Martedì 22 Settembre 2020 | 20:15

NEWS DALLA SEZIONE

Calcio
Il Lecce mette gli occhi su Pablo Rodriguez, la punta del Real Madrid

Il Lecce mette gli occhi su Pablo Rodriguez, la punta del Real Madrid

 
Serie b
«Lecce da promozione un esordio da brividi»

Calcio, «Lecce da promozione un esordio da brividi»

 
Calcio serie B
Andreazzoli lancia il Lecce: reciterà da protagonista

Andreazzoli lancia il Lecce: «Reciterà da protagonista»

 
Calcio serie B
Il Lecce cerca i giovani giusti: Bouah e Pobega nel mirino

Il Lecce cerca i giovani giusti: Bouah e Pobega nel mirino

 
Serie B
Doppio test di allenamento per il Lecce calcio di Corini

Doppio test di allenamento per il Lecce calcio di Corini

 
Serie B
Paganini pronto a suonare una musica dolce per il Lecce

Paganini pronto a suonare una musica dolce per il Lecce

 
Serie B
Lecce calcio, definiti i numeri delle maglie da gioco per il prossimo campionato

Lecce calcio, definiti i numeri delle maglie da gioco per il prossimo campionato

 
mercato
Lecce, i nuovi Paganini e Listowski si presentano

Lecce, i nuovi Paganini e Listowski si presentano

 
calcio
Longo non ha dubbi: «Il Lecce sarà grande protagonista in Serie B»

Longo non ha dubbi: «Il Lecce sarà grande protagonista in Serie B»

 
Calcio
Lecce, c'è Hestad a un passo dal sì

Lecce, c'è Hestad a un passo dal sì

 
calcio
Lecce, sabato al Via del Mare doppia amichevole contro Nardò e Fasano

Lecce, sabato al Via del Mare doppia amichevole contro Nardò e Fasano

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, esordio in Coppa Italia senza Di Cesare e De Risio

Bari calcio, esordio in Coppa Italia senza Di Cesare e De Risio

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Bari, scatta la prescrizione per 11 furbetti del cartellino dell'ex Provincia

Bari, scatta la prescrizione per 11 furbetti del cartellino dell'ex Provincia

 
TarantoContagi
Grottaglie, un impiegato della Leonardo è positivo al Covid 19

Grottaglie, un impiegato della Leonardo è positivo al Covid 19

 
BrindisiIn 60 anni
Brindisi, Roma e Milano nella top 100 delle città «più calde» d'Europa

Brindisi, Roma e Milano nella top 100 delle città «più calde» d'Europa

 
PotenzaNel Potentino
A Carbone il nuovo sindaco è «sconosciuto»: eletto con 78 voti un siciliano mai stato in paese

A Carbone il nuovo sindaco è «sconosciuto»: eletto con 78 voti un siciliano mai stato in paese

 
Materal'anniversario
Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

 
FoggiaCovid
S. Giovanni Rotondo, tutto esaurito in Chiesa per la veglia di San Pio

S. Giovanni Rotondo, tutto esaurito in Chiesa per la veglia di San Pio

 
BatLavori pubblici
Bisceglie, manutenzione del Ponte Lama: arrivano 5 milioni

Bisceglie, manutenzione del Ponte Lama: arrivano 5 milioni

 
LecceViaggi della speranza
Gallipoli, migranti pakistani si riparano su isola Sant'Andrea: c'è anche bimbo di 11 anni

Gallipoli, migranti pakistani si riparano su isola Sant'Andrea: c'è anche bimbo di 11 anni

 

i più letti

Serie B

Brini spiana la strada al Lecce: «È forte e può crescere ancora»

«Stravedo per Mancosu, uno dei più decisivi del campionato»

Brini spiana la strada al Lecce: «È forte e può crescere ancora»

LECCE -  Il Carpi evoca ricordi tristissimi per i tifosi del Lecce. Contro il complesso emiliano, nel 2012/2013, la compagine salentina ha perso la sua prima finale dei playoff nel torneo di Lega Pro, cadendo per 1-0 in campo avverso e pareggiando per 1-1 al Via del Mare.

A dirigere il Carpi dalla panchina all’epoca era Fabio Brini. «Subentrai a campionato ampiamente in corso - rammenta il tecnico di Porto Sant’Elpidio - Al termine della regular season ci piazzammo terzi, a -10 dal Lecce, che poi ritrovammo nella finale dei playoff. I giallorossi erano favoriti in virtù di un organico ricco di calciatori di spicco. Noi potevamo contare su due grandi doti, l’umiltà e la compattezza del gruppo, grazie alle quali riuscimmo a colmare il gap che ci separava dall’undici salentino».
Domenica prossima il Lecce visiterà il Carpi. La squadra allenata da Fabio Liverani è terza, quella emiliana diciassettesima. «In B, nell’economia di una gara, le posizioni occupate dalle due contendenti non hanno alcuna importanza perché l’ultima può battere la prima senza che ci si possa scandalizzare, stante l’equilibrio che regna sovrano - nota Brini - Si troveranno di fronte due compagini che hanno una filosofia di gioco notevolmente differente».

Brini approfondisce il concetto. «Il Lecce si sta comportando alla grande - sottolinea - Dispone di una rosa di spessore, esprime un ottimo calcio e sono convinto che sia destinato a fare ancora meglio. Cresce match dopo match e continuerà a farlo. Il Carpi ha meno qualità rispetto alle precedenti annate, ma con il ritorno in panchina di Castori, che conosce bene l’ambiente, si sta riprendendo. Non penso, però, che gli emiliani proveranno ad affrontare i salentini a viso aperto. Piuttosto, mentre la formazione giallorossa non muterà il proprio atteggiamento propositivo e cercherà di fare il match, i biancorossi proveranno a sfruttare gli spazi che verranno concessi loro per agire di rimessa, in velocità».
Nelle file del Lecce, secondo Brini c’è un calciatore che sta vivendo una grande stagione. «È Mancosu - sostiene l’allenatore ex Carpi - L’ho avuto a Benevento e so quanto vale. Ha qualità tecniche notevoli ed è un ragazzo a posto. Se manterrà per l’intero torneo la concentrazione con la quale è sceso in campo sino ad oggi, si segnalerà tra i migliori non solo della propria compagine, ma dell’intera serie cadetta».

Il trainer di Porto Sant’Elpidio ritiene che il Lecce stia costruendo qualcosa di importante. «Nel calcio, alla base di ogni risultato positivo c’è sempre una grande società - rimarca - Quella salentina sta dimostrando di esserlo, gettando le basi per un ulteriore salto di qualità da compiere già al termine della stagione in corso oppure in un futuro assai prossimo».
Il Lecce è tornato al lavoro ieri, dopo una giornata di riposo. Il centrocampista Andrea Tabanelli si è allenato con il resto del gruppo, mentre l’attaccante Stefano Pettinari ha continuato a seguire un programma personalizzato. Il difensore Davide Riccardi ha lavorato con la Primavera in vista di un suo impiego con i baby, che farà da preludio al ritorno a tempo pieno in prima squadra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie