in arresto anche alcuni collaboratori

caporalato

FOGGIA -  Costretti a lavorare anche più di dieci ore al giorno, in condizioni disumane, per una paga ben al di sotto delle retribuzioni minime di legge. Ecco cosa avveniva, secondo le indagini coordinate dalla Procura, nelle aziende agricole «Perugini Libero» di Foggia e «Ortofrutta De Martino" di Zapponeta (Foggia), affidate a un amministratore giudiziario.

Nell’ambito della stessa operazione anticaporalato, condotta dai Carabinieri, sei persone sono state raggiunte da ordinanze di custodia cautelare, tra cui i tre titolari delle due imprese. In carcere è finito Libero Perugini di 38 anni, ai domiciliari Giovanni Capocchiano e Natale De Martino, entrambi di 66 anni, tutti incensurati.

Inoltre, tre 'caporalì (due marocchini e un cittadino della Guinea) sono tuttora ricercati nei rispettivi Paesi di origine e per loro verrà spiccato un mandato di arresto internazionale.

Due i filoni di indagine: il primo nell’azienda di Zapponeta dove le investigazioni sono partite nel 2017 grazie alla denuncia di un lavoratore; il secondo nell’azienda foggiana, iniziato nell’estate del 2019 con la denuncia di un sindacalista.

I carabinieri hanno accertato la presenza di 45 lavoratori (15 alla Perugini, 30 alla Ortofrutta) perlopiù africani e albanesi, tutti regolarmente assunti ma obbligati a lavorare in condizioni di sfruttamento, con salari orari dai 3,5 ai 4 euro i primi, fino ai 6 euro gli albanesi. Alcuni erano costretti a vivere in roulotte o in alloggi di fortuna privi di servizi igienici, in condizioni di profondo degrado e «dovevano anche versare 15 euro al mese per questa sorta di dormitori», fanno sapere gli investigatori. I braccianti venivano reclutati sia nel ghetto di Borgo Mezzanone, l’insediamento abusivo di migranti sorto a pochi chilometri da Foggia, sia nell’ex centrale del latte di via Manfredonia, alla periferia della città.

«In alcuni casi sono stati accertati anche episodi di violenza» nell’azienda 'Ortofrutta De Martinò. Lo riferiscono i Carabinieri nella conferenza stampa indetta dal comandante provinciale di Foggia, colonnello Nicola Lorenzon, sull'operazione anticaporalato che ha portato all’arresto di tre imprenditori di due aziende agricole, anche la 'Perugini Liberò che conta, a pieno regime, un centinaio di dipendenti (oltre 200 la Ortofrutta, che si estende su 180 ettari di terreno).

Secondo le indagini, alla Ortofrutta due fratelli sarebbero stati licenziati dopo aver chiesto un aumento di salario, costretti anche ad abbandonare l’alloggio di fortuna nel quale vivevano. «I caporali - sottolinea il comandante dei Carabinieri - hanno picchiato un bracciante procurandogli fratture agli arti, giudicate guaribili in 30 giorni, perché aveva tentato di ribellarsi alla condizione di sfruttamento». Negli stessi ambienti di lavoro - si apprende - i titolari avevano apposto un cartello con cui minacciavano i lavoratori di licenziamento in caso di perdita del permesso di soggiorno. «I dipendenti erano assunti ma tutti venivano sfruttati», ha ribadito Lorenzon.

LE PAROLE DEL GIP -  «Al momento non ci sono evidenze o collegamenti tra il fenomeno del caporalato e il fenomeno mafioso presente nel Foggiano». Lo ha precisato il colonnello Nicola Lorenzon, comandante provinciale dei Carabinieri di Foggia, riferendosi all’operazione anticaporalato che ha portato all’arresto di tre imprenditori di due aziende agricole, raggiunti da ordinanze di custodia cautelare firmate dai gip Maria Luisa Bengivenga (Ortofrutta De Martino) e Manuela Castellabate (azienda Perugini Libero). Quest’ultima nella propria ordinanza parla di modalità di sfruttamento "inquietanti» riferite a Perugini. Ai tre imprenditori vengono contestati a vario titolo i reati di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, e false dichiarazioni all’Inps.

Tre i mezzi sequestrati con i quali i caporali accompagnavano i braccianti sul luogo di lavoro, tutti veicoli privi delle condizioni minime di sicurezza. I lavoratori sfruttati sono stati affidati a strutture ricettive della provincia di Foggia.

Il comandante del gruppo Carabinieri Tutela del Lavoro di Napoli, Ivan Pistilli, ha parlato di importanti risultati dall’aumento delle attività repressive contro il caporalato nell’ultimo anno. «In Puglia - sottolinea - si è passati dagli 8 arresti del 2018 ai 55 del 2019, con un aumento dell’attività preventiva del gruppo Carabinieri del 587%. Aumentate anche le denunce in stato di libertà, +426%: 19 nel 2018, 100 nel 2019. Solo in provincia di Foggia nel 2019 sono state deferite 51 persone». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie