Venerdì 17 Settembre 2021 | 00:06

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Il caso

Parcheggiatore abusivo racimola 18 euro, prende multa di 871

L'uomo, a Foggia, stava "lavorando" in un'area dov'è prevista la sosta a pagamento con personale autorizzato

Parcheggiatore abusivo racimola 18 euro, prende multa di 871

Quando gli agenti della «volanti» l’hanno trovato in largo degli Scopari (la piazzetta tra corso Vittorio Emanuele II e Via Dante Alighieri) dove faceva il posteggiatore abusivo peraltro in un’area dov’è prevista la sosta a pagamento con personale autorizzato, l’uomo che tirava a campare chiedendo soldi agli automobilisti in cerca di un posto dove posteggiare, aveva racimolato in alcune ore di lavoro, abusivo 18 euro. Quando è uscito dalla Questura dopo identificazione, accertamenti e multe, non solo i 18 euro gli erano stati sequestrati «quale provento dell’esercizio senza autorizzazione dell’attività di parcheggiatore», ma i poliziotti l’avevano anche informato che dovrà pagare ben 871 euro per quel lavoro abusivo: 771 in quanto multato per aver violato il codice della strada e in particolare la norma che sanziona i posteggiatori abusivi; ed ulteriori 100 euro quale sanzione pecuniaria per aver viollato il «decreto Minniti». Vale quindi la pena di fare il posteggiatore abusivo?
La domanda è sottintesa alla lunga nota stampa diffusa dalla Questura per rendere noto che i servizi contro l’abusivismo, sia quelli relativo ai parcheggiatori abusivi sia a chi vende senza licenza in strada frutta, verdura e anche generi alimentari, proseguono con conseguenze pecuniarie, sotto forma di multa, e amministrative per chi viola le norme.


«Su specifica disposizione del questore, Polizia e vigili urbani» si legge nel comunicato «hanno intensificato le attività di repressione del fenomeno dei parcheggiatori abusivi che, unitamente ad altre forme di abusivismo, sono ritenute la espressione più evidente di illegalità poste in essere. Il rilancio di tali attività tende ad eliminare del tutto il fenomeno, notevolmente ridottosi rispetto al passato, proprio grazie alla incisività con la quale Polizia e vili urbani perseguono questo obiettivo. La stessa attenzione è rivolta a tutte le altre forme di abusivismo, come quella dei venditori ambulanti privi di qualsiasi autorizzazione, in alcuni casi anche utilizzando mezzi privi di assicurazione e dei requisiti per circolare su strada, segno evidente di protervia, senso di disprezzo delle regole basilari di legge».


La Questura rende noto che da inizio anno «sono stati eseguiti numerosi servizi contro l’abusivismo con l’identificazione di 8 persone,, per lo più gravate da precedenti di Polizia, che sono state sanzionate». Oltre multe per violazione delle leggi e del «decreto Minniti», ai posteggiatori abusivi viene impartito - come nell’ultimo caso - anche «l’ordine di allontanarsi dal luogo» dove lavorava abusivamente «col divieto di farvi ritorno per le successive 48 ore». Se non si obbedisce a questo ordine e si viene scoperti, scatta una multa doppia rispetto a quella prevista, con la possibilità che il questore possa applicare il «Daspo» urbano che comporta il divieto di accesso nell’area sino a 6 mesi. E chi non rispetta il «Daspo» può essere conannato penalmente sino a 1 anno di arresto con ammenda da 2nila a 7mila euro. «Per eliminare del tutto il fenomeno dei posteggiatori abusivi» conclude la nota «la Questura avverte che non ci ci sarà alcuna tolleranza, considerati anche i precedenti di polizia che spesso caratterizzano questi soggetti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie