Martedì 15 Ottobre 2019 | 18:40

NEWS DALLA SEZIONE

l'iniziativa
«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

 
Nel Nordbarese
Canosa, nudo e ubriaco aggredisce per strada ex compagna: arrestato

Canosa, nudo e ubriaco aggredisce per strada ex compagna: arrestato

 
città e memoria
Palazzo Tresca, quell'edificio a Barletta va salvato

Palazzo Tresca, quell'edificio a Barletta va salvato

 
nel Nordbarese
Trinitapoli, lampeggiano per segnalare posto di blocco: 5 automobilisti multati

Trinitapoli, lampeggiano per segnalare posto di blocco: 5 automobilisti multati

 
i numeri
Turismo, Trani da record: ottobre tutto esaurito

Turismo, Trani da record: ottobre tutto esaurito

 
L'inchiesta
Traffico di influenze, padre Renzi indagato: soldi da imprenditore barlettano D'Agostino

Padre Renzi indagato: «Soldi da D'Agostino per presentarlo a politici pugliesi»

 
nel Nordbarese
Trani, chiusa per 15 giorni pizzeria dell'uomo che ha minacciato 3 ragazzini con una pistola

Trani, chiusa per 15 giorni pizzeria dell'uomo che ha minacciato 3 ragazzini con una pistola

 
L’epilogo
Magistrati arrestati a Trani, D’Introno si costituisce: è in carcere

Magistrati arrestati a Trani, D’Introno si costituisce: è in carcere

 
Il giallo
Crollo di Barletta, scomparsa la maglia dedicata alle 5 vittime: «Una vergogna»

Crollo di Barletta, scomparsa la maglia dedicata alle 5 vittime: «Una vergogna»

 
Strage Andria-Corato
Scontro treni, pm conosceva avvocato: doveva astenersi, Csm conferma censura

Scontro treni: «Pm conosceva avvocato, doveva astenersi», Csm conferma censura

 

Il Biancorosso

Lega pro
Metamorfosi Bari: una rinascita sotto il segno di Vivarini

Metamorfosi Bari: una rinascita sotto il segno di Vivarini

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barisanità
Bari, inaugurata nuova risonanza magnetica all'ospedale San Paolo

Bari, inaugurata nuova risonanza magnetica all'ospedale San Paolo

 
Materamorirono in 2
Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

 
Brindisinel Brindisino
Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

 
Leccenel Leccese
Maglie, piante di marijuana in un terreno e droga in casa: denunciato 32enne

Maglie, piante di marijuana in un terreno e droga in casa: denunciato 32enne

 
Foggianel foggiano
San Severo, polizia sequestra terreno con 30 piante di marijuana

San Severo, polizia sequestra terreno con 30 piante di marijuana

 
Tarantola decisione
Tribunale Taranto, marinaio morto per amianto: 200mila euro di risarcimento agli eredi

Tribunale Taranto, marinaio morto per amianto: 200mila euro di risarcimento agli eredi

 
Batl'iniziativa
«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

 
PotenzaI dati
Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

 

i più letti

Il caso

Barletta, si sbriciola balcone palazzo Della Marra: un totem per «puntellarlo»

È adattato a barbacane per sostenere il balcone barocco, da cui continuano a cadere calcinacci

Barletta, si sbriciola balcone palazzo Della Marra: un totem per «puntellarlo»

Chissà se le telecamere di «Linea Verde», nei giorni scorsi in città per il primo dei quattro speciali «Grand Tour» di Rai1 diretti da Lorella Cuccarini (andranno in onda ad agosto) si sono soffermate anche sulla facciata del barocco Palazzo Della Marra, in via Cialdini, cuore del centro storico barlettano, sede della collezione De Nittis.
A giudicare dal comunicato diffuso il 1° luglio dal Comune, pare proprio di no: «In mostra - si leggeva - ci saranno alcune fra le bellezze di Barletta, fra cui il Castello, il teatro Curci, Eraclio e la Basilica del Santo Sepolcro. Lorella Cuccarini scoprirà il fascino di una città in cui storie di cavalieri si intrecciano a leggende e grandi imprese».

Palazzo Della Marra è stato tenuto prudenzialmente fuori dal giro annunciato. Se lo avessero incluso, quelle telecamere avrebbero immortalato una bizzarra anomalia: quella di un totem incredibilmente adattato alla bisogna a barbacane per reggere lo splendido ma non molto stabile balcone barocco della facciata dell’edificio seicentesco.
Sì, avete letto bene. L’arte di arrangiarsi e di nascondere la polvere sotto il tappeto a volte supera anche la più fervida delle fantasie. O forse è proprio vero, come dice lo scrittore Francis Scott Fitzgerald: «È invariabilmente triste guardare con occhi nuovi cose alle quali ci eravamo già adattati».

Già. Pare che Palazzo Della Marra sia in quelle condizioni da almeno due, se non tre anni. Vale a dire dall’epoca dell’Amministrazione Cascella. E con la Giunta Cannito non è che le cose siano migliorate. Anzi. Il «camuffamento» è riuscito talmente bene che finora non aveva dato nell’occhio. Constatata la ripetuta caduta di calcinacci, a Palazzo di Città, si erano acconciati per la «geniale» soluzione, tenendone all’oscuro, pare, anche la Soprintendenza.
E pensare che dopo una lunga e chissà quanto fruttuosa battaglia, nel luglio 2015 quell’immobile è passato dallo Stato al Comune. Disse nell’occasione il sindaco Pasquale Cascella: «Si tratta di un traguardo storico di cui l’intera città può essere orgogliosa. Con la consegna al Comune da parte del Demanio, quel bene diventa non meno ma più pubblico, essendo affidato ai cittadini. È un punto fermo per avviare una più ampia azione di valorizzazione del palazzo e degli altri beni pubblici della città che attendono interventi di tutela e di promozione».

E Giuliana Dionisio, direttrice dell’Agenzia del Demanio Puglia e Basilicata, in rappresentanza del Ministero dell’Economia e delle Finanze: «Il trasferimento di Palazzo Della Marra dallo Stato al Comune di Barletta è un esempio di grande collaborazione fra istituzioni che ha permesso di restituire ai cittadini un bene di grande pregio storico-artistico, in un’ottica di valorizzazione culturale e di sviluppo del turismo e dell’economia locale».

La «valorizzazione» auspicata rischia di sbriciolarsi sotto i colpi della inettitudine e della «furbizia» autolesionista.
Se il balcone di casa vostra rischiasse di cadere a pezzi, vi accontentereste di un totem-barbacane adattato alla bell’e meglio? Il Comune in cui risiedete ve lo consentirebbe? Molto probabilmente, no. Il Comune di Barletta, invece, evidentemente è molto indulgente verso se stesso. Ma il sonno della diligente manutenzione rischia di generare la mostruosità della distruzione di un balcone che ha «l’aria di un componimento poetico, turgido, enfatico». O, meglio, aveva...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie