Venerdì 07 Agosto 2020 | 00:36

NEWS DALLA SEZIONE

I DANNI
Maltempo, Brindisino ko: danni e disagi ovunque

Maltempo, Brindisino ko: danni e disagi ovunque

 
IL DRAMMA
Odissea di un papà: da cinque anni non vede il piccolo

Brindisi, l'odissea di un papà: da cinque anni non vede il suo piccolo

 
LA TRAGEDIA
Brindisi, in fin di vita al Perrino l'uomo ustionato dalla moglie

Brindisi, in fin di vita al Perrino l'uomo ustionato dalla moglie

 
AMBIENTE
Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

 
nel Brindisino
Mesagne, minacce ai genitori: «Soldi per la droga o brucio casa», arrestato 31enne

Mesagne, minacce ai genitori: «Soldi per la droga o brucio casa», arrestato 31enne

 
VANDALISMO
Brindisi, brucia rifiuti illegalmente: denunciato dai Forestali

Brindisi, brucia rifiuti illegalmente: denunciato dai Forestali

 
L'incidente
Brindisi, aggredito con l'acido dalla moglie: grave uomo di 52 anni

Brindisi, aggredito con l'acido: 52enne lotta tra la vita e la morte, arrestata moglie

 
l'episodio
Brindisi, scippa una 64enne e viene arrestato dai Carabinieri

Brindisi, scippa una 64enne e viene arrestato dai Carabinieri

 
la visita
Premier Conte atteso a Ceglie Messapica per il 9 agosto

Premier Conte atteso a Ceglie Messapica per il 9 agosto

 
ll fatto
San Pietro Vernotico, minaccia compagna con lungo coltello: bloccato dai cc

San Pietro Vernotico, minaccia compagna con lungo coltello: bloccato dai cc

 
Oria, banca condannata a restituire 100mila euro

Oria, banca condannata a restituire 100mila euro

 

Il Biancorosso

SERIE C
Bari, Vivarini in stand by e ora vacilla anche Scala

Bari, Vivarini in stand by e ora vacilla anche Scala

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Call center, Cgil denuncia la Tim per interposizione manodopera

Call center, Cgil denuncia la Tim per interposizione manodopera

 
BatI fondi
Barletta, in arrivo 20 mln dal governo per il porto

Barletta, in arrivo 20 mln dal governo per il porto

 
Bari15° anniversario
Bari, Disastro aereo Atr, le famiglie delle vittime: «Nessuna grazia ai condannati»

Bari, disastro aereo Atr, le famiglie delle vittime: «Nessuna grazia ai condannati»

 
MateraA Ferrandina
Coronavirus, positivi 20 migranti arrivati dalla Sicilia e ospiti in struttura del Materano

Coronavirus, positivi 20 migranti arrivati dalla Sicilia e ospiti in struttura del Materano

 
LecceLa storia
Zorba, il gabbiano con le ali ai piedi è tornato a Porto Cesareo

Zorba, il gabbiano con le ali ai piedi è tornato a Porto Cesareo

 
PotenzaLA SVOLTA
Barresi «sfrattato» dai giudici: nomina, al S. Carlo di Potenza, illegittima

Barresi «sfrattato» dai giudici: nomina, al S. Carlo di Potenza, illegittima

 
FoggiaLA PROTESTA
Foggia, ospedale Don Uva: in agitazione 410 lavoratori

Foggia, ospedale Don Uva: in agitazione 410 lavoratori

 
BrindisiI DANNI
Maltempo, Brindisino ko: danni e disagi ovunque

Maltempo, Brindisino ko: danni e disagi ovunque

 

i più letti

Il sequestro nel 2008

Brindisi, Acque Chiare: Cassazione restituisce villette, acquirenti in buona fede

Il reato di lottizzazione abusiva ormai prescritto. I 4 imputati dovranno pagare i danni alla Regione

Brindisi, Acque Chiare: Cassazione restituisce villette, acquirenti in buona fede

Il reato di lottizzazione abusiva è stato accertato, ma è ormai prescritto. Per questo i proprietari riavranno le loro 200 villette sul litorale nord di Brindisi. La Cassazione ha chiuso così, dopo 11 anni, il caso di Acque Chiare, la Punta Perotti di Brindisi, il complesso sequestrato nel 2008 per gravi reati edilizi: l’area di località Torre Testa era agricola eppure fu trasformata in zona turistica. La suprema corte ha evidentemente ritenuto gli acquirenti in buona fede, disponendo dunque la revoca del sequestro delle unità immobiliari insieme alla prescrizione dei reati, confermando però tutte le statuizioni civili favorevoli alla Regione, compresa una provvisionale di 50mila euro che dovrà essere pagata dai quattro imputati.

Nei primi due gradi di giudizio erano stati condannati il costruttore Vincenzo Romanazzi, il notaio Bruno Romano Cafaro, il progettista Severino Orsan e l’ex dirigente comunale Carlo Cioffi. Il dispositivo della sentenza (Terza sezione, presidente Andreazza, relatore Gentili) reso noto stamattina dispone la prescrizione per Romanazzi, Orsan e Cioffi ma nulla dice a proposito di Cafaro. Adesso per tutti loro la partita si sposta sul fronte civile. Nei primi due gradi di giudizio la Regione era stata chiamata a risarcire, come responsabile civile, i danni milionari invocati dagli acquirenti. Ora, invece, la Regione (con l’avvocato Francesco Marzullo) è stata ritenuta parte lesa, evidentemente per l’utilizzo improprio di quelle aree costiere che con l’accordo di programma erano state trasformate impropriamente da agricole in zone per lo sviluppo turistico-alberghiero. La realizzazione delle ville (il comparto C) risale al periodo tra il 2003 e il 2006. La Cassazione si è pronunciata solo in relazione al comparto C, mentre andrà chiarito cosa accade per gli altri due comparti (in cui ci sono l’albergo e il lido), anche questi sequestrati all’epoca dalla Finanza.

Abusivismo sul litorale di Brindisi

prescrizione per 100 imputati

BRINDISI – Il giudice monocratico del Tribunale di Brindisi Vittorio Testi ha emesso sentenza di non luogo a procedere per intervenuta prescrizione del reato di lottizzazione abusiva nei confronti di un centinaio dei 170 imputati nel processo sulla realizzazione e l’acquisto 'irregolarè di immobili all’interno del villaggio 'Acque Chiarè sul litorale di Brindisi. Prescritto anche il reato di truffa per il costruttore, Vincenzo Romanazzi

In udienza il procuratore generale Colasaniti aveva chiesto il rigetto di tutti i ricorsi. Le difese degli imputati, e in particolare quelle di Cafaro e Romanazzi, avevano chiesto la nullità di tutti gli atti processuali (e delle due sentenze di merito) perché - a loro modo di vedere - il processo si sarebbe dovuto svolgere davanti a un tribunale collegiale, in quanto inizialmente era coinvolto anche l’ex sindaco Antonino che rispondeva di corruzione in concorso con Romanazzi (anche questa ultima accusa è caduta, grazie alla prescrizione, nel 2011). Se l’eccezione  delle difese fosse stata accolta, gli imputati avrebbero ottenuto anche la revoca di tutte le statuizioni civili. Invece ora dovranno pagare i danni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie