Mercoledì 17 Luglio 2019 | 05:07

NEWS DALLA SEZIONE

Il video
San Severo, la festa del Soccorso con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

San Severo, la festa del Carmelo con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

 
Maltempo
San Severo finisce sott'acqua: strade e chiese allagate

Pioggia torrenziale, San Severo finisce sott'acqua: strade e chiese allagate

 
Assenteismo
Foggia, la giudice «furbetta del cartellino» condannata dalla Corte dei conti

Foggia, la giudice «furbetta del cartellino» condannata dalla Corte dei conti

 
Indagano i cc
Foggia, migranti presi a sassate mentre vanno a lavorare nei campi: 2 feriti

Foggia, migranti presi a sassate mentre vanno a lavorare nei campi: 2 feriti

 
Nel campo nomadi di Foggia
Facevano prostituire minorenni: Procura Bari chiede rinvio a giudizio per 4 rumeni

Facevano prostituire minorenni: Procura Bari chiede rinvio a giudizio per 4 rumeni

 
Il video
Meraviglia a Peschici, un delfino e i suoi cuccioli nuotano tra i bagnanti

Meraviglia a Peschici, un delfino e i suoi cuccioli nuotano tra i bagnanti

 
Sulla Statale 16
Lesina, auto impatta contro furgone: un morto e un ferito

Lesina, auto impatta contro furgone: un morto e un ferito

 
Dopo la grandine
Maltempo: regione avvia procedura per stato di calamità nel Gargano

Maltempo: regione avvia procedura per stato di calamità nel Gargano

 
Il caso
Strage di San Marco in Lamis, Regione Puglia si costituisce parte civile

Strage di San Marco in Lamis, Regione Puglia si costituisce parte civile

 
Dal gip
Foggia, costringeva la moglie a vivere con le tapparelle abbassate: 44enne allontanato per maltrattamenti

Foggia, costringeva la moglie a vivere con le tapparelle abbassate: 44enne allontanato

 
il salvataggio
Vieste, i cani bagnino Maya e Axel salvano due ragazzi dalla furia del mare

Vieste, i cani bagnino Maya e Axel salvano due ragazzi dalla furia del mare

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVIl video
San Severo, la festa del Soccorso con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

San Severo, la festa del Carmelo con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

 
TarantoMorti bianche
Taranto, gruista ex Ilva morto in mare: in settimana i funerali

Taranto, gruista ex Ilva morto in mare: in settimana i funerali

 
BatRifiuti
Discarica di Canosa, Stea: «In arrivo 4,2 mln per chiusura definitiva»

Discarica di Canosa, Stea: «In arrivo 4,2 mln per chiusura definitiva»

 
BrindisiUn mistero di 2000 anni fa
Brindisi, dalla Germania archeologi setacciano il mare a caccia del disco di Nebra

Brindisi, dalla Germania archeologi in mare a caccia del disco di Nebra

 
MateraL'omicidio
Pastore nel Materano, killer condannato a 26 anni di carcere

Pastore ucciso nel Materano, killer condannato a 26 anni

 
BariIl caso
Bari, dress code alle corsiste: al via interrogatorio dell'ex giudice Bellomo

Bari, dress code alle corsiste: dopo 9 ore di interrogatorio Bellomo nega tutto

 
LecceOrganizzato da Prog On
«Canterbury Tales»: Martano capitale del Prog per una sera, con il concerto di Richard Sinclair

«Canterbury Tales»: Martano capitale del Prog per una sera, con il concerto di Richard Sinclair

 
PotenzaDai carabinieri
Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

 

i più letti

CONTRATTO SVILUPPO

Foggia, la diga di «Piano dei limiti» non si farà: costi non compatibili

Arcuri: «Costi non compatibili, niente vantaggi. Abbiamo ribaltato concetti di decenni»

la diga di Occhito

la diga di Occhito

FOGGIA - Il Cis che porta in Capitanata 280 milioni e sviluppa investimenti per 534 milioni, si inserisce in un quadro di interventi straordinari. Tuttavia i pareri non sono unanimi e gli imprenditori in particolare sottolineano l’esigenza di metter mano alle grandi opere (la strada regionale 1, la diga di Piano dei limiti, il distretto turistico del Gargano), misure ritenute in grado di incidere davvero sull’economia locale. Qual è allora la metodologia adottata nella valutazione dei progetti, è possibile un “ripescaggio” delle grandi opere? Lo abbiamo chiesto all’amministratore delegato di Invitalia, Domenico Arcuri, l’agenzia per lo sviluppo del governo che ha selezionato i progetti.

L’esigenza del Cis qual è: dare risposte urgenti al territorio?
«Il Presidente del Consiglio Conte, alcuni mesi fa, ha raccolto il bisogno dei territori del Mezzogiorno a maggior ritardo di sviluppo e ha deciso di soddisfarli attraverso lo strumento del Contratto Istituzionale di Sviluppo, mettendo in campo una metodologia assolutamente innovativa e chiedendo a Invitalia di implementarla. Tutti sappiamo che nel Sud esistono aree che hanno un rapporto con lo sviluppo molto diverso alle quali è necessario dare risposte in un arco temporale il più ristretto possibile. È il caso della Capitanata, e non solo. Siamo quasi pronti per concludere lo stesso percorso in Molise, in Basilicata e nella provincia di Cagliari».

Perché la metodologia messa in campo da Invitalia è innovativa?
«Perché dopo decenni in cui si stabiliva prima la dotazione finanziaria e poi si cercavano i progetti per utilizzarla con risultati, in termini di ritardo di sviluppo, sotto gli occhi di tutti, abbiamo fatto esattamente il contrario: siamo andati sul territorio, ci siamo confrontati con gli attori e gli amministratori locali, abbiamo chiesto loro quale sviluppo volevano, abbiamo provocato il loro attivismo e gli abbiamo chiesto di farci delle proposte. Non libri dei sogni, ma proposte concrete che avessero tre requisiti: fossero sufficientemente strategiche, cantierabili nel breve periodo e del tutto addizionali rispetto a quelle finanziabili o finanziate con altri strumenti programmatici. Abbiamo chiesto a tutti i componenti di un tavolo istituzionale di valutarle e solo alla fine quando ci siamo convinti della qualità delle stesse il Presidente Conte ha chiesto ed ottenuto dal Cipe una dotazione finanziaria adeguata a partire. Il contrario di quello che si è fatto per decenni».

La Presidenza del consiglio parla di “primo gruppo di progetti”: ne seguiranno altri? E quali?
«I 43 progetti possono essere avviati. Poco meno di due mesi dopo la delibera di assegnazione delle risorse da parte del Cipe. Il volume complessivo dell’investimento rispetto alla dimensione del territorio è oggettivamente di grande impatto. Come è stato più volte detto, ora dobbiamo accelerarne la realizzazione e, credetemi, in un tempo così ristretto è davvero tanto. Nel frattempo cercheremo le risorse dovunque si possano trovare. Penso ad esempio alle dotazioni che giacciono da tempo nei vari ministeri o ai prossimi disimpegni dei Fondi di sviluppo e coesione non utilizzati dalle amministrazioni locali per selezionare ed attivare un secondo gruppo di interventi».

Non ci sono però le grandi opere epocali: la diga di Piano dei limiti, il distretto turistico del Gargano, l’agroalimentare.
«Se può concedermi una battuta: di epocale, nel Sud, c’è solo il ritardo dello sviluppo. Più o meno lo stesso da 60 anni. Il Cis contiene interventi che, nel loro complesso, possono contribuire a cambiare le traiettorie della crescita in Capitanata. Poi, ovviamente, non essendo le risorse infinite nè la capacità progettuale eterna, non tutto può essere fatto subito. Sono alcuni decenni, ad esempio, che viene proposta la realizzazione della Diga di Piano dei Limiti, ci sarà pure una ragione per la quale non è stata ancora finanziata. Io un’idea me la sono fatta: il costo dell’opera non è compatibile con i benefici che porterebbe al territorio».

Progetti importanti come quelli di Leonardo e Snam non sono però stati discussi con il territorio, può dirci che ricadute avranno?
«È davvero una bella notizia, all’inizio del tutto inaspettata, sapere che due grandi aziende che competono sui mercati globali abbiano deciso di fare un investimento in Capitanata. Produrranno innovazione, nuova occupazione di qualità ed effetti indotti che si moltiplicheranno sul territorio. Il Sud, in fondo, è un posto strano: reclama sviluppo e poi quando arriva discute sulla sua genesi. Escludo che ci sia un cittadino normale foggiano che non sia felice dall’apprendere che molte grandi imprese, tra cui queste, hanno deciso di investire vicino a casa sua».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie