Giovedì 29 Ottobre 2020 | 08:03

NEWS DALLA SEZIONE

Dolci
«Miglior panettone del mondo», argento a cegliese e da Acquaviva arriva il panettone a gusto barese

«Miglior panettone del mondo», argento a cegliese e da Acquaviva arriva il panettone a gusto barese

 
operazione dei CC
San Pancrazio Salentino, cede droga ad un disabile: 59enne ai domiciliari

San Pancrazio Salentino, cede droga ad un disabile: 59enne ai domiciliari

 
nel Brindisino
Mesagne, centinaia di chiamate e messaggi alla ex: arrestato mentre era appostato sotto casa

Mesagne, centinaia di chiamate e messaggi alla ex: arrestato mentre era appostato sotto casa

 
opere pubbliche
Ceglie Messapica, lavori alla torre finalmente ripresi

Ceglie Messapica, lavori alla torre finalmente ripresi

 
L'incidente
Francavilla Fontana, impatto tra auto e moto: muore 24enne sul colpo

Francavilla Fontana, impatto tra auto e moto: muore 24enne sul colpo

 
Il video
Torre Guaceto, la meraviglia della natura vista dall'alto

Torre Guaceto, la meraviglia della natura vista dall'alto

 
A cerano
Brindisi, «No Tap» protesta degli ambientalisti: «Per il clima fuori dal fossile»

Brindisi, «No Tap» protesta degli ambientalisti: «Per il clima fuori dal fossile»

 
tragedia
Ostuni, scontro tra moto sulla Brindisi-Bari: muore 45enne, ferito l'altro motociclista

Ostuni, scontro tra moto sulla Brindisi-Bari: muore 45enne, ferito l'altro motociclista

 
Influenza
Vaccini, a Brindisi al via campagna su operatori sanitari

Vaccini, a Brindisi al via campagna su operatori sanitari

 
Nel Brindisino
San Donaci, sale sul bus senza mascherina e si dichiara «no mask»: denunciata

San Donaci, sale sul bus senza mascherina e si dichiara «no mask»: denunciata

 
Controlli dei CC
Mesagne, in campagna nascondevano armi, droga e auto rubata: tre in manette

Mesagne, in campagna nascondevano armi, droga e auto rubata: tre in manette

 

Il Biancorosso

Il match
Bari calcio, Marras: «Bella sfida il derby con il Foggia»

Bari calcio, Marras: «Bella sfida il derby con il Foggia»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Covid 19 a Bitonto, Istituto Fornelli chiuso per 2 giorni dopo contagio

Covid 19 a Bitonto, Istituto Fornelli chiuso per 2 giorni dopo contagio

 
TarantoIl caso
Arcelor Mittal, Spesal: «Verifica su incidente in Deposito Bramme»

Arcelor Mittal, Spesal: «Verifica su incidente in Deposito Bramme»

 
PotenzaEmergenza contagi
Covid in Basilicata, presto completati gli ospedali da campo

Covid in Basilicata, presto completati gli ospedali da campo

 
PotenzaLa curiosità
Otto paesi della Basilicata con più residenti all’estero

Otto paesi della Basilicata con più residenti all’estero

 
BrindisiDolci
«Miglior panettone del mondo», argento a cegliese e da Acquaviva arriva il panettone a gusto barese

«Miglior panettone del mondo», argento a cegliese e da Acquaviva arriva il panettone a gusto barese

 
Foggiala scomparsa
San Giovanni Rotondo, 85enne esce di casa per andare in campagna e svanisce nel nulla

San Giovanni Rotondo, 85enne esce di casa per andare in campagna e svanisce nel nulla

 
LecceContagi in città
Lecce, 3 positivi al mercato Settelacquare: screening a tappeto ed esposto in Procura

Lecce, 3 positivi al mercato Settelacquare: screening a tappeto ed esposto in Procura

 
BatL'avvertimento
Canosa, esplode bomba in pieno centro: le telecamere riprendono il presunto attentatore

Canosa, esplode bomba in pieno centro: le telecamere riprendono il presunto attentatore

 

La vicenda

Ostuni, calunniò la dottoressa che aveva salvato la vita al padre

Il risvolto clamoroso: diffamò un medico per malasanità, ma per il Tribunale la dottoressa ha fatto il suo dovere

Ospedale Ostuni, finiti i lavori a Chirurgia generale: restyling prosegue

Diffamò un medico, tacciandolo di essere responsabile di un caso di malasanità e che, invece, aveva fatto il suo dovere con grande professionalità: lo ha sentenziato, in primo grado, il giudice di pace e lo ha ribadito, in appello, il Tribunale. Non solo. La persona che aveva chiamato in causa un medico in servizio alla postazione di Ostuni del servizio di emergenza 118 alla fine ha risarcito la dottoressa, che lo aveva citato davanti al giudice per diffamazione, costituendosi parte civile e affidando la tutela delle proprie ragioni all’avvocato Pasquale Di Natale. Il successivo giudizio civile non è terminato con una sentenza in quanto nelle more è stato raggiunto un accordo per cui la dottoressa ha percepito la somma onnicomprensiva di 2500 euro. Somma – sottolinea l’avvocato Italia Ditano, che ha assistito la dottoressa nel giudizio civile – che sicuramente ha un valore simbolico rispetto al danno provocato dal comportamento avverso che ha leso l’immagine, la professionalità e il decoro di una professionista seria e preparata”.

Il fatto risale al 7 giugno del 2013. Quel giorno la centrale operativa del servizio 118 dispose l’intervento di un’equipe di soccorritori per un intervento di codice rosso a San Vito dei Normanni. Giunta sul posto, il medico, all’esito dei markers cardiaci e di due rilevazioni con l’elettrocardiografo telematico, dispose la terapia farmacologica per un sospetto infarto, A seguire, come previsto dal protocollo, la dottoressa, dopo aver contattato la centrale operativa, accompagnò il paziente al Pronto soccorso di Ostuni. Durante il trasporto in ambulanza, però, le condizioni del paziente si aggravarono per l’insorgere di una fibrillazione ventricolare. Resasi conto della gravità della situazione, il medico del 118 sollecitò la presenza al Pronto soccorso di un cardiologo che, visitato il paziente, allertò d’urgenza il servizio di emodinamica del Perrino. A Brindisi il paziente fu trasportato in ambulanza. A distanza di un mese dal fatto il figlio del paziente inviò una missiva al direttore generale della Asl.
“E’ mai possibile – era scritto nella lettera – che nel 2013 ci sia ancora incompetenza a fare una diagnosi a dir poco errata? Spero che si prendano seri provvedimenti nei confronti di certi dottori-dottoresse che osano giocare con la vita della gente”.
In conseguenza di quella lettera la direzione sanitaria della Asl aprì un’inchiesta nei confronti del medico del 118, che dovette relazione sulla vicenda al direttore del servizio 118.
“Appare indiscutibile – si legge nell’atto di citazione in giudizio – il contenuto diffamatorio oggettivo della missiva perché di ampia diffusione e perché intitolata come “segnalazione per malasanità”.
Di qui la decisione della dottoressa del 118 di querelare, con denuncia sporta alla stazione carabinieri di Ostuni, l’autore della lettera, ovvero il figlio della persona a cui, con il suo intervento, il 7 giugno del 2013 salvò la vita diagnosticando in tempo l’infarto in atto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie