Giovedì 01 Ottobre 2020 | 07:51

NEWS DALLA SEZIONE

In viale Europa
Foggia, sparatoria in periferia: tiro al bersaglio contro auto

Foggia, sparatoria in periferia: tiro al bersaglio contro auto

 
Nel Foggiano
Paura a Peschici: 47enne sparito nel nulla da 5 giorni, ha lasciato il cellulare a casa

Paura a Peschici: 47enne sparito nel nulla da 5 giorni, ha lasciato il cellulare a casa

 
nel foggiano
San Giovanni Rotondo, positivi 5 alunni: chiuse due scuole

San Giovanni Rotondo, positivi 5 alunni: chiuse due scuole

 
Il caso
Partecipano a festa di Prima Comunione: 20 contagi nel Foggiano

Partecipano a festa di Prima Comunione: 20 contagi nel Foggiano

 
Il fatto
Foggia, palpeggia sedere a una ragazza per strada e la schiaffeggia: arrestato

Foggia, palpeggia sedere a una ragazza per strada e la schiaffeggia: arrestato

 
all'istituto parisi-de sanctis
Foggia, trovata pistola rapinata a finanziere di turno al seggio elettorale

Foggia, trovata pistola rapinata a finanziere di turno al seggio elettorale

 
Il caso
Foggia, ricatti a prete con video hot: il sacerdote era stato indagato per violenza sessuale

Foggia, ricatti a prete con video hot: il sacerdote era stato indagato per violenza sessuale

 
Coronavirus
Asl Foggia, contagiato dal Covid operatore sanitario: tamponi urgenti

Asl Foggia, contagiato dal Covid operatore sanitario: tamponi urgenti

 
il fatto
Filmano prete in atteggiamenti hot: «Paga o mandiamo video alle Iene», 2 foggiani indagati per estorsione

Foggia, ricatti a prete per video mentre fa sesso, due indagati. Legale sacerdote: lui unica vittima

 
nel foggiano
San Nicandro Garganico: consigliere comunale in macchina con la pistola, arrestato

San Nicandro Garganico: consigliere comunale in macchina con la pistola, arrestato

 
nel foggiano
Biccari, in casa marijuana pronta per lo spaccio: arrestato 25enne

Biccari, in casa marijuana pronta per lo spaccio: arrestato 25enne

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Il Bari nella tana della Spal: Antenucci ferma l'orologio

Il Bari nella tana della Spal: Antenucci ferma l'orologio

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariNel barese
Monopoli, droga di pessima qualità e con potere letale: blitz polizia nella notte, arresti

Monopoli, droga di pessima qualità e con potere letale: blitz polizia nella notte, arresti

 
FoggiaIn viale Europa
Foggia, sparatoria in periferia: tiro al bersaglio contro auto

Foggia, sparatoria in periferia: tiro al bersaglio contro auto

 
BatAumento dei casi
Coronavirus, 15 positivi al Comune di Andria, anche il commissario prefettizio

Coronavirus, 15 positivi al Comune di Andria, anche il commissario prefettizio

 
Materadalla polizia
Matera, 81enne minaccia con fucile moglie, figlia e nipote di 12 anni: arrestato

Matera, 81enne minaccia con fucile moglie, figlia e nipote di 12 anni: arrestato

 
LecceLa vicenda
Duplice omicidio Lecce, il 21enne reo confesso in carcere in isolamento

Duplice omicidio Lecce, reo confesso in carcere in isolamento. Trovato altro biglietto con tempi del delitto Legale: «Ragazzo provato»

 
TarantoIl caso
Taranto, morte gruista Mittal: riparte l'inchiesta

Taranto, morte gruista Mittal: riparte l'inchiesta

 
BrindisiLa vicenda
Ostuni, calunniò la dottoressa che aveva salvato la vita al padre

Ostuni, calunniò la dottoressa che aveva salvato la vita al padre

 

i più letti

Il processo

Mafia, strage San Marco in Lamis: il basista preferisce non collaborare

Giovanni Caterino, coinvolto nel grave fatto di sangue avvenuto il 9 agosto 2017 nel Foggiano, per tre volte non avrebbe accolto l'invito a collaborare con la giustizia

Mafia, strage San Marco in Lamis: il basista preferisce non collaborare

FOGGIA - Per tre volte non avrebbe accolto l'invito a collaborare con la giustizia Giovanni Caterino, il presunto basista della strage di San Marco in Lamis, avvenuta il 9 agosto 2017, in cui vennero uccisi il boss di Manfredonia, Mario Liciano Romito, e suo cognato Matteo De Palma. Nella stessa circostanza furono uccisi anche due innocenti, i fratelli Aurelio e Luigi Luciani, perché ritenuti testimoni scomodi dell’agguato. È quanto emerso nel corso di una nuova udienza del processo che si sta celebrando in corte d’Assise a Foggia a carico di Caterino che, secondo l’accusa, era alla guida della Fiat Grande Punto che la mattina della strage pedinò l’auto con a bordo il boss Romito.

Per tre volte gli inquirenti hanno chiesto a Caterino di raccontare tutto ciò che sapeva sulla mafia che opera sul Gargano, senza ricevere risposte al riguardo: le prime due volte, quando venne convocato in caserma il 27 febbraio ed il 2 luglio del 2018 in occasione del suo tentato omicidio; poi nel carcere di Bari in occasione del suo arresto.
L’avvocato dell’imputato, Giulio Treggiari, ha anche smentito un possibile collegamento di Caterino con il clan Libergolis, attivo tra Monte San'Angelo e Manfredonia. «Non c'è alcun collegamento - afferma il legale - non c'è un processo, una indagine in cui Caterino, incensurato, possa essere associato ad un clan che sia Libergolis, Romito o Raduano» (questi ultimi due attivi rispettivamente su Manfredonia e Vieste).

«Quello che fa Caterino - conclude l’avvocato Treggiari - è ripercorrere, nel corso di alcune intercettazioni captate dagli inquirenti, la storia della delinquenza di Manfredonia, cosa che apprende leggendo i giornali».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie