Martedì 29 Settembre 2020 | 16:39

NEWS DALLA SEZIONE

Salute
Andria, prelievo multiorgano al Bonomo: 86enne dona fegato e reni. Saranno trapiantati a Bari

Andria, prelievo multiorgano al Bonomo: 86enne dona fegato e reni. Saranno trapiantati a Bari

 
Il caso
Barletta, picchiato dal branco per passatempo: 25enne in ospedale, «Difendevo i miei amici»

Barletta, picchiato dal branco per passatempo: 25enne in ospedale, «Difendevo i miei amici»

 
Il caso
Barletta, per arginare i contagi il sindaco «frena» le scuole di danza: proteste

Barletta, per arginare i contagi il sindaco «frena» le scuole di danza: proteste

 
sanità
Barletta, al «Dimiccoli» eseguita per la prima volta Pet per diagnosi tumori endocrini

Barletta, al «Dimiccoli» eseguita per la prima volta Pet per diagnosi tumori endocrini

 
post voto
Andria, anche sui social il «ballottaggio» Pd-M5s

Andria, anche sui social il «ballottaggio» Pd-M5s

 
il bel gesto
Bisceglie, eseguito l’espianto di 5 organi grazie a una famiglia di Corato

Bisceglie, eseguito l’espianto di 5 organi grazie a una famiglia di Corato

 
ambiente
Andria capannone incendiato, Arpa Puglia: «In corso indagini per definire inquinamento provocato»

Andria capannone incendiato, Arpa Puglia: «In corso indagini per definire inquinamento provocato»

 
la novità
Andria, inaugurato impianto biogas tra i primi in Europa

Andria, inaugurato impianto biogas tra i primi in Europa

 
verso il ballottaggio
Di Maio ad Andria: «Grazie alla Puglia. Referendum, qi il 75% ha votato Sì»

Di Maio ad Andria: «Grazie alla Puglia. Referendum, qi il 75% ha votato Sì»

 
Al Cafiero
Barletta, studente positivo: chiuso per due giorni liceo scientifico

Barletta, studente positivo al Covid: chiuso per due giorni liceo scientifico

 

Il Biancorosso

Serie c
Il Bari può solo crescere: vincere non è mai facile

Il Bari può solo crescere: vincere non è mai facile

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatSalute
Andria, prelievo multiorgano al Bonomo: 86enne dona fegato e reni. Saranno trapiantati a Bari

Andria, prelievo multiorgano al Bonomo: 86enne dona fegato e reni. Saranno trapiantati a Bari

 
PotenzaNel Potentino
Basilicata, cerca di vendere sui social un pappagallo australiano: denunciato

Basilicata, cerca di vendere sui social un pappagallo australiano: denunciato

 
BariL'iniziativa
Bici che passione: a Rutigliano nasce la nuova Asd Azetium

Bici che passione: a Rutigliano nasce la nuova Asd Azetium

 
TarantoLa celebrazione
Mittal, a Taranto la cerimonia in memoria delle vittime del lavoro

Mittal, a Taranto la cerimonia in memoria delle vittime del lavoro

 
FoggiaIl fatto
Foggia, palpeggia sedere a una ragazza per strada e la schiaffeggia: arrestato

Foggia, palpeggia sedere a una ragazza per strada e la schiaffeggia: arrestato

 
MateraNel Materano
Francis Ford Coppola è cittadino onorario di Bernalda

Francis Ford Coppola è cittadino onorario di Bernalda

 
BrindisiNel Brindisino
Campo di Mare, sbarcati 47 migranti egiziani nella notte: stanno tutti bene

Campo di Mare, sbarcati 47 migranti egiziani nella notte: stanno tutti bene

 

i più letti

L'agguato

Omicidio in piazza a Canosa, il presunto killer aveva già ucciso 2 volte

Procuratore Trani, 'decisiva la collaborazione dei cittadini'

Canosa, esecuzione in piazza e caccia all’uomo tra i clan

Il luogo dell’agguato, foto Calvaresi

CANOSA - Matteo Di Nunno, l’80enne in carcere per l’omicidio del pregiudicato 48enne Giuseppe Caracciolo, ucciso a Canosa di Puglia sabato mattina con due colpi di arma da fuoco al petto, aveva già ucciso due volte. «Aveva già commesso due omicidi - conferma il procuratore di Trani, Renato Nitti - uno nel 1970 in Germania, un altro nel 2001 in Italia e una serie di altri reati». Il procuratore ha poi evidenziato che "ciò che è veramente importante e decisivo è aver avuto la collaborazione dei cittadini. Probabilmente si sarebbe arrivati al risultato anche senza questa collaborazione, ma è un dato assolutamente significativo. Se si commette un omicidio in piazza, alle 12:10 del sabato mattina, evidentemente è perché c'è un senso di impunità, perché si pensa che i cittadini non collaboreranno mai. Qui i cittadini hanno inteso collaborare».


Alcuni testimoni oculari hanno riferito nell’immediatezza dei fatti di aver visto un uomo armato, claudicante, di età avanzata, con camicia chiara e marsupio a tracolla, che si era allontanato subito dopo la sparatoria. Questi elementi, insieme alle immagini estrapolate dalle telecamere di videosorveglianza, hanno consentito di identificare l’autore dell’omicidio in poche ore. In carcere, arrestato in flagranza per la detenzione dell’arma del delitto, è finito anche il figlio 48enne dell’assassino, Roberto Di Nunno. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie