Sabato 25 Maggio 2019 | 11:45

NEWS DALLA SEZIONE

Nella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 
La sentenza
Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

 
La decisione
Barletta, villette abusive: dissequestro e proprietari assolti

Barletta, villette abusive: dissequestro e proprietari assolti

 
La sentenza
Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

 
La bomba
Barletta, paura per ordigno bellico in mare

Barletta, paura per ordigno bellico in mare

 
Dopo la scossa
Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

 
Sanità
Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

 
Sanità
Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

 
L'indagine
Arresto Giancaspro, legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

Bancarotta, l'ex patron del Bari Giancaspro interrogato per 6 ore
Legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

 
I danni
Bat, maltempo distrugge ciliegie: controlli tecnici regionali

Bat, maltempo distrugge ciliegie: controlli tecnici regionali

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceL'incidente
Lecce, si insedia e cade: frattura per il neo presidente della Corte di appello

Lecce, si insedia e cade: frattura per il neo presidente della Corte di appello

 
BrindisiDai Cc
Ceglie Messapica, droga nella lavatrice: arrestato un 34enne

Ceglie Messapica, droga nella lavatrice: arrestato un 34enne

 
PotenzaArrestato dai Cc
Melfi, era ai domiciliari ma spacciava: in cella 24enne

Melfi, era ai domiciliari ma spacciava: in cella 24enne

 
TarantoAl Comune
Taranto, ecco chi sono io nuovi assessori del Melucci-ter

Taranto, ecco chi sono i nuovi assessori del Melucci-ter

 
Speciale Elezioni 2019Verso il voto
Comunali, Decaro: «La nostra è una storia straordinaria: Bari è più moderna e europea»

Comunali, Decaro: «La nostra è una storia straordinaria: Bari è più moderna e europea»

 
BatNella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 
MateraSanità
Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

Ospedale Tinchi, nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

 

i più letti

giustizia

Trani, il Csm conferma procuratore Di Maio 

Dopo lo stop del Consiglio di Stato: 16 voti al magistrato siciliano, 5 al barese Nitti

Trani, il Csm conferma: per procuratore Di Maio investitura bis

BARI - A ottobre il Consiglio di Stato aveva annullato la nomina per un vizio di motivazione. Ieri il Csm l’ha riconfermata: Antonino Di Maio, 55 anni, di Catania, è il procuratore della Repubblica di Trani, battendo (per 16 voti a 5, con due astensioni) il pm di Bari, Renato Nitti, che contro quella scelta si era rivolto ai giudici amministrativi.
Il plenum di Palazzo dei Marescialli ha dunque approvato la proposta di maggioranza della Quinta commissione (relatore Antonio Lepre di Magistratura indipendente), votata anche da Unicost, dai laici di Lega e Forza Italia e da Fulvio Gigliotti del M5S. Per Nitti si sono schierati i togati di Area e il laico grillino Benedetti, mentre si sono astenuti i togati di Ai (tra cui Davigo), il pg di Cassazione Fuzio e l’altro laico M5S Filippo Donati.
Il plenum ad aprile 2017 aveva scelto Di Maio come successore di Carlo Capristo (passato a guidare la Procura di Taranto). Ma i giudici di Palazzo Spada avevano trovato contraddittoria la motivazione a favore di Di Maio sull’idoneità a svolgere funzioni direttive. Secondo la nuova valutazione licenziata ieri a maggioranza, i due candidati possono essere considerati equivalenti. Il curriculum di Nitti, però, «per quanto apprezzabile, non può certo portare ad un giudizio di prevalenza» perché Di Maio può vantare una «esperienza più ricca» avendo lavorato in un maggior numero di uffici di Procura. Alla fine ha pesato anche il fatto che il magistrato romano è «più anziano di ruolo di quasi quattro anni».

Le polemiche non sono mancate. Secondo Cascini si tratterebbe di «una nomina illegittima che il Consiglio di Stato annullerà, e che porterà noi, per la prima volta, non il precedente Consiglio, ad eludere sfacciatamente il giudicato», ma Lepre ribatte che la scelta «conferma stabilità ad un ufficio requirente che opera in una realtà molto delicata». Il riferimento è all’attività di «bonifica» che Di Maio ha già avviato, dallo scorso anno, a seguito dei procedimenti disciplinari a carico degli ex pm Antonio Savasta e Luigi Scimè, con la necessità di un ulteriore risanamento, anche etico, della Procura di Trani: per questo - sembra essere il ragionamento - senza nulla togliere a Nitti, magistrato esperto che ha guidato inchieste importanti, già nel 2017 era stato preferito un candidato estraneo alla Puglia. E anche secondo Corrado Cartoni (Mi) la scelta di Di Maio è «assolutamente legittima». Durante il plenum era intervenuto anche il barese Giovanni Zaccaro: «Renato Nitti - ha detto - è il migliore dei candidati, è quello che ha più attitudini, solo Nitti ha avuto deleghe organizzative e da diversi procuratori».
Tuttavia Di Maio è stato votato da due diversi Csm, quello a trazione Pd del 2017 e quello gialloblù attuale. Oggi l’ufficio tranese è a pieno organico (un aggiunto, Ettore Bianchi, e 10 pm), con un piano organizzativo già approvato e messo in esecuzione fin dallo scorso maggio. Di Maio ha preferito non commentare la nomina, limitandosi ad esprimere «soddisfazione». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400