Giovedì 15 Novembre 2018 | 02:51

NEWS DALLA SEZIONE

Sanità e occupazione
Addio lavoro precario per 103 lavoratori dell'Asl Bat

Addio lavoro precario per 103 lavoratori dell'Asl Bat

 
La strage
Scontro treni in Puglia, per i dirigenti del MIT: «Rispettate norme sicurezza»

Scontro treni in Puglia, per i dirigenti del MIT: «Rispettate norme sicurezza»

 
Turismo
Barletta, il faro napoleonico ha lanciato il suo «Sos»

Barletta, il faro napoleonico ha lanciato il suo «Sos»

 
Gastronomia
Norbarese: burrata e cipolla protagoniste a Milano

Nordbarese: burrata e cipolla protagoniste a Milano

 
A Trani
Compie 106 anni il cittadino più longevo della Bat

Compie 106 anni il cittadino più longevo della Bat

 
il ritrovamento
Bisceglie, sub trova ordigno bellico e lo consegna

Bisceglie, sub trova ordigno bellico e lo consegna

 
La proposta
Bat, Polo museale in agitazione: operatori culturali, pochi e ignorati

Bat, Polo museale in agitazione: operatori culturali, pochi e ignorati

 
Giù le entrate
Mercato di Andria abbandonato a se stesso: la protesta

Mercato di Andria abbandonato a se stesso: la protesta

 
Nel pomeriggio
Termoli, muore 51enne di Barleta: era un senza fissa dimora

Termoli, muore 51enne di Barletta: era un senza fissa dimora

 
Tra Barletta e Trani
Clean sea life, un progetto per ripulire il lungomare

Clean sea life, un progetto per ripulire il lungomare

 
Sanità
Trani, vicenda ospedale, l'assessore Santorsola: «diffido» la Asl Bat

Trani, vicenda ospedale, il consigliere Santorsola: «diffido» la Asl Bat

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

salute a barletta

«Bucato quel tetto in amianto
vicino alle case: chi interviene?»

tetto d'amianto

BARLETTA - «I cittadini residenti in un condominio in via Regina Margherita 282 lamentano da tempo la presenza di una stazione di rifornimento carburanti di recentissima apertura situata a non più di 30 metri dal loro condominio, lamentando disagi legati ai cattivi odori derivanti dal fatto che periodicamente la cisterna dei rifornimenti provoca al momento dello scarico carburante cattivi odori».

Così Salvatore Martire, segretario e coordinatore dell’associazione «Barletta azione 360°», che aggiunge: «Noi ci chiediamo se tale situazione possa essere tollerabile, visto che in tutta Italia si sta applicando la giusta linea a tutela della salute e dell’ambiente che prevede il decentramento delle stazioni di rifornimento dai siti urbani antropizzati. Barletta Azione 360° ha già inoltrato al sindaco Pasquale Cascella e agli assessorati preposti all’ambiente ed alle attività produttive,un protocollo atto ad informare l’Amministrazione di tale risentimento cittadino senza ricevere ad oggi alcuna risposta».

Martire aggiunge: «Un cittadino residente nello stesso edificio, inoltre, segnala che nella stessa zona vi è un capannoni con il tetto di amianto in pessimo stato». Ha già scritto mesi fa all'amministratore che dovrebbe aver mandato una pec agli enti competenti che ad oggi non avrebbero dato risposta: quindi avremo il distributore di carburante da una parte e l'amianto dall'altra? Cosa dire? Il silenzio delle istituzioni fa ormai parte della “normalità”, ma questo stato di cose non lo accetteremo e non lo avalleremo mai. È colpevole, infatti, chi chiede la fiducia dei cittadini in periodo elettorale e, una volta eletto, si distacca da essi e dai problemi da risolvere, per impegnarsi piuttosto in beghe di partito legate ai propri interessi personali. Interverrà qualcuno? Staremo a vedere».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400