Mercoledì 24 Aprile 2019 | 19:47

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Giannini: «Al treno-tram la Regione ha rinunciato»

Giannini: «Al treno-tram Foggia-Manfredonia la Regione ha rinunciato»

 
A rischio 1,8 milioni di chilometri
Foggia, il trasporto locale non regge I sindacati: «Si salvi il lavoro»

Foggia, trasporto locale non regge. Sindacati:«Si salvi il lavoro»

 
La strage
Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

 
Sull'Isola di Capraia
Migranti, 17 curdi sbarcano alle Isole Tremiti: tra loro donne e bambini

Migranti, 18 curdi sbarcano alle Isole Tremiti: hanno pagato 4mila euro per il viaggio

 
Violenza in famiglia
Rodi Garganico, minaccia i parenti con bastone e aggredisce i cc: arrestato 60enne

Rodi Garganico, minaccia i parenti con bastone e aggredisce i Cc

 
Occupazione
Foggia, nuove assunzioni in Camera di commercio

Foggia, nuove assunzioni in Camera di commercio

 
Spaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
Un 23enne
Cerignola, spacciatore ingoia dosi di coca: è in Rianimazione

Cerignola, spacciatore ingoia dosi di cocaina: finisce in Rianimazione

 
Operazione Ultimo Avamposto
Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

 
Contratto di sviluppo
Distretto agroindustria, Foggia vuole 100 milioni

Distretto agroindustria, Foggia vuole 100 milioni

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
LecceTecnologia
Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

 
BatLavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
FoggiaL'intervista
Giannini: «Al treno-tram la Regione ha rinunciato»

Giannini: «Al treno-tram Foggia-Manfredonia la Regione ha rinunciato»

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 

Cieli aperti

Foggia, droni a go-go Amendola vuole più sicurezza

Lo stormo vuol governare l’uso indiscriminato degli oggetti volanti anche con i fucilieri

droni

FOGGIA - L’università del volo ha lasciato il posto al centro di eccellenza dei velivoli senza pilota. Ad Amendola volano i Predator che sono delle dimensioni di un aereo vero e proprio, manca solo il pilota. E da un po’ si fa scuola anche sui droni, oggetti volanti dagli impieghi più disparati: nell’agricoltura, in edilizia, nello spettacolo, in eventi vari (matrimoni ad esempio). Tantissimi gli appassionati, molti quelli che si improvvisano, la cronaca segnala anche utilizzi poco ortodossi: qualcuno pensò un anno fa di servirsi di uno di questi aggeggi per portare droga e armi nel carcere di Taranto. E nel gennaio scorso i voli dell’hub internazionale di Heathrow a Londra rimasero a terra per diverse ore a causa di un oggetto volante non identificato.
Eccessiva forse la deregulation sull’impiego di questi oggetti di piccolissime dimensioni, un pericolo in agguato. Al punto che l’Aeronautica sta pensando di impiegare i fucilieri del 16° stormo e si sta valutando come intervenire per scoraggiare impieghi non consentiti.

Ma i droni sono soprattutto libertà e scoperta. Si moltiplicano le riprese dall’alto, i cittadini grazie alle immagini panoramiche pubblicate sui social hanno imparato a conoscere porzioni del proprio territorio e delle proprie città mai viste prima. Una vera rivoluzione nel mondo dell’immagine e della comunicazione che il Centro di eccellenza per aeromobili a pilotaggio remoto di Amendola prova a governare dall’alto delle sue competenze. Si è infatti appena concluso il 21° corso per operatori a pilotaggio remoto di classe mini e micro, di peso inferiore ai 20 chilogrammi, per l’addestramento teorico e pratico e l’uso in sicurezza della conduzione degli “Apr” volgarmente detti, appunto, “Droni”. Al corso erano iscritti 17 partecipanti espressione delle forze armate più altri tredici di altri Corpi dello Stato (Guardia di Finanza, Capitanerie di Porto, Vigili del Fuoco). Durante le lezioni teorico-pratiche sono state fornite agli allievi istruzioni per pilotare un aereo a pilotaggio remoto in tutta sicurezza. «Il corso è diventato un punto di riferimento per Carabinieri e Guardia di finanza - spiega alla Gazzetta il colonnello Andrea Esposito, responsabile del Centro di eccellenza velivoli senza pilota del Trentaduesimo stormo di Amendola - forniamo loro un addestramento basico e tutti gli elementi per muoversi in sicurezza. Sono mezzi molto efficaci, di grande manegevolezza, non occorre un livello di conoscenza eccelso per poterli guidare, almeno gli Aprm fino ai 20 chili, ma naturalmente bisogna avere una buona capacità addestrativa e soprattutto saper guidare questi mezzi in completa sicurezza».

L’impiego dei velivoli senza pilota, sin dal primo avvento (una quindicina di anni fa), è stato centrato esclusivamente sull’impiego per scopi militari, un po’ come accaduto per le comunicazioni via Internet divenute di dominio pubblico dopo decenni di trasmissioni militari in rete. Ad Amendola opera il 28° gruppo per l’addestramento sui velivoli senza pilota, quelli usati per le missioni militari in giro per il mondo negli scenari in cui l’Italia è impegnata. Ma a seguito dell’utilizzo sempre più diffuso anche in campo civile di questi aggeggi anche molto piccoli, si è ormai affermata la natura “duale” dell’impiego dei droni sia in campo militare che civile, segmento che va disciplinato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400