Domenica 09 Dicembre 2018 | 23:39

NEWS DALLA SEZIONE

Dopo la separazione
Fasano, picchia la moglie davanti al figlio 17enne: arrestato

Fasano, picchia la moglie davanti al figlio 17enne: arrestato

 
La protesta
Luminarie sì, ma non per tutti: ed è subito polemica a Brindisi

Luminarie sì, ma non per tutti: ed è subito polemica a Brindisi

 
Dai carabinieri
Ceclie Messapica, cocaina dietromuretti a secco: arrestato 34enne

Ceclie Messapica, cocaina dietro
muretti a secco: arrestato 34enne

 
L'agguato
Brindisi, sparatoria nella sala giochi: ferito un 20enne

Brindisi, sparatoria nella sala giochi: ferito un 20enne

 
La protesta dei commercianti
Francavilla Fontana, niente luminarie in centro a Natale

Francavilla Fontana, niente luminarie in centro a Natale

 
Nel Brindisino
Dipendenti in nero, sottopagati e costretti a finte ferie: arrestati 2 imprenditori

Dipendenti in nero, sottopagati e costretti a finte ferie: arrestati 2 imprenditori

 
Truffa aggravata
Brindisi, falsificava certificazioni ticket : arrestato dipendente Asl

Brindisi, falsificava certificazioni ticket : arrestato dipendente Asl

 
Vaccinazioni
Brindisi, ambulatorio strapieno e lunghe ore di attesa: nervi tesi tra l’utenza

Brindisi, ambulatorio strapieno e lunghe ore di attesa: nervi tesi tra l’utenza

 
L’inchiesta della Gdf
Brindisi, la “truffa” sui registratori di cassa: sequestri e denunce

Brindisi, la "truffa” sui registratori di cassa: sequestri e denunce

 
Denunciato
Brindisi, affida 50mila euro a investitore: truffato, lo aggredisce

Brindisi, affida 50mila euro a investitore: truffato, lo aggredisce

 
L'allarme
Brindisi, malfunzionamenti linea telefonica: Procura senza luce e Tribunale senza internet

Brindisi, giustizia in tilt: Procura senza luce e Tribunale senza internet

 

Si chiamava Jaco

S.Pietro Vernotico, morto il cane bruciato vivo perché abbaiava troppo

Il siberian husky non ce l'ha fatta ed è morto nel Brindisino

S.Pietro Vernotico, morto il cane bruciato vivo perché abbaiava troppo

Jaco non ce l’ha fatta. Ha lottato fino alla fine per riabbracciare la sua amata famiglia, ma le ferite riportate dal Siberian husky di 7 anni, che era stato legato e bruciato vivo a inizio mese in una casa di San Pietro Vernotico (Brindisi), sono state fatali. Così in una nota Walter Caporale, Presidente di Animalisti Italiani onlus sottolinea: «È morto all'ospedale Veterinario Pingry di Bari dove era stato trasferito per essere sottoposto ad un intervento chirurgico - spiega -  e il nostro referente locale, Alfonso De Liguori, si recherà nella clinica veterinaria per recuperare la salma dell’animale e riportarla ai suo cari. Nei prossimi giorni organizzeremo una fiaccolata in suo onore dove ricorderemo tutti gli animali torturati, sfruttati e uccisi dalla follia umana. Oggi, a Roma, alla proiezione del film 'Angelo - Life of a street dog', sarà osservato un minuto di silenzio. Siamo fermamente convinti che l’unico modo per rendergli giustizia è continuare a lottare fino all’arrivo dell'inasprimento delle pene». 

Caporale conclude: «rinnoviamo il nostro appello accorato al Governo affinché si impegni con un urgenza a fermare almeno l’applicazione della tenuità del fatto ai reati contro gli animali, come previsto dall’art. 131-bis c.p., voluto dal governo nel 2015, che è un indiretto incentivo a compiere crimini contro degli esseri innocenti. La violenza sugli animali è una piaga vergognosa nel nostro Paese, che purtroppo non trova una risposta ferma da parte del legislatore. I nostri amici a quattro zampe sono i nostri migliori compagni di vita, e meritano maggiori tutele».  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400