Martedì 23 Aprile 2019 | 22:48

NEWS DALLA SEZIONE

Il furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
Il furto
Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

 
Discariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 
La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLa strage
Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

 
LecceL'inchiesta
Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

 
PotenzaLe indagini
Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

 
BariL'intervista
Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

 
MateraOperazione della Polizia
Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

 
BatIl furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
BrindisiVento forte
Brindisi, maltempo blocca nel porto traghetto per Valona

Brindisi, traghetto bloccato dal vento nel porto: era diretto a Valona

 
TarantoL'operazione dei cc
Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

 

Grazia Distaso

Trani, si dimette assessore
alla Cultura: «Troppi impegni»

grazia distaso

Trani - «Avrei voluto fare molto altro e di più, ma, purtroppo mi sono resa conto del fatto che, con l’avvento di nuovi incarichi universitari, avrei fatto male due cose: per il bene di Trani, che amo tanto, ho preferito tornare a dedicarmi alla mia attività di docente». Così la professoressa Grazia Distaso che, da ieri, non è più assessore alla cultura dopo avere protocollato le dimissioni presso Palazzo di città.
Si tratta del terzo assessore della originaria giunta di Amedeo Bottaro a lasciare l’incarico: prima di lei, ma per motivi legati a divergenze rispetto ad alcune scelte politico-amministrative, avevano rassegnato le dimissioni Angelo De Biase (finanze) e Giuseppe Tempesta (contenzioso). La rinuncia all’incarico di Grazia Distaso, come detto, è invece legata alla sola impossibilità di reggere i ritmi tra l’attività universitaria, che tuttora sta esercitando, e quella amministrativa, evidentemente più faticosa del previsto.
Recentemente a Barletta l’ex omologa Giusy Carroppo aveva rassegnato le dimissioni ed il sindaco, Pasquale Cascella, ne avrebbe rilevato la delega, senza assegnarla più ad alcuno. A Trani invece si realizzerà lo scorporo delle due che la professoressa Distaso deteneva: Debora Ciliento assumerà quella alla pubblica Istruzione, circostanza che si era già compresa dalla sua partecipazione ai recenti incontri presso alcuni istituti scolastici: Felice Di Lernia, rileverà la cultura. Per il momento, Bottaro non avrebbe in animo di sostituire l’assessore mancante, valutando eventualmente una rivisitazione dell’esecutivo soltanto il prossimo anno, non prima dell’approvazione del bilancio di previsione, non tenendo conto neanche dei disagi emersi in seno al Partito democratico, durante la vicenda delle dimissioni ipotizzate, ma non più rassegnate, del segretario Nicola Amoruso.
Durante il suo mandato, Grazia Distaso ha compiuto passi importanti in favore della divulgazione della cultura soprattutto con riferimento alle attività di strada: si possono annoverare, fra queste, «Strani incontri», lunga e pregevole rassegna di eventi letterari in via Mario Pagano, opportunamente chiusa al traffico per l’occasione; la lettura della Divina commedia di Dante all’aperto, coinvolgendo centinaia di lettori; la «Notte dei poeti»; il teatro nella piazzetta di San Francesco. È stato notevolmente rinforzato il ruolo aggregante della biblioteca comunale sia per le manifestazioni, sia per il rapporto con le scuole.
Di certo, viene meno uno degli assessori qualificanti della cosiddetta «giunta delle competenze»: oggettivamente con la sua uscita di scena, la giunta Bottaro s’indebolisce. E non poco. Il sindaco precisando che la decisione gli era stata ampiamente anticipata nei giorni scorsi, ne prende atto così: «Ringrazio la professoressa Distaso per l’impegno fattivo profuso in questi mesi. Tante sono state le iniziative sviluppate, cui ha saputo dare un prezioso contributo. A lei va la più sentita riconoscenza per il lavoro svolto egregiamente e la dedizione dimostrata nei confronti del ruolo assessorile».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400