Giovedì 22 Agosto 2019 | 09:04

NEWS DALLA SEZIONE

L'idea di due gelatai
Zapponeta, per preparare gelati usano la bava di lumaca invece dell’acqua

Zapponeta, per preparare gelati bava di lumaca al posto dell’acqua

 
Il ritrovamento
Ex macello di Cerignola nascondiglio per bombe e per droga

Ex macello di Cerignola nascondiglio per bombe e per droga

 
Il caso
Foggia, fiamme lungo i binari: traffico ferroviario sospeso e ritardi

Foggia, fiamme lungo i binari: traffico treni a singhiozzo. 
Uomo travolto da Lecce-Milano

 
L'INGV
Manfredonia, piccola scossa di terremoto sul Gargano

Manfredonia, piccola scossa di terremoto sul Gargano

 
Politica
Foggia, centrodestra a rischio: Landella si fa i conti

Foggia, centrodestra a rischio: Landella si fa i conti

 
Giovani e la musica
La leggenda del pianista di Apricena: dalla Puglia a Morricone e alla Tv

La leggenda del pianista di Apricena: dalla Puglia a Morricone e alla Tv

 
Nel paesino Foggiano
Roseto Valfortore, il sindaco: «Cercasi disperatamente segretario comunale»

«AAA cercasi segretario comunale a Roseto Valfortore»

 
RICETTAZIONE
Foggia, rubano armature e le rivendono in mercatino di Manfredonia: denunciati

Foggia, rubano armature e le rivendono in mercatino di Manfredonia: denunciati

 
Boom di turisti
Estate nel Foggiano: le spiagge del Gargano fanno il «pienone»

Estate nel Foggiano: le spiagge del Gargano fanno il «pienone»

 
La polemica
Lega, scoppia il bubbone a Foggia: espulsioni e «sassolini». Arriva il nuovo segretario

Lega, scoppia il bubbone a Foggia: espulsioni e «sassolini». Arriva il nuovo segretario

 
Bottino 10mila euro
Cerignola, in 5 assaltano market: via con il denaro della cassaforte

Cerignola, in 5 assaltano market: via con il denaro della cassaforte

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, Antenucci il punto fermochi lo affiancherà domenica?

Bari, Antenucci il punto fermo, chi lo affiancherà domenica?

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaI controlli
Laghi di Monticchio, chiuso ristorante: aveva lavoratore in nero

Laghi di Monticchio, chiuso ristorante: aveva lavoratore in nero

 
TarantoDomenico Bello
Mottola, trovato morto dopo 9 giorni 32enne scomparso

Mottola, trovato morto dopo 9 giorni 32enne scomparso

 
MateraLe fiamme
Montescaglioso, incendio nei boschi domato con 20 lanci dei Canadair

Montescaglioso, incendio nei boschi domato con 20 lanci dei Canadair

 
BariTrasportato in codice rosso
Bari, bimbo di 3 anni scivola da scoglio e rischia di annegare: è grave

Bari, bimbo di 3 anni scivola da scoglio e rischia di annegare: è grave

 
LecceMusica
Notte Taranta, domani a Martano l'ultima tappa del festival itinerante

Notte Taranta, con Aqp il Concertone sarà più green e plastic free

 
BrindisiPoi donato in beneficienza
Brindisi, pesce troppo piccolo: sequestrati 120 kg dalla Guardia Costiera

Brindisi, pesce troppo piccolo: sequestrati 120 kg dalla Guardia Costiera

 
BatL'operazione dei cc
Trani, trovato con una pistola e 1,5 grammi di cocaina: arrestato

Trani, trovato con una pistola e 1,5 grammi di cocaina: arrestato

 
FoggiaL'idea di due gelatai
Zapponeta, per preparare gelati usano la bava di lumaca invece dell’acqua

Zapponeta, per preparare gelati bava di lumaca al posto dell’acqua

 

i più letti

CIS

Contratto di sviluppo, martedì a Foggia la firma alla presenza di Conte

In Prefettura il via libera a 43 progetti che liberano risorse per 280 milioni

Foggia, Si svuota il portafoglio del «Cis»

FOGGIA - Ci siamo con la firma del «Cis», il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, sarà martedì in Prefettura per presenziare, con il ministro per il Sud, Barbara Lezzi, alla firma del Contratto istituzionale di sviluppo per la Capitanata, un imponente piano di opere pubbliche di 280 milioni che dovrebbe consentire alla provincia di Foggia di aumentare la sua capacità attrattiva e di potenziare le sue ricadute economico-produttive sulla popolazione. Si chiude un percorso cominciato il 27 dicembre scorso quando il Cis fu presentato dal governo ai comuni. Somme «immediatamente spendibili», è stato ricordato dall’amministratore delegato di Invitalia, Domenico Arcuri, nel corso dell’ultima riunione tecnica in Prefettura con i sindaci lo scorso 5 luglio.

In provincia di Foggia, come si ricorderà, il Cis finanzia 43 progetti il 50% dei quali destinato alla riqualificazione di strade, tema sul quale ha puntato il dito la cabina di regia nel confronto di questi mesi con Palazzo Chigi denunciando il rischio di un progressivo isolamento a causa del penoso stato di conservazione di molte arterie. Nel pacchetto anche significativi investimenti industriali (gruppo Leonardo e Snam), riqualificazioni urbanistiche (Ordona, San Marco in Lamis, l’idroscalo San Nicola Imbuti), rilancio di siti archeologici (Faragola, Herdonia), il miglioramento delle attrezzature sanitarie (il polo biotech a Casa Sollievo della Sofferenza). L’ultimo tavolo è servito a smussare gli angoli con i sindaci, alcuni particolarmente critici con il governo per aver privilegiato alcuni territori a scapito di altri. Ad esempio aveva suscitato rumore l’esclusione dall’elenco della strada regionale 1, l’arteria che collegherà i caselli di Candela e di Poggio imperiale sulla quale i sindaci dei monti dauni scommettono sulla sua importanza strategica per ridare una speranza a una trentina di comuni oggi isolati e sempre più condannati al calo demografico. Alla fine si è trovato un compromesso, sarà l’Anas a realizzare la superstrada mentre il Cis finanzierà la progettazione esecutiva: in virtù di questo accordo, il presidente della Provincia, Nicola Gatta, informa di aver avviato le procedure per il trasferimento all’Anas delle competenze di gestione della futura superstrada (ad oggi esiste solo un lotto già ultimato) oggi in capo all’ente di Palazzo Dogana.

Ma sempre in tema di strade restano a bocca asciutta i sindaci del Gargano (e i mal di pancia non si sono attenuati) che confidavano sul prolungamento del tratto dall’ultima galleria di Mattinata fino a Peschici. Come pure si sono perse le tracce del contratto di sviluppo da 50 milioni per incentivare il turismo e le attività connesse sul promontorio di cui si era parlato agli albori del Cis. È inserimento dell’utimora invece il finanziamento da 3 milioni per la bonifica dell’area sull’ex pista di borgo Mezzanone, quando sarà eliminata l’ultima baracca a seguito delle demolizioni già attuate e delle altre che seguiranno ad opera di Prefettura e Procura della Repubblica. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie