Martedì 18 Febbraio 2020 | 02:40

NEWS DALLA SEZIONE

La storia
Barletta, il «ragazzo delle farfalle» morto sulla strada. I genitori nelle scuole: mai più

Barletta, il «ragazzo delle farfalle» morto sulla strada. I genitori nelle scuole: mai più

 
Criminalità
Bomba sotto auto CC, commissione antimafia incontra prefetto Bat

Bomba sotto auto CC, commissione antimafia incontra prefetto Bat

 
Violenza sessuale
Barletta, palpeggia studentessa sul treno: arrestato

Barletta, palpeggia studentessa sul treno: arrestato

 
l'evento
Andria festeggia San Valentino con il Red Carpet dell'Amore

Andria festeggia San Valentino con il Red Carpet dell'Amore

 
La sentenza
toga

Canosa, comportamento ingiusto: «Illegittimi i licenziamenti alla Bcc»

 
falso allarme
Coronavirus, paziente cinese trasportato da Bisceglie: sta bene, test negativo

Coronavirus, paziente cinese trasportato da Bisceglie: sta bene, test negativo

 
Il processo a Lecce
Trani, «giustizia truccata», l'ex gip Nardi avverte un malore e salta l'udienza

Trani, «giustizia truccata», l'ex gip Nardi avverte malore. Udienza rinviata al 19

 
Nel pomeriggio
Barletta, passano i vigili: fallisce rapina in gioielleria, rinvenuto fucile

Barletta, intervengono i vigili: fallisce rapina in gioielleria, rinvenuto fucile

 
Il furto
Andria, ruba anelli ai pazienti arrivati in pronto soccorso privi di conoscenza: arrestato

Andria, ruba anelli ai pazienti svenuti arrivati in pronto soccorso: arrestato

 
L'annuncio
Trani, l'iniziativa dell'imprenditore: «Congedo extra ai neopapà dipendenti di Megamark»

Trani, l'iniziativa di Megamark: «Congedo extra ai neopapà dipendenti»

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio: vittoria al San Nicola contro il Picerno: 3-0

Bari calcio: vittoria al San Nicola contro il Picerno: 3-0

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraLa tragedia
Matera, 39enne si allontana da casa in auto: trovato morto in un dirupo

Matera, 39enne si allontana da casa in auto: trovato morto in un dirupo

 
PotenzaL'inchiesta
Potenza, maltrattamenti in Istituto Padri Trinitari: assolti

Potenza, maltrattamenti in Istituto Padri Trinitari: assolti

 
TarantoStalking
Perseguita e violenta per 4 mesi una donna: arrestato 49enne nel Tarantino

Perseguita e violenta per 4 mesi una donna: arrestato 49enne nel Tarantino

 
FoggiaL'aggressione
San Severo, giovane di 32 anni accoltella anziano all'addome

San Severo, un trentaduenne accoltella anziano all'addome

 
LecceIl caso
Lecce, detenuto da fuoco alla sua cella: intossicati 5 agenti penitenziari

Lecce, detenuto dà fuoco alla sua cella: intossicati 5 agenti penitenziari

 
NewsweekLa storia
Barletta, il «ragazzo delle farfalle» morto sulla strada. I genitori nelle scuole: mai più

Barletta, il «ragazzo delle farfalle» morto sulla strada. I genitori nelle scuole: mai più

 
BrindisiPallacanestro
Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

 

i più letti

Le alleanze

Andria e Trani, così si va verso il voto: ecco gli aspiranti sindaci

Certezze e incertezze, oltre a veri e propri rebus: così le coalizioni all'esame delle urne

Elezioni comunali

QUI ANDRIA - Potrebbe essere la settimana decisiva questa per conoscere le decisioni di partiti e schieramenti sulle prossime amministrative che coinvolgeranno la città, che sarà chiamata ad eleggere il sindaco e il consiglio comunale. Il prossimo 13 febbraio, infatti, è stata convocata la conferenza stampa (presso la Safety Corporation, in via Barletta, alle 18.30) dei Sindaci di Italia in Comune, esponenti del movimento civico che esprime molti sindaci in Puglia e in Italia, per presentare alla stampa il progetto di rete civica per la rinascita di Andria e le proposte di governo per la città. Saranno presenti il sindaco di Bitonto Michele Abbaticchio, sindaci di Puglia, il vice presidente della Regione Puglia Antonio Nunziante e per la rete di Andria Vincenzo Caldarone che così commenta: «Consapevoli che il tempo per costruire una risposta civica e di salvezza per Andria sia ormai poco, Italia in Comune intende presentare idee e disponibilità per il rilancio di una comunità popolosa e importante per tutto il territorio e la Regione».
Andria Bene Comune e il suo referente Vincenzo Caldarone, che ha proposta Futura – rete civica popolare, secondo indiscrezioni, dovrebbe appoggiare il candidato del centrosinistra, in via di definizione, presentando però una propria lista e rinunciando ad un proprio candidato sindaco. E infatti, nella serata del 13 febbraio (alle 20.15) il presidente del circolo cittadino del PD Domenico Salvemini ha convocato la segreteria per discutere: delle linee politiche e programmatiche per le elezioni amministrative 2020 e dei criteri per la scelta del candidato sindaco.
«La segreteria cittadina è sempre più convinta – commenta Giovanni Vurchio, segretario PD - che è necessario avviare un percorso comune con tutti i soggetti della nostra città: anziani, giovani, operatori culturali, fasce deboli, artigiani, commercianti e imprese in genere. Significa avviare la stagione del dialogo e di una diversa condivisione dello sviluppo della città, di mettere sul tappeto i problemi di oggi e su questi elaborare nuove strategie, di affidare ai cittadini un ruolo di cui gli stessi devono sapersi appropriare con la responsabilità e la coscienza di essere parte di un tessuto sociale che deve saper coniugare ed integrare le esigenze di tutti. Il futuro è in questa nuova sfida di pensare allo sviluppo ragionato e condiviso».
Non è tutto. Si è costituito il comitato di Italia Viva, coordinato da Angela Lasorsa che dichiara: «La sua costituzione nasce dall’idea di fornire, anche sul territorio andriese, un punto di riferimento per tutti coloro che intendono aderire ed essere sempre informati sulle novità del progetto progressista e riformista, proposto da Italia Viva». E veniamo al centrodestra: mancherebbe poco alla ufficializzazione di Nino Marmo quale candidato sindaco. A sostenerlo insieme a Forza Italia ci sarebbero Andria Nuova e liste civiche, mentre Fratelli d’Italia ha al suo interno qualche resistenza. Le riunioni interlocutorie sono in corso anche con la Lega che ha mostrato inizialmente chiusura: il partito di Salvini ha ritenuto Marmo e Forza Italia responsabili della fine anticipata della consigliatura. Per Marmo, invece, con la Lega non c’è alcun attrito: «Alla fine del mandato l’ex sindaco era ancora in Forza Italia». 

QUI TRANI - È di 3 candidati sindaco e 18 liste il conto ufficiale parziale in vista delle elezioni amministrative della prossima primavera. Amedeo Bottaro, con 12 soggetti politici a sostegno, Tommaso Laurora, che ne ha 5, e Attilio Carbonara, con uno, sono già formalmente in corsa. Mancano all’appello il candidato sindaco del centrodestra, pronto a presentare cinque liste, e quello della probabile minicoalizione formata da Movimento 5 stelle e Trani a capo, che nel 2015 si erano presentati con rispettivi candidati sindaco.

Allo stato, dunque, è il sindaco in carica a vantare il maggior numero di liste a sostegno: per il momento ne ha annunciate ufficialmente 12 - Partito democratico, Verdi, Sinistra italiana, Emiliano sindaco di Puglia, Sud al centro, Prima di tutto Trani, Realtà Italia, Più Trani, Puglia popolare Trani, Con, Solo con Trani futura, Trani sociale -, ma altre potrebbero ancora aggiungersi. Tutti si riconoscono nel centrosinistra, ma in alcuni casi vantano specifici precedenti e percorsi anche nel centrodestra.

Lo stesso dicasi per Tommaso Laurora, candidato sindaco dichiaratamente trasversale che, una volta rotto con l’amministrazione Bottaro, di cui è stato anche assessore, ha formato una sua coalizione composta di 5 liste: Italia In comune; Trani decide; Effetto Trani; Buongoverno; La Trani che vogliamo.
Attilio Carbonara è, allo stato, il candidato sindaco di una sola lista, Prospettiva Trani, ma confida nella possibilità di annettere anche altri soggetti politici, passando così da lista a coalizione di liste.
Da chiarire il percorso che intenderanno svolgere Movimento 5 stelle e Trani a capo: scongiurata l’ipotesi di una proposta giallorossa a livello locale, i grillini hanno avviato un percorso comune con il movimento che aveva avuto come candidato sindaco, nel 2015, Antonio Procacci: quest’ultimo, oltre modo assorbito da impegni lavorativi, potrebbe cedere il passo alla sempre più battagliera Maria Grazia Cinquepalmi.

Ancora nulla di fatto sul fronte del centrodestra: il recinto dello schieramento, ribattezzo «coalizione dei tranesi» - Fratelli d’Italia, Forza Italia, Lega, Cambiamo, Trani Libera -, è pronto da lo scorso 22 novembre, ma ancora oggi il candidato sindaco non c’è, e questo rende tuttora favoritp il pluri consigliere comunale ed ex presidente facente funzioni della Provincia, Pasquale De Toma. Da notare che nessuno schieramento ha celebrato elezioni primarie quest’anno, mentre nel 2015 Bottaro era stato candidato a sindaco dopo avere vinto le «comunalie» contro Fabrizio Ferrante e Domenico Briguglio.
Il centrodestra, a sua volta, non ha più ripetuto la controversa esperienza del 2012, che portò alla candidatura di Luigi Riserbato anziché Giuseppe Di Marzio, ma originò una serie di insanabili fratture che condizionano non poco quel governo cittadino.

E, così, le elezioni amministrative della primavera del 2020 giungeranno senza particolari colpi di scena preliminari. Amedeo Bottaro terminerà regolarmente il mandato senza che, nel frattempo, ci siano state turbolente elezioni primarie o sindaci dimissionari o caduti per motivi di varia natura: una vigilia così serena non si registrava dalle consultazioni del 1999, che portarono all’elezione di Carlo Avantario.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie