Sabato 23 Marzo 2019 | 03:54

NEWS DALLA SEZIONE

La sfida è aperta
TUTELATI - Bietola melanzane ripiene  sivone e lampascione

Puglia, crescono i prodotti «Pat»

 
Innovazione della filiera agroalimentare
Da sinistra: Antonello Magistà (SALA), Salvatore Turturo (CHEF) e Marianna Cardone (VINO)

La «primavera» arriva in cucina

 
Prima iniziativa il 14 aprile
Da sinistra: Donato Taurino presidente di Buonaterra, Maria Teresa Varvaglione presidente Mtv Puglia, Giuseppe Schino presidente La Puglia è servita

2019, anno ad alti livelli per enogastronomia e ristorazione di qualità

 
La qualità trionfa
VERONA - La premiazione  dell’allevatrice  Mariangela Netti di Turi

Quando il latte non è tutto uguale

 

Il Biancorosso

IL REBUS
Come sostituire Hamlili?Le soluzioni di Cornacchini

Come sostituire Hamlili?
Le soluzioni di Cornacchini

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiFino al 25 marzo
Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

 
HomeLa foto
Scritta shock contro il vicepremier a Lecce: «Non sparare a Salve, spara a Salvini»

Scritta shock contro il vicepremier a Lecce: «Non sparare a salve, spara a Salvini»

 
FoggiaDopo i servizi di «Striscia»
Deliceto, percolato della discarica nel fiume: accuse di Regione e Ager

Deliceto, percolato della discarica nel fiume: accuse di Regione e Ager, violato il contratto

 
BariAmbiente
Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi ritiro anche con tessera sanitaria

Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi si ritireranno con tessera sanitaria

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, Arcelor Mittal condannata per comportamento antisindacale

Taranto, AM condannata per comportamento antisindacale. Borraccino: «Sentenza storica»

 
PotenzaEnergia e polemiche
Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

 
BatIl caso
Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

 

Nano e celebre? Ecco il pisello di Zollino
A Bari sapore di legumi antichi e vincotto

Antonio Calò ed i suoi legumi di Zollino

Pisello nano di Zollino preparato per la cottura con cipolla, pomodoro e prezzemolo

Pisello nano di Zollino preparato per la cottura con cipolla, pomodoro e prezzemolo

Marketing social, ecco sancita l’unione (di fatto già esistente) fra cibo ed eros. Lo ha già fatto San Michele Salentino, registrando il marchio della “fica” mandorlata e producendo gadget di successo all’insegna del "I Love fica mandorlata". Ora a stuzzicare, fantasie & palato, sono i produttori di un’altra golosità squisitamente salentina: il pisello nano! Stavolta a dare il via alla singolar tenzone è stata la provocazione dell’imprenditore di Racale (Le) Renato Manni che lanciato l’hashtag #fierodiaverlopiccolo: un gioco di parole e di doppi sensi per promuovere (con successo) la vendita online di un mini frigo bar. La risposta, o meglio il rilancio è arrivato da Antonio Calò, imprenditore agricolo di Zollino che è la patria di antichi legumi, che senza mezzi termini ha dichiarato e lanciato l’hashtag #fierodiavereilpisellonano.

Antonio Calò ed i suoi legumi di Zollino

Due trovate che, in tempi di social network, stanno conquistando una valanga di Like ma che servono, soprattutto, ad ampliare il pubblico di quanti apprezzano questo pregiatissimo prodotto della cultura contadina. Antonio Calò è stato ufficialmente nominato “Custode della varietà vegetale Pisello Nano di Zollino” da parte dell’Università del Salento, nell’ambito del progetto CNR / IBBR SaVeGraINPuglia - Biodiversità di leguminose, cereali e foraggere di Puglia. Da poco più di un anno è nata anche la Comunità del cibo dei produttori di legumi di Zollino dalla collaborazione della condotta Slow Food Neretum e i contadini locali che producono anche la fava di Zollino, il cece nero, la cicerchia e la lenticchia. A fare la differenza sono il processo produttivo tradizionale, le materie prime impegnate (e cioè il seme autoprodotto) e la posizione geografica.

Di certo il miglior modo per imparare a riconoscere, e a gustare, un legume è assaggiarlo. Ad Eataly Bari, da lunedì 3 fino a domenica 9 ottobre, il gusto raddoppia. Nell’ambito del progetto Bari Porta del Sud si potranno degustare le bontà della Comunità del Vincotto Primitivo (che sarà presente tutto il mese) in abbinamento alla Comunità dei Legumi di Zollino. Infatti, il vincotto ingentilito unito ai legumi, come evidenziato da uno studio del prof. Luigi De Bellis dell’università del Salento, riesce a solubilizzarne gli zuccheri e a sollevare lo stomaco da fastidiosi rigonfiamenti. Tutta la prossima settimana nel temporary restaurant de “I cuochi contadini” ai fornelli ci saranno proprio Antonio Calò (pisello nano) e Antonio Venneri (vincotto Primitivo) ed il cuoco per passione Sergio Doria (pasta artiginale) con quattro proposte: zuppa di fave, pasta e ceci, minestra di piselli, fagioli e rape 'nfucate.

Info su http://www.eataly.net/it_it/negozi/bari/.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400