Giovedì 15 Aprile 2021 | 04:38

NEWS DALLA SEZIONE

Musica
Minneapolis, concerto web di Beatrice e Ludovica Rana nell'abbazia di Cerrate

Minneapolis, concerto web di Beatrice e Ludovica Rana nell'abbazia di Cerrate

 
La festa
Il 13 aprile si festeggia la Giornata mondiale del bacio

13 aprile si festeggia la Giornata mondiale del bacio: il messaggio di Decaro ai nonni nelle Rsa

 
Mondo
Addio a Filippo d'Edimburgo,  Union Jack a mezz'asta in segno di lutto su Buckingham Palace

Addio a Filippo d'Edimburgo, Union Jack a mezz'asta in segno di lutto su Buckingham Palace

 
Il contest
#1MNext: 5 artisti pugliesi tra i 50 che si giocano un posto sul palco del Concerto del Primo Maggio di Roma

#1MNext: 5 artisti pugliesi tra i 50 che si giocano un posto sul palco del Concerto del Primo Maggio di Roma

 
L'anticipazione
Fuori dal 7 aprile il nuovo singolo della salentina Alessandra Amoroso

Fuori dal 7 aprile il nuovo singolo della salentina Alessandra Amoroso

 
Il film
«Passio Christi»: l'attore pugliese Vito Lopriore scelto da Michele Placido per il ruolo di Gesù

«Passio Christi»: l'attore pugliese Vito Lopriore scelto da Michele Placido per il ruolo di Gesù

 
Televisione
«Unlockdown», la convivenza forzata di 5 adolescenti nella serie diretta dal pugliese Gianluca Leuzzi

«Unlockdown», la convivenza forzata di 5 adolescenti nella serie diretta dal pugliese Gianluca Leuzzi

 
Musica
Il ritorno di Caparezza, dal 7 maggio arriva il nuovo album Exuvia

Il ritorno di Caparezza, dal 7 maggio arriva il nuovo album Exuvia

 
La novità
Un pezzo di Puglia sbarca su Isoradio, rete di viaggio: tra loro anche Arbore

Un pezzo di Puglia sbarca su Isoradio, rete di viaggio: tra loro anche Arbore

 
Cinema
«Come a Mìcono»: tris di premi a Cortinametraggio per il barese Alessandro Porzio

«Come a Mìcono»: tris di premi a Cortinametraggio per il barese Alessandro Porzio

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, contro il Palermo torna Celiento?

Bari calcio, contro il Palermo torna Celiento?

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariUltim'ora
Taranto, la Procura barese indaga sui lavori del nuovo ospedale

Taranto, la Procura barese indaga sui lavori del nuovo ospedale

 
TarantoIl caso
Taranto, pressing su Mittal per il reintegro del dipendente licenziato dopo post su Fb

Taranto, pressing su Mittal per il reintegro del dipendente licenziato dopo post su Fb

 
FoggiaMomenti di panico
Foggia, «Attenzione il Teatro Giordano va a fuoco»: falso allarme, è solo vapore

Foggia, «Attenzione il Teatro Giordano va a fuoco»: falso allarme, è solo vapore

 
PotenzaIl virus
Vaccini, Bardi: «Modello Basilicata scelto anche a livello nazionale»

Vaccini, Bardi: «Modello Basilicata scelto anche a livello nazionale»

 
MateraL'inchiesta
Matera, inchiesta sull'ex dg Asm: il gup archivia

Matera, inchiesta sull'ex dg Asm: il gup archivia

 
BrindisiIl caso
Versalis a Brindisi, stop agli impianti per nuova torcia a terra

Versalis a Brindisi, stop agli impianti per nuova torcia a terra

 
LecceIl caso
Lequile, avvistata la pantera vicino a un market da un autista

Lequile, nuovo avvistamento della pantera: era vicino un market

 
BatL'episodio
Barletta, viola coprifuoco e aggredisce poliziotto per evitare sanzione: arrestato

Barletta, viola coprifuoco e aggredisce poliziotto per evitare sanzione: arrestato

 

i più letti

La riflessione

Il Leonardo televisivo, un kolossal di fake news

Il Da Vinci televisivo non è solo un’occasione persa per raccontare la vita straordinaria di un genio italiano e del contesto in cui è vissuto

Il Leonardo televisivo, un kolossal di fake news

Il kolossal su Leonardo da Vinci, annunciato da giorni, l’altra sera è andato in onda. Un successo strepitoso con quasi sette milioni di telespettatori e il 28,2 per cento di share. Del resto con quegli attori, con quel regista e soprattutto con un soggetto che resta uno dei pilastri della cultura mondiale non poteva essere diversamente. La trama è data da una serie di ricordi che affiorano mentre Leonardo è in cella con l’accusa di aver assassinato Caterina da Cremona, ex modella e sua amica.

Per discolparsi o quantomeno per cercare di dare una spiegazione innanzitutto a se stesso, Leonardo parla a lungo col capitano delle guardie che l’ha arrestato, una figura a metà fra Montalbano e Irma Tataranni.
Gli attori sono bravi, a cominciare da Giancarlo Giannini che interpreta Andrea del Verrocchio, grande pittore nonché maestro del giovane Leonardo. I costumi e la fotografia sono quanto mai accurati e d’effetto, riuscendo a rendere in maniera assai realistica il racconto, così come sono azzeccate le ambientazioni e i luoghi.

Bene, si dirà, allora tutto perfetto, successo meritato e non solo frutto della lunga campagna pubblicitaria, inclusi anche gli annunci durante i principali tg Rai. Purtroppo non è così. La chiave introspettiva scelta dagli autori e dal regista può essere un modo originale per capire la genialità di Leonardo e di riproporlo al grande pubblico. Ma nel Leonardo televisivo siamo di fronte a una gigantesca fake news, anzi a una serie di fake news. Leonardo non è mai andato in prigione, non è stato mai accusato di omicidio e tale Caterina da Cremona avrebbe forse posato per lui una volta. Soprattutto non esiste alcuna «maledizione» sul capo del genio di Vinci, maledizione che nel kolossal Rai addirittura viene fatta risalire alla predizione di una megera fatta quando Leonardo nacque e che lo tormenterà per tutta la vita. E questo della «maledizione» è il filo rosso che lega tutti gli episodi narrati.

Gli autori hanno ammesso di aver lavorato di fantasia per riempire i tanti buchi nella biografia del genio vinciano. Peccato che si sia andati però in una sola direzione: inserire un po’ di mistero, di noir e di sesso per rispondere in pieno ai canoni narrativi americani e ai desideri del pubblico. È vero che il Leonardo televisivo non poteva essere un docufilm, ma è altrettanto vero che non poteva essere inserito in un contesto così ricco di americanate. Leonardo non sono I Medici, con cui è stata fatta la stessa operazione. Perché Leonardo lo conoscono tutti e ieri è stata sconvolta l’idea che ciascuno ne aveva. Anche uno sceneggiato, una fiction contribuiscono a diffondere fake news, non solo i social o i giornali. E la cosa è più grave se fatta dalla Rai, che dovrebbe svolgere un servizio pubblico, e se avviene durante un periodo in cui tutte le scuole sono in Dad. I ragazzi vanno in confusione e non credono più ai loro docenti che non gli hanno mai parlato della maledizione, dell’arresto, dell’omicidio e chissà di che altro scopriremo nelle prossime puntate.

Alla fine il Leonardo televisivo non è solo un’occasione persa per raccontare la vita straordinaria di un genio italiano e del contesto in cui è vissuto. La storia dell’Italia di oggi ha le sue radici là. Indagare su Leonardo e raccontarlo non è solo una lezione di storia dell’arte, è andare anche alla ricerca della storia di un popolo, delle radici politiche di una divisione fra governo e regioni che dura da secoli e che forse oggi è la stessa che mette in crisi la lotta al Covid. Invece bisogna accontentarsi solo di una serie di insidiose fake news per fare audience, alla faccia della verità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie