Lunedì 26 Agosto 2019 | 02:07

NEWS DALLA SEZIONE

Tragedia nel Foggiano
Cade in mare da barca condotta dal marito: donna muore al largo di Foce Varano

Cade da barca condotta dal marito: donna muore al largo di Foce Varano

 
La band canta in via Zara
I «Kolors» oggi a Foggia per un concerto gratuito

I «Kolors» oggi a Foggia per un concerto gratuito

 
Arrestato 22 enne
Foggia, picchia la compagna incinta e le dice: Muori tu e il bambino

Foggia, picchia la compagna incinta e le dice: Muori tu e il bambino

 
Lotta alla droga
Trinitapoli, beccati 92 pacchi di cannabis light, ma in realtà era marijuana illegale

Trinitapoli, beccati con 92 pacchi di finta-cannabis light: arrestati in 2

 
Il caso
Foggia senza un canile: cuccioli salvati da volontari

Foggia senza un canile: cuccioli salvati da volontari

 
La condanna
Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

 
Dai Cc
San Ferdinando, aveva una pistola con cartucce: arrestato 49enne

San Ferdinando, aveva una pistola con cartucce: arrestato 49enne

 
Aggressione verbale
Cerignola, vuole la precedenza al pronto soccorso e infierisce sul medico

Cerignola, vuole la precedenza al pronto soccorso e infierisce sul medico

 
L'inchiesta
Cerignolano ucciso a Lodi, dubbi del pm sul movente della gelosia

Cerignolano ucciso a Lodi, dubbi del pm sul movente della gelosia

 
L'idea di due gelatai
Zapponeta, per preparare gelati usano la bava di lumaca invece dell’acqua

Zapponeta, per preparare gelati bava di lumaca al posto dell’acqua

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceTragedia nel Salento
Si sente male mentre fa pesca subacquea: muore 56enne a Casalabate

Malore mentre fa pesca subacquea: muore 56enne a Casalabate

 
FoggiaTragedia nel Foggiano
Cade in mare da barca condotta dal marito: donna muore al largo di Foce Varano

Cade da barca condotta dal marito: donna muore al largo di Foce Varano

 
BariL'appuntamento
Distorsioni sonore: creatività e fantasia si incontrano ad Acquaviva

Distorsioni sonore: creatività e fantasia si incontrano ad Acquaviva

 
BatL'idea
Barletta, un mosaico a Canne per non dimenticare la storia

Barletta, un mosaico a Canne per non dimenticare la storia

 
MateraIncidente stradale
Tricarico, auto finisce contro il guard rail: 4 feriti, 3 sono gravi

Tricarico, auto finisce contro il guard rail: 4 feriti, 3 sono in gravi

 
BrindisiLa furia di un 53enne
Brindisi, la moglie lo lascia e lui distrugge i mobili: allontanato da casa

Brindisi, la moglie lo lascia e lui distrugge i mobili: allontanato da casa

 
PotenzaSanità
Potenza, al S. Carlo carenza di medici: colpa delle «porte girevoli»

Potenza, al S. Carlo carenza di medici: colpa delle «porte girevoli»

 
TarantoSanità
Castellaneta, chiuso il punto nascite in ospedale: bimbi trasferiti

Castellaneta, chiuso il punto nascite in ospedale: bimbi trasferiti

 

i più letti

Agroalimentare

Foggia, aste sottocosto e cappio alle imprese

La Coldiretti chiede un freno alla Grande distribuzione: «Hanno falsato il mercato»

Incentivi, pronti sei miliardi  per le imprese agroalimentari

FOGGIA - Se la grande distribuzione organizzata pagasse il giusto agli agricoltori, non ci sarebbe forse sfruttamento di manodopera e il caporalato potrebbe diventare una definizione d’antan. Alla recente visita della Commissione parlamentare Antimafia queste cose la Coldiretti le ha riferite senza peli sulla lingua, mettendo all’indice il sistema ormai largamente diffuso e strutturato delle aste a doppio ribasso che «falsano il mercato del lavoro in campagna caratterizzato dai prezzi troppi bassi». È una piaga tipica dell’agricoltura foggiana quella delle vendite al ribasso, ancorchè diffusissima altrove. Si è cominciato trent’anni fa con il pomodoro da industria, schiacciato dai grandi commercianti della Campania che proponevano acquisti da «prendere o lasciare» alle imprese e si è andati avanti su questa falsariga negli anni e un po’ su tutti gli altri comparti della ricca campagna foggiana. Sono cambiati certamente gli attori, ma il sistema del sottocosto è diventato un cappio per molti produttori nostrani. Sott’accusa finiscono le grandi catene di vendita che possono esercitare evidentemente un potere contrattuale tale da imporre il prezzo. E chi non ci sta è fuori. «La vendita sottocosto - spiega Giuseppe De Filippo, presidente provinciale di Coldiretti - avviene attraverso una procedura condotta on line, nel corso della quale i fornitori sono chiamati a presentare la loro offerta al prezzo più basso e, nel corso di una seconda asta on-line, a presentare un ulteriore ribasso sulla base di prezzo risultata inferiore nella fase precedente».
Non meno spregiudicato il meccanismo delle aste elettroniche: una prassi commerciale - rivela ancora Coldiretti - legata ad una posizione dominante acquisita nella filiera con effetti predatori sulle imprese a valle. «In questo modo la vendita sottocosto, in particolare nel settore alimentare, diventa un vero e proprio illecito concorrenziale per aggiudicarsi dai fornitori ingenti quantitativi di prodotti alimentari al prezzo più basso o, meglio, a prezzi ben inferiori ai costi di produzione».

La Coldiretti dice basta, questa pratica sta diventando peraltro un’agonia per molte imprese che continuano a impoverirsi. Secondo dati dell’Ismea riferiti ai parlamentari durante la visita a Foggia dell’Antimafia, «per ogni euro di spesa in prodotti agroalimentari freschi come frutta e verdura solo 22 centesimi arrivano al produttore agricolo, ma il valore scende addirittura a 2 centesimi nel caso di quelli trasformati dal pane ai salumi fino ai formaggi».

Urge una riforma seria del settore, passando anche attraverso la semplificazione delle norme. La promessa di un «pit stop» alla legge sul caporalato fatta domenica a Foggia dal ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, prevede la convocazione di un tavolo tecnico al quale sono state invitate a partecipare tutte le organizzazioni agricole della Capitanata. «La legge non va stravolta - avverte De Filippo - ma è certamente da migliorare nelle parti che non hanno funzionato, prevedendo azioni comuni da intraprendere per far incontrare in maniera trasparente domanda e offerta di lavoro in agricoltura». Da dove cominciare allora? «Tangibile e concreta semplificazione - suggerisce Coldiretti - ad iniziare dalle visite mediche preventive, pulendo le sacche di grigio, a partire dal trasporto dei lavoratori nei campi che rappresenta un aspetto fondamentale del business dei caporali, facendo controlli mirati, in particolare nei confronti delle cooperative senza terra che svolgono solo ed esclusivamente servizi agricoli».

Sui temi della sicurezza l’organizzazione dei berretti gialli chiama in causa anche il ministro dell’Interno, Matteo Salvini (sarà a Foggia domani in tour elettorale). «Le aree rurali sono drammaticamente esposte alla stagionalità delle attività criminose in campagna - conclude De Filippo - squadre ben organizzate tagliano i ceppi dell’uva da vino a marzo e aprile, rubano l’uva da tavola da agosto ad ottobre, le mandorle a settembre, le ciliegie a maggio, rubano le olive da ottobre a dicembre, gli ortaggi tutto l’anno, dimostrando che alla base dei furti ci sono specifiche richieste di prodotti redditizi perché molto apprezzati dai mercati, rubano gli ulivi monumentali perché qualcuno evidentemente li ricerca».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie