Venerdì 22 Marzo 2019 | 09:43

NEWS DALLA SEZIONE

La sfida è aperta
TUTELATI - Bietola melanzane ripiene  sivone e lampascione

Puglia, crescono i prodotti «Pat»

 
Innovazione della filiera agroalimentare
Da sinistra: Antonello Magistà (SALA), Salvatore Turturo (CHEF) e Marianna Cardone (VINO)

La «primavera» arriva in cucina

 
Prima iniziativa il 14 aprile
Da sinistra: Donato Taurino presidente di Buonaterra, Maria Teresa Varvaglione presidente Mtv Puglia, Giuseppe Schino presidente La Puglia è servita

2019, anno ad alti livelli per enogastronomia e ristorazione di qualità

 
La qualità trionfa
VERONA - La premiazione  dell’allevatrice  Mariangela Netti di Turi

Quando il latte non è tutto uguale

 

Il Biancorosso

LA NOTIZIA
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris?
Condannato a cinque anni di Daspo

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraUn 59enne
Matera, minaccia moglie con un coltello davanti a figlia minorenne: in cella

Matera, minaccia moglie con un coltello davanti a figlia minorenne: in cella

 
FoggiaL'omicidio
Mattinata, ammazzata a fucilate vicino casa boss del clan Romito

Mattinata, boss clan Romito ammazzato a fucilate vicino casa

 
BariComune
Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

 
LecceEmergenza batterio killer
Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

 
PotenzaLa foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
BrindisiNel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
BatAnalisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 

Come non farsi prendere in giro

Ma quale fritturina di paranza?

C’è il fermo pesca in Adriatico. Una mini guida per non farci prendere in giro

ALLEVATO - Un impianto per spigole e orate nel Mare Jonio a Taranto

ALLEVATO - Un impianto per spigole e orate nel Mare Jonio a Taranto

Pesce, ma cosa portiamo a tavola quest’estate? E’ arrivato il fermo pesca di agosto per il mare Adriatico. Occhio a chi, per rincarare il conto, ci offre il pescato di paranza locale: ora difficile da reperire. Dal 13 agosto, infatti, è scattato il blocco della pesca da San Benedetto a Termoli e tra Manfredonia e Bari: durerà per 42 giorni consecutivi fino al 23 settembre. Ciò si aggiunge al fermo biologico per la flotta pescherecci iniziato il 30 luglio, che va da Trieste fino ad Ancona: sarà in vigore fino al 9 settembre.

Come non farsi prendere in giro? Ce lo spiega la Coldiretti Impresapesca, ricordando come in Italia più di 2 pesci su 3 consumati nei territori interessati dal blocco vengano dall’estero. Ma facciamo chiarezza: è tutta ferma la pesca in Adriatico? No, c’è il pesce degli allevamenti nazionali oppure la limitata produzione locale delle barche delle piccola pesca che possono ugualmente operare. Nel circuito di Campagna Amica, segnala Coldiretti, inizia ad essere disponibile pescato da filiera corta.

Sul bancone della pescheria è una giungla di sigle e dovremmo andare a fare la spesa con questa lista: l’etichetta per legge deve dirci l’area di pesca (Gsa). Le provenienze sono quelle dalle Gsa 9 (Mar Ligure e Tirreno), 10 (Tirreno centro meridionale), 11 (mari di Sardegna), 16 (coste meridionali della Sicilia), 17 (Adriatico settentrionale), 18 (Adriatico meridionale), 19 (Jonio occidentale), oltre che dalle attigue 7 (Golfo del Leon), 8 (Corsica) e 15 (Malta).

Il successivo fermo biologico sarà per il Tirreno, da Brindisi – passando per lo Jonio – fino a Roma dal 10 settembre al 9 ottobre e da Civitavecchia a Imperia dal 1° ottobre al 30 ottobre. Per Sicilia e Sardegna lo stop è previsto per un mese tra agosto e ottobre su indicazione delle Regioni.

Spostandoci dalla nostra amata frittura di paranza fino ai pescherecci, questo sistema – che secondo gli addetti ai lavori non è davvero attento ai cicli riproduttivi dei tre mari italiani – non piace. Fatto è che in tutto il Mediterraneo peschiamo troppo: a luglio anche l’ONU ha rilanciato l’allarme. L’alternativa? Pesce di allevamento e sostenibile, così da dare il tempo ai nostri stock ittici di incrementarsi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400