Giovedì 05 Agosto 2021 | 23:34

NEWS DALLA SEZIONE

controlli sul litorale
Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

 
violenza domestica
Picchia moglie e figlio minorenne disabile, 52enne in carcere

Picchia moglie e figlio minorenne disabile, 52enne in carcere

 
Il 28 Luglio 1980
Quarant'anni fa a Mosca Pietro Mennea diventava campione olimpico nei 200 m

Quarantuno anni fa a Mosca Pietro Mennea diventava campione olimpico nei 200 m

 
Il personaggio
Barletta, è morto Vito Cuonzo il partigiano tenace e cortese

Barletta, è morto Vito Cuonzo il partigiano tenace e cortese

 
La cerimonia
Trani, il ministro Lamorgese inaugura la caserma dei carabinieri

Trani, il ministro Lamorgese inaugura la caserma dei carabinieri

 
Ora è in cella
Barletta, detenuto ai domiciliari coltivava droga

Barletta, detenuto ai domiciliari coltivava droga

 
Ora è in cella
Barletta, detenuto ai domiciliari coltivava droga in casa

Barletta, detenuto ai domiciliari coltivava droga in casa

 
La sentenza
Minacce ai testimoni, condanne dimezzate per due ex pm di Trani

Minacce ai testimoni, condanne dimezzate per due ex pm di Trani

 
Il caso
Barletta, «Esclusi dal confronto sul biomonitoraggio»

Barletta, «Esclusi dal confronto sul biomonitoraggio»

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Sono 9 i contagiati

Corononavirus, primo morto in Puglia: un 75enne del Foggiano. Altro caso nella Bat: un tranese che lavora a Barletta

L'annuncio del sindaco di Barletta in consiglio comunale: il nuovo ammalato ha 47 anni ed era stato al nord: è ricoverato a Bisceglie

Foggia, rientra dalla Cina e chiude la sartoria:«Chiudo per 15 giorni per maggiore tranquillità di tutti»

Prima vittima da coronavirus in Puglia. Si tratta di un anziano di 75 anni  affetto da cardiopatia e da altre patologie. Il decesso è avvenuto a casa - in un centro della provincia dauna - e la scoperta della positività è emersa dopo l'autopsia. Sarà l’Istituto Superiore di Sanità a dare la definitiva conferma e stabilire il nesso tra infezione da Covid-19 con il decesso. Pertanto, al momento, è corretto dire che l'uomo è morto «con» il coronavirus e non «per». Il Dipartimento di Prevenzione della Asl di Foggia, come da protocollo regionale, ha attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche provvedendo a isolare tutti i contatti stretti. 

La notizia arriva in concomitanza con l'annuncio del primo caso di positivo al Covid-19 nella provincia Bat. A comunicarlo pubblicamente è stato il sindaco di Barletta, Cosimo Cannito, nel corso della riunione del consiglio comunale. Si tratta di un agente di commercio residente a Trani che opera a Barletta: l'uomo - che è ricoverato nel Reparto infettivi dell'ospedale di Bisceglie - era stato nei giorni scorsi in Lombardia e Veneto per lavoro. Anche in questo caso la Asl, come da protocollo, sta provvedendo a isolare parenti o persone con cui è venuto a contatto.

Con questi due nuovi casi positivi sale dunque a 9 il numero di contagi accertati da COVID-19 in Puglia: si tratta dell'uomo di Torricella, insieme alla moglie e al fratello, del militare 29enne di Bari che lavora a Bergamo e della moglie, del parrucchiere di Aradeo, la 74enne di Ascoli Satriano, il commerciante di Trani e il 75enne della provincia di Foggia (deceduto).

LA VITTIMA ERA STATA NELLA ZONA ROSSA - Era stato qualche giorno tra fine gennaio e gli inizi di febbraio a Cremona, in Lombardia, l’uomo di 75 anni morto il 27 febbraio scorso a San Marco in Lamis nel Foggiano. Il risultato del test che ha rilevato la positività all’infezione da coronavirus si è avuto solo dopo che il funerale era stato celebrato e per questo oltre che per i parenti stretti, si teme che anche chi ha fatto loro le condoglianze possa essere stato contagiato.
Da fonti dell’amministrazione è stato possibile ricostruire tutto il percorso compiuto dal 75enne pensionato dell’ufficio economato dell’Asl di Foggia. L’uomo, dopo il soggiorno in Lombardia, è tornato a San Marco in Lamis il 16 febbraio. Avrebbe comunicato subito al medico curante di essere stato nelle zona a rischio contagio e dopo il suo arrivo ha avvertito i primi malori: senso di spossatezza e inappetenza e qualche linea di febbre. E’ poi morto in casa la sera del 27 e l'indomani il corpo è stato portato all’ospedale di San Severo (Foggia) e successivamente nella sala mortuaria a San Marco in Lamis. Così ieri pomeriggio, poche ore prima che si conoscesse l'esito del test, sono stati celebrati i funerali nella chiesa «La Collegiata» di San Marco in Lamis.  Da indiscrezioni si apprende che il contagio sarebbe avvenuto su quattro persone vicine alla vittima.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie