Martedì 28 Gennaio 2020 | 11:41

NEWS DALLA SEZIONE

Operazione dei Cc
Droga, tre arresti nel Brindisino: preso 18enne vicino a scuola a Ostuni

Droga, tre arresti nel Brindisino: preso 18enne vicino scuola a Ostuni

 
Il salvataggio
Brindisi, cucciolo di foca spiaggiato a Torre San Gennaro: ha bisogno di cure

Brindisi, cucciolo di foca spiaggiato a Torre San Gennaro: ha bisogno di cure

 
Shoah
Giorno della Memoria, il messaggio di Liliana Segre a studenti di Fasano: «Siate vigili»

Giorno della Memoria, il messaggio di Liliana Segre a studenti di Fasano: «Siate vigili»

 
L'aggressione
Mesagne, armato di coltelli assalta l'ambulanza del 118

Mesagne, armato di coltelli assalta l'ambulanza del 118

 
In piazza
Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

 
Una 50enne romena
Ostuni, botte e parolacce alla nonnina 90enne sul girello: in cella badante

Ostuni, botte e parolacce alla nonnina 90enne sul girello: in cella badante

 
Le dichiarazioni
Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

 
L'annuncio
Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

 
Nel Brindisino
Ceglie Messapica, due cadaveri trovati in una casa: indagano i carabinieri

Ceglie Messapica, trovati morti in casa: si sono uccisi a coltellate dopo una lite

 
Nel Brindisino
Mesagne, manomette contatore e ruba elettricità per 8mila euro: arrestato

Mesagne, manomette contatore e ruba elettricità per 8mila euro: arrestato

 
L'iniziativa
Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

 

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Perrotta salva il Bari al Granillo: 1-1 in casa della Reggina. La diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa vertenza
Ginosa, Comune sollecita ricollocazione 60 operai ex Miroglio

Ginosa, Comune sollecita ricollocazione 60 operai ex Miroglio

 
BariLo stop nel 2013
Molfetta, dopo 6 anni e un processo con 28 assoluzioni, riprendono i lavori al Porto

Molfetta, dopo 6 anni e un processo con 28 assoluzioni, riprendono i lavori al Porto

 
HomeIl fenomeno
Morbillo, allarme in Salento 40 casi in un mese: anche 4 bimbi, due figli di «no vax»

Morbillo, in Salento 40 casi in un mese: anche 4 bimbi, due sono figli di «no vax»

 
FoggiaUna 37enne
Foggia, ruba a casa del cognato per procurarsi droga: arrestata una donna

Foggia, ruba a casa del cognato per procurarsi droga: arrestata una donna

 
BrindisiOperazione dei Cc
Droga, tre arresti nel Brindisino: preso 18enne vicino a scuola a Ostuni

Droga, tre arresti nel Brindisino: preso 18enne vicino scuola a Ostuni

 
BatL'accusa
«Mio fratello pestato in cella»: la denuncia della sorella dell'andriese Filippo Griner

«Mio fratello pestato in cella»: la denuncia della sorella dell'andriese Filippo Griner

 
Potenzaregione basilicata
Potenza, manca il numero legale, sciolta riunione del consiglio regionale

Potenza, manca il numero legale, sciolta riunione del consiglio regionale

 
MateraIl caso
Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

 

i più letti

Sanità

Latiano, 450 giorni per l'ecodoppler: paziente rischia due dita del piede

L'appello dell'uomo, diabetico: «Posso risolvere tutto con una visita privata a pagamento, ma che sanità pubblica è questa?»

sanità

«Dies a quo non computatur in termino, dies ad quem computatur…». «Il giorno iniziale non si computa nei termini, mentre il giorno finale va computato…». Un azzeccagarbugli di manzoniana memoria avrebbe iniziato da qui, rispondendo al novello Renzo, recatosi da lui per chiedere giustizia, senza leggere fino in fondo che, giorno più, giorno meno, dal 23 luglio scorso al 7 ottobre dell’anno prossimo intercorrono ben 450 giorni, 160 nell’anno corrente e 290 in quello venturo, che pure è bisestile… Tanti, decisamente troppi, se si tratta di un esame clinico, un ecodoppler agli arti inferiori nel caso di specie, utile a stabilire se c’è una fondata speranza di salvare il salvabile, cioè due dita di un piede.

Non ha creduto ai suoi occhi, il 78enne Vittorio Madama, battagliero primo cittadino di Latiano nella prima Repubblica e certamente da annoverare tra i «cavalli di razza» della Dc brindisina, quando ha letto fino in fondo il documento di prenotazione dell’esame clinico. Anzi meglio: ha pensato di essere stato «riconosciuto» e quindi in qualche modo «punito» perché schedato dal computer come cittadino cattivo, al pari di quelli che nelle banche dati delle centrali di rischio economico risultano essere, per qualche verso, cattivi pagatori.

«Ho due dita del piede sinistro che si sono annerite – scrive in un messaggio su whatsapp -. Siccome soffro di diabete, memore del fatto che a mio cognato sono state amputate le dita del piede, mi sono recato dal medico che, dopo avermi visitato, mi ha prescritto un ecodoppler degli arti inferiori. Ebbene – prosegue - l'Asl mi ha fissato la visita medica al 7 ottobre 2020. Credo che se ho qualcosa di grave, fino al 7 ottobre 2020 non basterà il taglio della gamba». Fine del messaggio, salvo a riaprire il colloquio con un altro breve post: «Che schifo... forse ce l'hanno con me ».

Ed in quel «ce l’hanno con me» c’è tutto il rapporto, quasi una sfida personale, tra malati cronici e burocrazia delle liste di attesa, perché Madama nel 2017, per ottenere una visita di controllo del piano terapeutico al suo diabete, fu «prenotato» al 7 gennaio 2020. Mosse mezzo mondo indignato e scrivendo anche al governatore Emiliano, che gli rispose subito dicendogli che erano gli uffici che lo prendevano per... il naso. Il duro colloquio sui social portò all’intervento del direttore generale Asl che volle sincerarsi dell’esatta procedura.

Poi, come per incanto, Madama, il giorno dopo la baraonda sui social, ricevette una telefonata che gli comunicava l’anticipo della visita. «Ora ci sono nuove norme, ma nulla è cambiato», dice al cronista e conferma che nemmeno questa volta si fermerà, «non tanto per me - dice - quanto per dare voce a chi non ce l’ha e non ha la forza di arrabbiarsi. Io posso risolvere il tutto con una visita privata a pagamento, ma che sanità pubblica è mai questa che fa espletare esami dopo oltre un anno?». E ci lascia con il vecchio detto dei contadini salentini quando contraevano un debito: «Prega per la mia salute!», dicevano. «Ma un anziano che non può; una famiglia in difficoltà, quando va a fare un esame come quello che dovrò fare io, a chi rivolgerà l’invito a pregare per saldare il debito?».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie