Domenica 17 Novembre 2019 | 22:58

NEWS DALLA SEZIONE

serie a
Lecce, Mancosu pronto per il «suo» Cagliari

Lecce, capitan Mancosu pronto per il «suo» Cagliari

 
Serie A
Lecce calcio, Liverani: «Con Lazio creato tanto, peccato per gli errori»

Lecce calcio, Liverani: «Con Lazio creato tanto, peccato per gli errori»

 
serie a
Lecce, niente ricorso per gol annullato a Lapadula contro la Lazio

Lecce, niente ricorso per gol annullato a Lapadula contro la Lazio

 
Serie A
Lecce finisce ko all'Olimpico, battuto dalla Lazio 4-2

Lecce finisce ko all'Olimpico, battuto 4-2 da Lazio. «Errore clamoroso su Lapadula» Foto

 
nel corso del match
Lanciò fumogeno verso il campo durante Lecce-Sassuolo: denunciato ultras giallorosso

Lanciò fumogeno verso il campo durante Lecce-Sassuolo: denunciato ultras giallorosso

 
serie a
Lecce, Petriccione: «Contro la Lazio compito difficile»

Lecce, Petriccione: «Contro la Lazio compito difficile»

 
Il caso
Razzismo contro Balotelli, la solidarietà del Lecce in un tweet

Razzismo contro Balotelli, la solidarietà del Lecce in un tweet

 
Serie A
Lecce-Sassuolo 2-2, Berardi firma il pari al Via del Mare

Lecce-Sassuolo 2-2, Berardi firma il pari al Via del Mare

 
serie a
Liverani: «Il Sassuolo mi preoccupa, serve fisicità»

Liverani: «Il Sassuolo mi preoccupa, serve fisicità»

 
Domenica
Lecce, per gara con Sassuolo ancora fermi Majer, Benzar e Farias

Lecce, per gara con Sassuolo ancora fermi Majer, Benzar e Farias

 

Il Biancorosso

serie c
Antenucci e una partita speciale: «Incrocio fra passato e presente»

Bari batte Paganese 1-0. Decide la rete di Antenucci. Rivedi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa protesta
Mittal, a Taranto sindacati sul piede di guerra: nessuno spegnerà la fabbrica

Mittal, a Taranto sindacati sul piede di guerra: nessuno spegnerà la fabbrica
Voci su blocco uscita dei camion

 
Leccemusica
«Bases», a Lecce la presentazione dell'album del sassofonista Giovanni Chirico

«Bases», a Lecce la presentazione dell'album del sassofonista Giovanni Chirico

 
Barila storia
Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

 
Materail personaggio
Da «Imma Tataranni» al cinema con «Gli uomini d'oro»: il materano Giuseppe Ragone si racconta

Da «Imma Tataranni» al cinema con «Gli uomini d'oro»: il materano Giuseppe Ragone si racconta

 
Foggiadai carabinieri
Cerignola, non si ferma all'alt e fugge con 2 figli piccoli a bordo, arrestata mamma 30enne

Cerignola, non si ferma all'alt e fugge con 2 figli piccoli a bordo, arrestata mamma 30enne

 
Brindisiin via Longobardo
Brindisi, cemento e calcinacci si abbattono al suolo: tragedia sfiorata al Casale

Brindisi, cemento e calcinacci si abbattono al suolo: tragedia sfiorata al Casale

 
Batnel nordbarese
Canosa, nuova discarica in Contrada Tufarelle, appello all'Arpa Puglia: «Decidano solo i tecnici»

Canosa, nuova discarica in Contrada Tufarelle, appello all'Arpa Puglia: «Decidano solo i tecnici»

 
Potenzail personaggio
Potenza, il Capodanno Rai ha cambiato la vita a Peppone, mito dello street food

Potenza, il Capodanno Rai ha cambiato la vita a Peppone, mito dello street food

 

i più letti

serie a

Lecce, parla l'ex Paciocco: «Babacar e Falco coppia-salvezza»

L'attaccante che lasciò il Milan per il Lecce promuove i due giocatori

Lecce, parla l'ex Paciocco: «Babacar e Falco coppia-salvezza»

A 23 anni, ha lasciato il Milan per accettare la corte del Lecce, Riccardo Paciocco, uno degli eroi della prima storica promozione in serie A centrata dalla squadra giallorossa. «Era il 1993 - ricorda l’ex attaccante - ero a tavola con la formazione rossonera. Mi si avvicinò il direttore sportivo Ramaccioni e mi disse che c’erano i dirigenti del Lecce che mi volevano parlare appena terminata la cena. Poco dopo, mi spostai in un salottino dell’hotel e mi trovai di fronte Iurlano e Cataldo».

Ride, Paciocco, nel raccontare l’episodio. «In maniera molto diretta, il presidente del club salentino mi disse: “Tu vieni a giocare nel Lecce” - racconta l’ex calciatore - Io risposi: “Presidente, ma sono al Milan”. E lui di rimando: “Cosa vuoi che mi importi, devi venire a giocare da noi”. La trattativa entrò nel vivo immediatamente perché non avevo procuratore e definivo da solo i contratti. A Iurlano e Cataldo bastò mezz’ora per convincermi. In quei 30’ sembravano Totò e Peppino in una delle loro pièce teatrali, l’uno faceva da spalla all’altro. Con la dirigenza rossonera avevano già l’accordo. Io considerai innanzitutto che nella compagine meneghina ero chiuso, avendo davanti tanti giocatori di spicco. Non a caso ero stato impiegato solo in due gare di campionato».

Prima di trasferirsi a Lecce, Paciocco telefonò a casa. «Rispose mio padre e quando seppe che stavo lasciando il Milan per accasarmi nella società salentina me ne disse di tutti i colori perché abbandonavo una società blasonata e la serie A per passare ad un club di B - sottolinea l’ex attaccante abruzzese - quando conobbe la cifra che avevo spuntato, però, cambiò opinione e mi fece i complimenti. Al di là dell’aspetto economico, feci la scelta migliore che potessi fare, in quanto a Lecce mi sono trovato benissimo, con la casacca giallorossa ho vinto e ho gioito, ho perso ed ho pianto, ma soprattutto ho vissuto in una terra stupenda, tra persone vere, genuine. Non a caso, ci torno spesso e non a caso a Lecce ho ancora tanti amici. Il presidente Iurlano è stato un secondo padre, per me come per tutti i calciatori di quell’epoca».

Domenica, il Lecce sarà di scena al “Meazza”, contro il Milan. «Ho visto in televisione tutte le gare disputate sino ad oggi dall’undici allenato da Liverani - dice Paciocco - per salvarsi, la squadra ha bisogno di esprimersi al Via del Mare con la stessa spensieratezza che si nota in trasferta. È come se in casa avvertisse troppa pressione ed invece è meraviglioso scendere in campo nello stadio amico, dinanzi a spalti gremiti. Contro i rossoneri, Mancosu e compagni devono provare ad essere corsari. Il Milan non sta attraversando un buon momento e non può trovare in un sol colpo tutte le sue certezze per il solo fatto di avere cambiato tecnico».

Quella composta da Khouma Babacar e da Filippo Falco è la coppia preferita da Paciocco per la prima linea del Lecce. «Insieme possono fare grandi cose - garantisce - il senegalese ha enorme potenza atletica, il tarantino ha tecnica sopraffina e sa andare via in slalom. Si completano a meraviglia».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie