Venerdì 23 Aprile 2021 | 10:50

NEWS DALLA SEZIONE

Cultura
Trani, viaggio virtuale nel Polo museale diocesano

Trani, viaggio virtuale nel Polo museale diocesano

 
Dopo le condanne
Giustizia truccata a Trani, si riparte: «Soldi alla sorella dell'ex pm»

Giustizia truccata a Trani, si riparte: «Soldi alla sorella dell'ex pm»

 
Bat
Muore a 23 anni, trapianto multiorgano ad Andria: «L'operazione più complessa di sempre»

Muore a 23 anni, trapianto multiorgano ad Andria: «L'operazione più complessa di sempre»

 
L'allarme
Presidio militare nella Bat dopo l'omicidio

Presidio militare nella Bat dopo l'omicidio

 
L'inchiesta
Andria, 16enne salentina suicida in comunità terapeutica: 4 indagati

Andria, 16enne salentina suicida in comunità terapeutica: 4 indagati

 
sicurezza
BAT, l'annuncio del sottosegretario Sibilia: «A giugno inauguriamo nuova Questura»

BAT, l'annuncio del sottosegretario Sibilia: «A giugno inauguriamo nuova Questura»

 
L'agguato
Margherita di Savoia, 26enne ucciso con un colpo di pistola al torace

Omicidio a Margherita di Savoia, 26enne ucciso con un colpo di pistola al torace

 
Il caso
«La Bat in mano alle mafie», fa rumore l’allarme di Nitti

«La Bat in mano alle mafie», fa rumore l’allarme di Nitti

 
il progetto
Barletta, supermercato accanto al Castello: interrogazione inviata al ministro Franceschini

Barletta, supermercato accanto al Castello: interrogazione inviata al ministro Franceschini

 
Il caso
L'allarme del procuratore Nitti: «La Bat è preda delle mafie»

L'allarme del procuratore Nitti: «La Bat è preda delle mafie»

 
la polemica
Barletta, supermercato al Castello: maratona in Consiglio

Barletta, supermercato al Castello: maratona in Consiglio

 

Il Biancorosso

Serie C
Turris e Bari a confronto

Turris e Bari a confronto

 

NEWS DALLE PROVINCE

Potenzail provvedimento
Potenza, condannati dopo indagini della Dda su omicidio Cassotta: tre arresti

Potenza, condannati dopo indagini della Dda su omicidio Cassotta: tre arresti

 
BrindisiIl caso
S.Pancrazio Salentino, 70enne entra sana al «Fazzi» di Lecce ma muore dopo 15 giorni

S.Pancrazio Salentino, 70enne entra sana al «Fazzi» di Lecce ma muore dopo 15 giorni

 
Leccetrasporti
Surbo, riattivazione scalo: «Obiettivo importante per la Puglia e il Salento»

Surbo, riattivazione scalo: «Obiettivo importante per la Puglia e il Salento»

 
MateraLavori pubblici
Matera, cambia volto il teatro Quaroni

Matera, cambia volto il teatro Quaroni

 
TarantoL'inchiesta
Taranto, il commissario del porto ascoltato in Commissione Ecomafie

Taranto, il commissario del porto ascoltato in Commissione Ecomafie

 
GdM MultimediaCultura
Trani, viaggio virtuale nel Polo museale diocesano

Trani, viaggio virtuale nel Polo museale diocesano

 
FoggiaTragedia sfiorata
Rignano Garganico, nigeriano con coltello e spranga di ferro aggredisce equipe medica

Rignano Garganico, nigeriano con coltello e spranga di ferro aggredisce equipe medica

 

i più letti

L'agguato

Andria, Far west in strada per motivi passionali: ferito 29enne, in cella il killer

Sabato sera sparatoria in via Campania, il feritore si è costituito ai Carabininieri e ha confessato

Andria, Far west in strada per motivi passionali: ferito 29enne, in cella il killer

Una lite per motivi passionali all'origine del ferimento avvenuto sabato sera in vai Campania, ad Andria, in cui un 29enne è stato colpito alla schiena da uno dei tre proiettili esplosi da un killer che si è successivamente costituito ai Carabinieri.

Tutto è iniziato sabato pomeriggio quando tra i due, la vittima 29enne e un 25enne noto alle forze dell'ordine, c'è stato un violento litigio per un motivo passionale. I due se le sono dati di santa ragione - senza che nessuno si accorgesse di hnulla e chiamasse le forze dell'ordine - quindi si sono separati.

Ma la tregua è durata poco perchè, poco dopo le 19.30, uno dei due giovani è tornato sempre in via Campania, stavolta armato di pistola, e ha fatto fuoco contro il rivale colpendolo alla schiena. Il ferito, sanguinante, ha tentato la fuga: prima si è rivolto a un negoziante che gli ha sbarrato la porta, poi ha chiesto aiuto a un altro commerciante che lo ha accompagnato in ospedale.

I Carabinieri, intervenuti, hanno ricostruito le fasi della vicenda con non poche difficoltà visto l'assoluto clima di omertà. Gli investigatori hanno accertato che erano stati esplosi almeno tre copi di pistola, quindi si sono messi sulle tracce del presunto killer, riuscendo a identificarlo anche se nel frattempo il 25enne Nicola Cafieri si era dato alla macchia.

Sentitosi braccato, C.F. si è costituito domenica mattina alla caserma dei Carabinieri accompagnato dal suo legale, e gli è stato notificato il fermo disposto dal pm della Procura di Trani che ha diretto in prima persona le indagine e a raccolto la confessione del feritore, accusato di tentato omicidio, detenzione e porto illegale d'arma, e quindi successivamente trasferito nel carcere di Trani. Sono in corso le indagini per individuare le eventuali responsabilità di altri soggetti.   

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie