Lunedì 19 Aprile 2021 | 04:24

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
I funerali di Filippo d'Edimburgo: fiori e palloncini fuori da Windsor Castle

I funerali di Filippo d'Edimburgo: fiori e palloncini fuori da Windsor Castle

 
Con Ministero e Siae
Foggia, tour in Corea per l'ensemble «U. Giordano»

Foggia, tour in Corea per l'ensemble «U. Giordano»

 
Il progetto
Al liceo classico di Gallipoli il salotto virtuale delle ragazze

Al liceo classico di Gallipoli il salotto virtuale delle ragazze

 
Musica
Minneapolis, concerto web di Beatrice e Ludovica Rana nell'abbazia di Cerrate

Minneapolis, concerto web di Beatrice e Ludovica Rana nell'abbazia di Cerrate

 
La festa
Il 13 aprile si festeggia la Giornata mondiale del bacio

13 aprile si festeggia la Giornata mondiale del bacio: il messaggio di Decaro ai nonni nelle Rsa

 
Mondo
Addio a Filippo d'Edimburgo,  Union Jack a mezz'asta in segno di lutto su Buckingham Palace

Addio a Filippo d'Edimburgo, Union Jack a mezz'asta in segno di lutto su Buckingham Palace

 
Il contest
#1MNext: 5 artisti pugliesi tra i 50 che si giocano un posto sul palco del Concerto del Primo Maggio di Roma

#1MNext: 5 artisti pugliesi tra i 50 che si giocano un posto sul palco del Concerto del Primo Maggio di Roma

 
L'anticipazione
Fuori dal 7 aprile il nuovo singolo della salentina Alessandra Amoroso

Fuori dal 7 aprile il nuovo singolo della salentina Alessandra Amoroso

 
Il film
«Passio Christi»: l'attore pugliese Vito Lopriore scelto da Michele Placido per il ruolo di Gesù

«Passio Christi»: l'attore pugliese Vito Lopriore scelto da Michele Placido per il ruolo di Gesù

 
Televisione
«Unlockdown», la convivenza forzata di 5 adolescenti nella serie diretta dal pugliese Gianluca Leuzzi

«Unlockdown», la convivenza forzata di 5 adolescenti nella serie diretta dal pugliese Gianluca Leuzzi

 

Il Biancorosso

Serie c
Calcio Bari, Carrera: con Palermo buona prestazione di carattere

Calcio Bari, Carrera: con Palermo buona prestazione di carattere

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariMaltempo
Primavera tardiva, in arrivo piogge e temporali su Bari e provincia

Primavera tardiva, in arrivo piogge e temporali su Bari e provincia

 
TarantoIl caso
Taranto, boom di vaccinazioni al Centro Commerciale Portale dello Ionio: tutti con AstraZeneca

Taranto, boom di vaccinazioni al Centro Commerciale Porta dello Ionio: tutti con AstraZeneca

 
LecceIl caso
Lecce, minaccia e maltratta compagna: arrestato 55enne

Lecce, minaccia e maltratta compagna: arrestato 55enne

 
BatIl caso
L'allarme del procuratore Nitti: «La Bat è preda delle mafie»

L'allarme del procuratore Nitti: «La Bat è preda delle mafie»

 
MateraIl virus
Salgono a 9 i paesi in rosso in Basilicata: guardia alta su altri 6

Salgono a 9 i paesi in rosso in Basilicata: guardia alta su altri 6

 
PotenzaIl caso
Franco Pepe, il re della pizza «sbarca» in Basilicata al San Barbato di Lavello

Franco Pepe, il re della pizza «sbarca» in Basilicata al San Barbato di Lavello

 
FoggiaIl caso
Foggia, accoltellato nel ghetto: 3 ferite di striscio a petto, il giovane se la caverà

Foggia, accoltellato nel ghetto: 3 ferite di striscio a petto, il giovane se la caverà

 
BrindisiIl caso
Brindisi, il rush finaledei 5 candidati sindaco

Pressioni su ex dirigente del Comune: indagato il sindaco di Brindisi

 

i più letti

Parla il manager

«Puglia, radici e famiglia ecco l’Achille Lauro privato»

E aspettando Sanremo, anche una visita in incognito a Gravina

«Puglia, radici e famiglia ecco l’Achille Lauro privato»

È uno degli ospiti più attesi del settantunesimo Festival di Sanremo. Achille Lauro, all’anagrafe Lauro De Marinis, in queste ore sta mettendo a punto gli ultimi dettagli dei cinque «quadri» - uno per ogni serata - che interpreterà sul palco del teatro Ariston, cantando con l’orchestra dal vivo. Pochi giorni fa, però, forse per rilassarsi in vista dell’impegno festivaliero, ha fatto un salto, in incognito, a Gravina, la città di suo nonno Federico Filippo De Marinis, che fu prefetto, al quale dall’anno scorso è intitolata una via cittadina. E sotto quel cartello stradale si è scattato un selfie insieme con la affezionata cugina di primo grado Maria Pina Digiesi, avvocato e consigliera comunale di maggioranza della città murgiana. Personaggio eclettico, il trentenne Lauro (è questo il suo nome di battesimo) è il perno di una vera e propria factory della quale fanno parte il suo manager, il materano Angelo Calculli, e il figlio di quest’ultimo, Gregorio Calculli, compositore e direttore d’orche - stra, che lo seguiranno come ombre, in Riviera di Ponente. Delle sue cinque esibizioni sul palcoscenico ligure si sa che sarà da solo (non ci sarà Boss Doms, quello del discusso bacio del 2020) e che vestirà abiti Gucci disegnati appositamente per lui in virtù di una esclusiva consolidata. L’anno scorso, pochi giorni dopo la multiforme esibizione in gara con il brano Me ne frego, Lauro con l’assi - stenza di Calculli senior firmò un contratto senza precedenti nel panorama musicale nazionale: diventò direttore creativo di Elektra Records-Warner Music Italy, la leggendaria etichetta che ha lanciato e accompagnato Ac/Dc, Queen e The Doors. Dopo la recente uscita dell’album di cover 1920 nel quale rivisita classici swing come My Funny Valentine e Chicago nobilitati dalla tromba di Flavio Boltro, è impegnato nella preparazione del prossimo cd, stavolta di canzoni originali.

Per parlare dell’attuale mood dell’artista nato a Verona nel 1990, raggiungiamo al telefono Angelo Calculli, già produttore di Califano. Può rivelarci il carattere autentico del suo artista? «Lauro è un persona sensibile, legatissima ai genitori, anzi è una specie di patriarca pur essendo molto giovane. Intende la famiglia in senso quasi patriarcale. Adora trascorrere ore in compagnia non solo dei genitori ma di zii, cugini e non solo, proprio come quando da bambino trascorreva l’estate in una villa di parenti a Castellaneta Marina. Non è nato in Puglia ma ci è molto legato».

Come è nata la sua collaborazione con lui? «Collaboriamo da circa quattro anni, da quando lui ha virato sul punk rock. In effetti prima di allora io mi occupavo di produzioni jazz. Tra noi due è nata subito l’alchimia. Certo, a volte ci scontriamo. Ma ci compensiamo alla grande: lui è artista, io ragiono in termini più imprenditoriali, anche perché prima di occuparmi di musica ho lavorato nei settori dell’agrindustria e del mobile imbottito. Devo ammettere che non ho mai sbagliato un contratto».

La pandemia quanto ha sconvolto i vostri programmi? «Innanzitutto, per uno come Lauro, che ama il contatto diretto con la gente, dover rinunciare a qualsiasi esibizione live è stato molto duro. Io poi ho preso il Covid a fine ottobre, sono stato ricoverato anche in terapia intensiva a Matera, e per tre mesi lui e io ci siamo parlati solo attraverso il monitor dell’ipad. Per me, Lauro è un figlio acquisito ».

Lei ha lavorato con un pilastro della musica italiana come il compianto Franco Califano. Quando sono diversi il Califfo e Lauro? «Direi che anzi sono molto simili. Hanno un dato in comune su tutti: la originalità nella concezione dei testi, nei quali riscontro una struttura somigliante. È il vissuto che determina la unicità di un testo. E Lauro di vissuto ne ha da vendere. Non solo per gli anni trascorsi nelle borgate romane».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie