Sabato 15 Maggio 2021 | 03:10

NEWS DALLA SEZIONE

Il tour
Due tappe pugliesi per il ritorno live di Francesco De Gregori

Due tappe pugliesi per il ritorno live di Francesco De Gregori

 
Televisione
«Love is love», la lotta all'omofobia e al bullismo arriva in tv

«Love is love», la lotta all'omofobia e al bullismo arriva in tv

 
Musica
«Abissale», il tour di Gio Evan tocca anche la Puglia

«Abissale», il tour di Gio Evan tocca anche la Puglia

 
Arte
Otranto lancia campagna promozione per l'estate: in arrivo la mostra di Banksy

Otranto lancia campagna promozione per l'estate: in arrivo la mostra di Banksy

 
L'iniziativa
Grumo, arriva «Sulle ali della libertà», premio in memoria di Alessandro Fariello

Grumo, arriva «Sulle ali della libertà», premio in memoria di Alessandro Fariello

 
La riflessione
Se la lettura ci fa «respirare» la speranza

Se la lettura ci fa «respirare» la speranza

 
La premiazione
David 2021, la miglior canzone a sorpresa è Immigrato di Checco Zalone

David 2021, la miglior canzone a sorpresa è Immigrato di Checco Zalone

 
Spettacoli
Bari, al Teatro Petruzzelli torna il pubblico: via a concerti e visite guidate

Bari, al Teatro Petruzzelli torna il pubblico: via a concerti e visite guidate

 
Ciak, si gira
Nardò, il centro storico diventa il set di «Cops 2»

Nardò, il centro storico diventa il set di «Cops 2»: ieri le riprese anche a Neviano

 
La collaborazione
La copertina made in Puglia di Caparezza

La copertina made in Puglia di Caparezza

 
Zona Gialla
Bari, i cinema parrocchiali «battono» le multisale: domani riaprono Splendor ed Esedra, il 19 il Piccolo

Bari, i cinema parrocchiali «battono» le multisale: domani riaprono Splendor ed Esedra, il 19 il Piccolo

 

Il Biancorosso

L'intervista
Galano tra due grandi amori: «Bari e Foggia, che brividi»

Galano tra due grandi amori: «Bari e Foggia, che brividi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaDibattito
Moles, «da Forza Italia contributo fondamentale al Governo»

Moles, «da Forza Italia contributo fondamentale al Governo»

 
LecceL'iniziativa
Il riso della Coldiretti contro gli scafisti

Il riso della Coldiretti contro gli scafisti

 
TarantoEx Ilva
«L'aria di Taranto 20 volte più pulita di quella di Milano»

«L'aria di Taranto 20 volte più pulita di quella di Milano»

 
LecceTurismo
Otranto e Bari regine sulla stampa internazionale

Otranto e Bari regine sulla stampa internazionale

 
Brindisila denuncia
Brindisi, arrivano le fototrappole ma il centro storico resta una vergogna

Brindisi, arrivano le fototrappole ma il centro storico resta una vergogna

 
BatLa curiosità
Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

 
MateraLa novità
Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

 

i più letti

Televisione

«Che Dio ci aiuti», quelle parole della fiction nate nel Salento

Dalla penna di Silvia Leuzzi, 31 anni di Nardò, a capo dell'équipe di scrittura

«Che Dio ci aiuti», quelle parole della fiction nate nel Salento

«Non mi faccia la suora comprensiva che Dio ama tutti, perché i bulli non li ama». Questa è una delle citazioni tratte da Che Dio ci aiuti. Tra i segreti della serie Rai che è divenuta irrinunciabile per una fetta del pubblico italiano (la sesta stagione ha chiuso con 6.113.000 spettatori per il 27.1% di share) vi è la penna di Silvia Leuzzi. La trentunenne di Nardò è a capo dell’equipe di scrittura di questa fiction capace di rendere la figura divina alla portata di tutti. L’opera, come spiega Leuzzi, «è frutto di un lavoro che inizia già nelle writers’ room, dove ci chiudiamo per settimane per ideare la storia da zero, per poi arrivare alla fase di scrittura vera e propria che, giorno dopo giorno, emozione dopo emozione, si riempie di scene e dialoghi, fino a diventare la sceneggiatura di un episodio. Come capo scrittura di Che Dio ci Aiuti ho il compito non solo di creare la storia e di scrivere la sceneggiatura, ma mi occupo anche di supervisionare il lavoro degli autori esterni per assicurarmi che venga rispettata un’unità di linguaggio». Leuzzi, così, collabora nella creazione del prodotto-serie «con Francesco Vicario per gli aspetti della regia, leggo i copioni con gli attori prima di iniziare le riprese. Insomma seguo l’intero processo creativo. Ci tengo però a sottolineare che il nostro è un lavoro di squadra. Per questo posso affermare che io, Umberto Gnoli (co-headwriter), Sabina Marabini (storyeditor) e Elena Bucaccio (capo della fiction LuxVide) siamo le «mani» che danno vita a Che Dio ci Aiuti».

Lo storytelling cinematografico è diventato strategico, misurato in termini di spettatori sullo streaming globale. Per tale ragione Leuzzi si ritiene «orgogliosa» delle scelte formative fatte che, dalla laurea in Scienze e Tecnologie delle Arti e dello Spettacolo al Corso di Alta Formazione in Scrittura per la fiction e il cinema, l’hanno spinta ad essere una delle risorse della Lux Vide, società di produzione leader sul mercato italiano dello scripted. «Il corso di laurea in Scienze e Tecnologie delle Arti e dello Spettacolo - spiega la sceneggiatrice - mi ha permesso di scoprire un mondo che conoscevo superficialmente e di individuare al suo interno quale potesse essere il ruolo più adatto a me. Il master in Scrittura per la fiction e il cinema, del Prof. Armando Fumagalli, è stato però il trampolino per il lavoro. Ho studiato con i più importanti professionisti del settore audiovisivo, italiani e americani. È stato proprio durante un’esercitazione di scrittura che Mario Ruggeri, autore di fiction di successo, ha apprezzato una mia sceneggiatura, tanto da fare il mio nome in Lux Vide. Non avevo ancora terminato il Master, che avevo già un primo contratto con questa grande realtà. Nel giro di qualche anno sono diventata non solo sceneggiatrice ma anche capo scrittura, di Che Dio ci Aiuti e di altre serie attualmente in produzione. Per questo sarò sempre grata a Luca Bernabei, l’Ad della Lux Vide, e a Elena Bucaccio, mia maestra sul campo, che mi ha passato il testimone dell’amata Che Dio ci Aiuti».

Dalla serie sulle suore che avrà la sua settima stagione a Don Matteo per Rai Uno e sino all’Isola di Pietro per Canale 5. La sua penna ha sinora sfornato trame per tredici stagioni. Dove trova l’ispirazione Silvia Leuzzi? «Credo che la creatività sia qualcosa di innato - risponde la pugliese -. Io ho sempre inventato storie, sin da bambina, mi viene naturale. Per esempio in questo momento sto scrivendo un episodio per Doc, il medical drama Rai, mentre sono capo scrittura di una nuova fiction Mediaset, che mescola commedia e giallo. Ecco, nei momenti di difficoltà il mio principale supporto sono le persone, perché il mondo è pieno di storie. Basta guardarsi intorno e saper ascoltare». «Andare via a volte è facile, non sai quello che ti riserverà il futuro... tornare invece è molto più difficile». Uno dei monologhi che fanno di Angela, alias Elena Sofia Ricci, la suora più amata dagli italiani, spingono a leggere la storia di Leuzzi, uno dei tanti talenti pugliesi costretti ad emigrare per diventare qualcuno: «Tv e cinema sono una realtà lontana dalla mia terra. Quindi nel mio caso, e probabilmente nel caso di altri giovani, è stato obbligatorio partire. Ma con me mi porto qualcosa di noi, gente del Sud, che ci rende allo stesso tempo speciali e uguali».


Per chi scrive all’ombra di un’opera cinematografica, la gloria potrà arrivare solo quando la virtù viene riconosciuta da un premio, come un David o addirittura un Oscar. Ma Leuzzi pensa questo: «Io cerco di vincere un altro premio, che forse non luccica allo stesso modo ma è ugualmente importante: il cuore delle persone che seguono le mie storie. Entrare nelle loro case e riuscire a portarci un’emozione. Non è già questa una vittoria?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie