Sabato 22 Settembre 2018 | 03:07

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Dal 20 al 22 aprile 2018

Foggia, presentata la quinta edizione di «Libando, viaggiare mangiando»

Il gusto vero del convivio e dello stare insieme

LIBANDO - Street food Foggia

LIBANDO - Street food Foggia

C’era una volta un antico rituale: quello delle libagioni. E, nelle religioni antiche, si esprimeva nell’offerta alle divinità di vino e latte, ed altre sostanze liquide che venivano versate sugli altari o per terra. Ingredienti quasi sacrali, insomma, di quella tavola imbandita di cose buone che dal 20 al 22 aprile, a Foggia, saranno protagonisti di “Libando Viaggiare Mangiando”. E’ la quinta edizione di un evento dedicato al gusto vero del convivio e dello stare insieme, promosso dal Comune di Foggia, Assessorato alla cultura, in collaborazione con l’associazione Di terra di mare, l'impresa creativa Red Hot, Streetfood Italia, Le Mamme dei Vicoli e Asernet.

Partiamo allora dalle novità di quest’anno, visto che il festival di street food continua a crescere e conquista anche nuovi spazi in piazze e strade di Foggia.

Quest’anno il tema di “Libando” è Cucina Madre, un chiaro richiamo all’anima e non al tecnicismo dell’arte culinaria, dove la trasmissione della cultura orale passa di generazione in generazione attraverso la figura femminile.

Ci sarà una madrina d’eccezione come Tessa Gelisio, conduttrice della nota trasmissione “Cotto e mangiato”. A Libando oltre alle cuoche e chef del nostro territorio, saranno comunque presenti chef importanti, quali Faby Scarica, vincitrice di Top Chef con la seconda classificata Cinzia Fumagalli che porteranno in cucina la tradizione. E poi i foodblogger de “La Cucina del Fuorisede” e Donna Nunzia, la signora dei bassi di Bari vecchia, diventata di rilevo nazionale per le sue orecchiette.

Altra golosa innovazione sarà “Librando, leggere mangiando” la sezione di incontri letterari con il cibo, con la presenza delle scrittrici Chiara Cesetti, Natalia Cattelani e Maria Gallo.

Spazio all’arte con la mostra fotografica “Cucina Madre” a cura del Foto Cine Club Foggia, e alle famiglie con i bambini con il “Villaggio Libandino”, allestito in piazza Purgatorio, e i laboratori a loro dedicati.

«“Libando” rappresenta anche una grande opportunità per le aziende pugliesi dell’agroalimentare orientate all’internazionalizzazione che, grazie al B2B. incontreranno buyer provenienti da Irlanda, Serbia e Svezia», ha spiegato una delle organizzatrici Maria Pia Liguori.

Anche questa volta “Libando” sostiene una startup: Velò. Il progetto è nato a Foggia dalla passione per la bici di Fulvio Guerra che ha spiegato: «E’ un corriere su pedali, consegniamo tutto e siamo sostenibili, il nostro obiettivo è ridurre al minimo l’emissione di CO2».

In occasione di “Libando Viaggiare Mangiando” i negozi di Foggia osserveranno delle aperture straordinarie. «Anche per noi Libando è una festa, sosteniamo Libando perché è l’unico momento in cui la città si riempie di gente», ha dichiarato Lucia La Torre, vice presidente di Confcommercio Foggia.

Aperture straordinarie anche per i monumenti della città: gli Ipogei di piazza Purgatorio e via San Domenico (da venerdì a domenica dalle 21 alle 24), la Chiesa di Santa Maria della Misericordia (da venerdì a domenica dalle 21 alle 24), la Cattedrale (da venerdì a domenica dalle 21 alle 23).

Per informazioni contattare la guida turistica Franca Palese al 320.3724578.

Durante “Libando Viaggiare Mangiando” si aprirà un paesaggio visivo urbano nuovo in città, grazie alla partecipazione straordinaria dell’artista Romano Baratta lighting designer che proporrà giochi di luce. A chiudere la manifestazione sarà il “Premio Libando”, novità assoluta introdotta con questa 5^ edizione.

Intanto a partire da giovedì 12 aprile sarà possibile assaporare l’atmosfera di “Libando” con “Aspettando Libando” e i menù street food al costo di 10 euro sul tema “Cucina Madre” nei ristoranti di Foggia, Lucera, Lesina e Peschici.

“Libando Viaggiare Mangiando” vanta il patrocinio di Regione Puglia, PugliaPromozione, Corpo Consolare Puglia Basilicata Molise, Symbola -Fondazione per le Qualità Italiane, Federturismo Confindustria, Distretto Produttivo Puglia Creativa, Confcommercio Foggia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

CAMPIONE - A sinistra  il vincitore Matteo Carrozzini

Matteo Carrozzini miglior sommelier di Puglia 2018

 
BRINDARE - Ecco come lavorare con la birra dopo la detenzione

Il pane diventa birra, in carcere

 
AL MATTINO - Scegliamo con cura come nutrirci

La colazione: trappola o salutare?

 
DAL FORNO - Bontà tipiche nell’aspetto,  gli ingredienti fanno la differenza

Come il falso tarallo prende in giro pancia e tasca

 
ALLEVATO - Un impianto per spigole e orate nel Mare Jonio a Taranto

Ma quale fritturina di paranza?

 

GDM.TV

Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale

Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale VD

 
Bari, arsenale d'armi sepolto nel terreno :sequestrate 6 pistole e 100 munizioni

Bari, scoperto arsenale sepolto in un terreno sulla statale 100 VIDEO

 
Palagiustizia, l'affondo di Bonafede«Falsità le accuse contro di me»

Palagiustizia, l'affondo di Bonafede
«Falsità le accuse contro di me»

 
Gli studenti del Poliba creano la PC5 2018 EVO: ecco la monoposto da corsa

Bari, la nuova monoposto da corsa
creata dagli studenti del Politecnico

 
I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: in arrivo la Red Bull Cliff Diving

I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: ecco la Red Bull Cliff Diving

 
La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

 
Pesca a strascico, il grande fratello inchioda 11 barche: in cella comandante di peschereccio

Pesca a strascico, multate 11 barche
in cella comandante di peschereccio

 
Fiera: gli spazi più amati dai 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento "military style" con l'esercito

Fiera: 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento «military style»

 

PHOTONEWS