Mercoledì 24 Aprile 2019 | 13:48

NEWS DALLA SEZIONE

Botta e risposta
Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

 
Il furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
Il furto
Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

 
Discariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 
La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoPrimo caso a Sud
Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

 
BariNel quartiere San Paolo
Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

 
LecceL'operazione dei cc
Lecce, distruggono i vetri di 5 auto e di un’ambulanza: denunciati

Lecce, distruggono i vetri di 5 auto e di un’ambulanza: denunciati

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 
BatBotta e risposta
Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

 

Trani

L’arcivescovo D'Ascenzo
a calcetto dopo la la Messa

L’arcivescovo D'Ascenzoa calcetto dopo la la Messa

di Nico Aurora

Trani - Arriva al centro Jobel come ospite, per celebrar emessa e stare fra la gente, ma poi scende in campo a sorpresa e la partita, con lui, diventa speciale. Monsignor Leonardo D’Ascenzo, evocando la figura del mitico padre Brown, interpretato dal grande Renato Rascel, ha calzato le scarpette da calcetto e giocato nella sfida amichevole a conclusione del Grest, organizzato dalla comunità parrocchiale di Santa Maria del Pozzo.

Il presule, dopo avere celebrato l’Eucaristia, era stato invitato a prendere parte, da spettatore alla partita tra i genitori di alcuni dei ragazzi impegnati nella manifestazione. A sorpresa, però, sia lui, sia il parroco, don Mimmo De Toma, hanno indossato la pettorina e preso parte della partita.

D’Ascenzo, come documentano anche gli scatti di Francesco Paradiso, ha denotato ottimi trascorsi calcistici, mostrando proprietà di palleggio, visione di gioco, disponibilità al contrasto e tutto quello che serve per ben figurare in quella disciplina. La partita è finita 0-0, si è decisa ai calci di rigore e proprio lì, forse complice il numero che portava sulla schiena - il 17 - proprio il vescovo ha sbagliato il penalty decisivo.

Un errore dovuto non tanto perché quel numero evocherebbe, secondo la cabala, sfortuna, ma perché è lo stesso che indossava David Trezeguet quando, con la Francia, sbagliò il rigore precedente a quello decisivo di Fabio Grosso, nella finale vinta dall’Italia nel 2006 a Berlino.

Al di là dell’esito della partita, la presenza del vescovo in campo ha dimostrato la vicinanza del presule, anche e soprattutto fisica, alla comunità diocesana e ad una realtà, come quella del Jobel, che proprio domani, venerdì 6 luglio, rimetterà in moto la bellissima macchina del Giullare, il festival nazionale contro tutte le barriere che, per la prima volta avverrà, anche sotto l’egida del neo arcivescovo, la cui presenza ad almeno una delle serate dovrebbe essere più che garantita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400