Giovedì 18 Aprile 2019 | 22:16

NEWS DALLA SEZIONE

Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 
I controlli
Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

 
La tragedia nel 2016
Scontro treni Ferrotramviaria, oggi via al processo a Trani: 18 imputati

Scontro treni Andria, via al processo a Trani: 19 imputati
«Regione sia responsabile civile»

 
Il punto
«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

 

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVerso le europee
«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

Lollobrigida:«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

 
PotenzaLa curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto

 
LecceNel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
BrindisiOperazione dei cc
Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

 
FoggiaCriminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
BatAl secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

Riunioni «fantasma» sei a rischio di giudizio

Il pubblico ministero ha contestato il falso ideologico e la truffa

procura trani

ANTONELLO NORSCIA

TRANI Si discuteranno il 21 giugno davanti al gup Angela Schiralli le sei richieste di rinvio a giudizio per le cosiddette riunioni fantasma della quinta commissione consiliare dell’ultima consigliatura comunale tranese. Fissata, dunque, l’udienza preliminare a seguito delle richieste di processo formulate dal sostituto procuratore della Repubblica di Trani Silvia Curione a carico di Francesco De Noia, Nico Damascelli, Mimmo Cognetti, Bartolo Maiullari ed Andrea Ferri, nonchè per il medico Giuseppe Peluso. A conclusione delle indagini il pm contestò ai cinque consiglieri le ipotesi di falso ideologico pluriaggravato e continuato e truffa aggravata. Per l’accusa, diverse riunioni della quinta commissione consiliare a seconda di casi non si sarebbero affatto tenute oppure non si sarebbero svolte secondo gli interi orari indicati nei relativi verbali. Nell’ambito dell’udienza preliminare gli imputati potranno optare per il rito abbreviato. Di fatto esclusa l’ipotesi del rito alternativo del patteggiamento, considerato che tutti negano fermamente gli addebiti contestati. In previsione dell’udienza del 21 giugno il Comune di Trani potrà costituirsi parte civile.

L’inchiesta nacque due anni fa dalla pregressa indagine della Procura presso il Tribunale Militare di Napoli che accusò De Noia, in organico alla Capitaneria di Porto di Bari e dunque alla Marina Militare, d’essersi assentato ingiustificatamente dal posto di lavoro. Assenze formalmente legate all’attività politico-amministrativa e ad altre giustificazioni sulla carta plausibili, che però nei fatti sarebbero state tradite dalla presenza di De Noia in tutt’altro contesto: soprattutto a sbrigare faccende per l’amministrazione della sede tranese dell’Università telematica «Pegaso».

La procura militare non aveva, ovviamente, giurisdizione per la posizione degli altri quattro consiglieri comunali componenti la quinta sottocommissione consiliare tranese con competenza in ambito di pubblica istruzione, turismo, marketing territoriale, politiche giovani, terzo settore, sport. Per ragioni procedurali l’ufficio inquirente tranese assorbì la competenza su De Noia anche per le ipotesi inizialmente contestate dalla Procura militare. Numerose le sedute fantasma contestate. Per le casse comunali ci sarebbe stato un danno di circa 33mila euro, che, per l’accusa, non si sarebbero dovuti sborsare a titolo di «gettoni di presenza» in favore dei consiglieri.

Le presunte magagne avrebbero indotto in errore l’ufficio comunale deputato a liquidare le somme. I fatti contestati vanno da novembre 2012 alla prima metà del 2014. Le indagini contemplarono anche l’accusa di falso ideologico per induzione: il Comune aveva il compito di segnalare alla Capitaneria di Porto gli impegni giustificativi che esoneravano De Noia dal recarsi a lavoro. L’ex consigliere, eletto nelle liste di Forza Italia da cui poi si è allontanato, è accusato anche dei reati, contemplati dal codice penale militare, di disobbedienza aggravata, omessa presentazione in servizio aggravata dal ruolo, simulazione di infermità continuata ed aggravata, ricettazione di falso certificato medico. Per quest’ultimo profilo è accusato di falso ideologico il medico tranese Giuseppe Peluso: avrebbe redatto un certificato attestante, falsamente, un malessere per cui De Noia non si presentò al lavoro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400