Mercoledì 17 Luglio 2019 | 06:51

NEWS DALLA SEZIONE

Rifiuti
Discarica di Canosa, Stea: «In arrivo 4,2 mln per chiusura definitiva»

Discarica di Canosa, Stea: «In arrivo 4,2 mln per chiusura definitiva»

 
Il caso
Bisceglie, in 5 a giudizio per gestione Salsello, Procura di Lecce: «Accertamenti sull'indagine»

Bisceglie, in 5 a giudizio per gestione Salsello, Procura di Lecce: «Accertamenti sull'indagine»

 
Il caso
Barletta, sindaco insultato su Facebook sporge denuncia

Barletta, sindaco insultato su Facebook sporge denuncia

 
Arte in cucina
Il volto di Jovanotti su una pizza: così Barletta aspetta il concerto

Il volto di Jovanotti su una pizza: così Barletta aspetta il concerto

 
La paura
Barletta, 50enne grave dopo puntura di vedova nera: salvato da antidoto

Barletta, 50enne grave dopo puntura di vedova nera: salvato da antidoto

 
Il festival
Trani è tutta un tango con Zotto e Guspero, tra i ballerini più bravi al mondo

Trani è tutta un tango con Zotto e Guspero, tra i ballerini più bravi al mondo

 
Rifiuti sospetti
Barletta, degrado in via Bellini: scatta denuncia al Noe

Barletta, degrado in via Bellini: scatta denuncia al Noe

 
Il bilancio
Maltempo, la grandinata distrugge le percoche di Loconia

Maltempo, la grandinata distrugge le percoche di Loconia

 
La nota
Bisceglie, chiusura ostetricia: Ministero smentisce Regione. «Mai chiesto stop»

Bisceglie, chiusura punto nascita, Ministero smentisce Regione: «Mai chiesto stop»

 
Dalla polizia
Barletta, a bordo di uno scooter rapinò 90enne facendolo cadere a terra: preso

Barletta, a bordo di uno scooter rapinò 90enne facendolo cadere a terra: preso

 
L'episodio
Festa da ballo non autorizzata a Bisceglie: cc interrompono lo spettacolo e sequestrano il locale

Festa da ballo non autorizzata a Bisceglie: cc interrompono lo show e sequestrano il locale

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVIl video
San Severo, la festa del Soccorso con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

San Severo, la festa del Carmelo con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

 
TarantoMorti bianche
Taranto, gruista ex Ilva morto in mare: in settimana i funerali

Taranto, gruista ex Ilva morto in mare: in settimana i funerali

 
BatRifiuti
Discarica di Canosa, Stea: «In arrivo 4,2 mln per chiusura definitiva»

Discarica di Canosa, Stea: «In arrivo 4,2 mln per chiusura definitiva»

 
BrindisiUn mistero di 2000 anni fa
Brindisi, dalla Germania archeologi setacciano il mare a caccia del disco di Nebra

Brindisi, dalla Germania archeologi in mare a caccia del disco di Nebra

 
MateraL'omicidio
Pastore nel Materano, killer condannato a 26 anni di carcere

Pastore ucciso nel Materano, killer condannato a 26 anni

 
BariIl caso
Bari, dress code alle corsiste: al via interrogatorio dell'ex giudice Bellomo

Bari, dress code alle corsiste: dopo 9 ore di interrogatorio Bellomo nega tutto

 
LecceOrganizzato da Prog On
«Canterbury Tales»: Martano capitale del Prog per una sera, con il concerto di Richard Sinclair

«Canterbury Tales»: Martano capitale del Prog per una sera, con il concerto di Richard Sinclair

 
PotenzaDai carabinieri
Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

 

i più letti

Sanità e occupazione

Addio lavoro precario per 103 lavoratori dell'Asl Bat

La firma del contratto davanti al governatore Emiliano e al direttore dell’Asl, Delle Donne

Addio lavoro precario per 103 lavoratori dell'Asl Bat

TRANI - Il dibattito su quanto il numero 13 sia da considerarsi foriero di buona, ovvero cattiva sorte, nel caso degli stabilizzati della Asl Bt non ha neanche ragione di essere: per loro, la data del 13 novembre 2018 sarà ricordata come un giorno fausto, storico, il più atteso dopo anni di illusioni, disillusioni e, soprattutto, tanto precariato.
In 103 hanno firmato la conversione del lavoro da tempo determinato ad indeterminato, in rigoroso ordine alfabetico, davanti al presidente della giunta regionale, Michele Emiliano, al direttore generale dell’Asl Bt, Alessandro Delle Donne, dirigenti e funzionari della stessa azienda sanitaria locale di Barletta-Andria-Trani.

Il caso ha voluto che la prima persona a comparire davanti al governatore fosse una donna con un bambino in braccio, dal quale per il momento non si sarebbe potuta separare. Peraltro, tra le tante storie che si sono potute incrociare e conoscere nella sala convegni dell’ospedale San Nicola Pellegrino di Trani, in cui si sono siglati tutti i nuovi contratti, ci sono anche quelle di due ex precarie incinte, ieri assunte e a breve mamme.
E così Emiliano, ieri, più che datore di lavoro si è trasformato in un papà, o un fratellone a seconda dei casi, concesso sorrisi, strette di mano, abbracci, selfie e foto di gruppo a una platea di persone che, finalmente, hanno potuto scaricare la tensione dopo tanti anni di attesa.

In loro soccorso, due fattori determinanti, a cominciare dal cosiddetto “decreto Madia”, approvato il 25 maggio 2017 e denominato per l’esattezza “Superamento del precariato nelle pubbliche amministrazioni”: ebbene, per tutti gli stabilizzati ricorrevano le condizioni previste in quel decreto: tutti reclutati dal 2008 a tempo determinato; tutti in servizio successivamente alla data di entrata in vigore della legge numero 124 del 2015 con contratti a tempo determinato; tutti reclutati a tempo determinato con procedure concorsuali; tutti che hanno maturato, al 31 dicembre 2017, almeno tre anni di servizio negli ultimi otto.

Il secondo «assist» si chiama “riorganizzazione sanitaria“: «Stiamo facendo solo la metà del nostro dovere dopo averli fatti lavorare tanti anni con dei contratti precari - spiega Emiliano -, grazie al Piano di riordino ospedaliero. Infatti, se non avessimo fatto il piano di riordino, il ministero non ci avrebbe fatto assumere queste persone e così, grazie all’accordo che abbiamo fatto sia con il Ministero della sanità, sia con quello dell’economia e finanza, non solo siamo riusciti ad assumere definitivamente queste persone, ma potremmo assumere 2000 medici, 3000 operatori sanitari e, probabilmente, un migliaio di infermieri».
Il caso ha voluto che Emiliano abbia firmato i contratti all’interno di quello che, a tutti gli effetti, è un ex ospedale: il San Nicola Pellegrino è stato riconvertito in Presidio territoriale di assistenza e fa parte di una di quelle strutture che proprio il citato Piano di riordino ha notevolmente ridimensionato, ancor prima che strutturalmente modificato.

Il governatore ammette che quella di Trani fa parte delle tante rinunce che si sono dovute fare: «Purtroppo il Piano di riordino è stato doloroso in tutti quei casi in cui le strutture sono state riconvertite e non sono più ospedali, ma altro. In cambio, però, il sistema sanitario pugliese ci guadagna nel servizio al cittadino, anche grazie a queste stabilizzazioni che riconoscono un diritto a chi ha lavorato ed assicurano una migliore sanità all’intera utenza regionale». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie