Venerdì 22 Gennaio 2021 | 14:32

NEWS DALLA SEZIONE

Nella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
Il caso
Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

 
sanità
Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

 
La disgrazia
Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni una transessuale vittima di insulti

 
Maltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
emergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
nel Barese
Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

 
Nella Bat
Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

 
La novità
Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

 
la tragedia
Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIl caso
Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita

Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita VD

 
LecceL'iniziativa
«Back to school»: a Lecce l'evento in streaming con i ministri Azzolina e Spadafora

«Back to school»: a Lecce l'evento in streaming con i ministri Azzolina e Spadafora

 
Barinel Barese
Modugno, 51enne si sente male in casa: cane abbaia a lungo e allerta i vicini: è salva

Modugno, 51enne si sente male in casa, cane abbaia a lungo e allerta i vicini: è salva

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
FoggiaIl caso
Foggia: «Ho fatto il tampone, ma forse non è il mio»

Foggia: «Ho fatto il tampone, ma forse non è il mio»

 
Brindisimaltrattamenti in famiglia
Ostuni, distrugge i mobili di casa e minaccia di morte madre e moglie: arrestato 45enne violento

Ostuni, distrugge i mobili di casa e minaccia di morte madre e moglie: arrestato 45enne violento

 
Tarantoil progetto
Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

Sanità e occupazione

Addio lavoro precario per 103 lavoratori dell'Asl Bat

La firma del contratto davanti al governatore Emiliano e al direttore dell’Asl, Delle Donne

Addio lavoro precario per 103 lavoratori dell'Asl Bat

TRANI - Il dibattito su quanto il numero 13 sia da considerarsi foriero di buona, ovvero cattiva sorte, nel caso degli stabilizzati della Asl Bt non ha neanche ragione di essere: per loro, la data del 13 novembre 2018 sarà ricordata come un giorno fausto, storico, il più atteso dopo anni di illusioni, disillusioni e, soprattutto, tanto precariato.
In 103 hanno firmato la conversione del lavoro da tempo determinato ad indeterminato, in rigoroso ordine alfabetico, davanti al presidente della giunta regionale, Michele Emiliano, al direttore generale dell’Asl Bt, Alessandro Delle Donne, dirigenti e funzionari della stessa azienda sanitaria locale di Barletta-Andria-Trani.

Il caso ha voluto che la prima persona a comparire davanti al governatore fosse una donna con un bambino in braccio, dal quale per il momento non si sarebbe potuta separare. Peraltro, tra le tante storie che si sono potute incrociare e conoscere nella sala convegni dell’ospedale San Nicola Pellegrino di Trani, in cui si sono siglati tutti i nuovi contratti, ci sono anche quelle di due ex precarie incinte, ieri assunte e a breve mamme.
E così Emiliano, ieri, più che datore di lavoro si è trasformato in un papà, o un fratellone a seconda dei casi, concesso sorrisi, strette di mano, abbracci, selfie e foto di gruppo a una platea di persone che, finalmente, hanno potuto scaricare la tensione dopo tanti anni di attesa.

In loro soccorso, due fattori determinanti, a cominciare dal cosiddetto “decreto Madia”, approvato il 25 maggio 2017 e denominato per l’esattezza “Superamento del precariato nelle pubbliche amministrazioni”: ebbene, per tutti gli stabilizzati ricorrevano le condizioni previste in quel decreto: tutti reclutati dal 2008 a tempo determinato; tutti in servizio successivamente alla data di entrata in vigore della legge numero 124 del 2015 con contratti a tempo determinato; tutti reclutati a tempo determinato con procedure concorsuali; tutti che hanno maturato, al 31 dicembre 2017, almeno tre anni di servizio negli ultimi otto.

Il secondo «assist» si chiama “riorganizzazione sanitaria“: «Stiamo facendo solo la metà del nostro dovere dopo averli fatti lavorare tanti anni con dei contratti precari - spiega Emiliano -, grazie al Piano di riordino ospedaliero. Infatti, se non avessimo fatto il piano di riordino, il ministero non ci avrebbe fatto assumere queste persone e così, grazie all’accordo che abbiamo fatto sia con il Ministero della sanità, sia con quello dell’economia e finanza, non solo siamo riusciti ad assumere definitivamente queste persone, ma potremmo assumere 2000 medici, 3000 operatori sanitari e, probabilmente, un migliaio di infermieri».
Il caso ha voluto che Emiliano abbia firmato i contratti all’interno di quello che, a tutti gli effetti, è un ex ospedale: il San Nicola Pellegrino è stato riconvertito in Presidio territoriale di assistenza e fa parte di una di quelle strutture che proprio il citato Piano di riordino ha notevolmente ridimensionato, ancor prima che strutturalmente modificato.

Il governatore ammette che quella di Trani fa parte delle tante rinunce che si sono dovute fare: «Purtroppo il Piano di riordino è stato doloroso in tutti quei casi in cui le strutture sono state riconvertite e non sono più ospedali, ma altro. In cambio, però, il sistema sanitario pugliese ci guadagna nel servizio al cittadino, anche grazie a queste stabilizzazioni che riconoscono un diritto a chi ha lavorato ed assicurano una migliore sanità all’intera utenza regionale». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie