Venerdì 18 Giugno 2021 | 17:13

NEWS DALLA SEZIONE

Giustizia svenduta
Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione.

Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione

 
l'appello
Bari, «I medici accanto a studenti e docenti»

Bari, «I medici accanto a studenti e docenti»

 
formazione
I giovani e il lavoro dopo la laurea: il Politecnico di Bari sopra la media Italia

I giovani e il lavoro dopo la laurea: il Politecnico di Bari sopra la media Italia

 
Il caso
Bari, ospedale in Fiera, 500 ricoveri in 3 mesi

Bari, ospedale in Fiera, 500 ricoveri in 3 mesi

 
L'arresto
Bari, maltratta la compagna: fugge ma viene arrestato

Bari, maltratta la compagna: fugge ma viene arrestato

 
Il fatto
Bitonto, sequestro ad imprenditore che imponeva a ditte edili lavori in subappalto

Lavori in subappalto ad imprese edili,  sequestro di beni ad imprenditore bitontino

 
Diritti
Bari si mobilita per la Giornata mondiale del Rifugiato

Bari si mobilita per la Giornata mondiale del Rifugiato

 
Il fatto
Monopoli, nasconde droga nel manichino ma i carabinieri lo arrestano

Monopoli, nasconde droga nel manichino ma i carabinieri lo arrestano

 
Formazione
UniSalento, Ingegneria Civile torna a respirare in cantiere

UniSalento, Ingegneria Civile torna a respirare in cantiere

 
L'emergenza
Carceri: sit-in penitenziari a Bari, «grave carenza agenti»

Carceri: sit-in penitenziari a Bari, «grave carenza agenti»

 

Il Biancorosso

verso il futuro
Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIl Bollettino
Potenza, 14 positivi su 660 tamponi esaminati

Basilicata da lunedì in zona bianca

 
LecceLa tragedia
Surbo, intrappolato tra le fiamme: muore 64enne

Surbo, intrappolato tra le fiamme: muore 64enne

 
BatGiustizia svenduta
Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione.

Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione

 
BatLa curiosità
Barletta, la chiesa di Sant'Andrea come non la avete mai vista

Barletta, la chiesa di Sant'Andrea come non la avete mai vista

 
MateraIl caso
Matera, donna di 90 anni truffata dal finto nipote del cuore

Matera, donna di 90 anni truffata dal finto nipote del cuore

 
FoggiaLa storia
Foggia, poliziotto accompagna all'altare una nigeriana che salvò 23 anni fa

Foggia, poliziotto accompagna all'altare una nigeriana che salvò 23 anni fa

 
Brindisinel brindisino
Oria, furgone in retromarcia senza freni: tragedia sfiorata

Oria, furgone in retromarcia senza freni: tragedia sfiorata

 
TarantoMonitoraggio
Taranto, in carcere 34 positivi ma uno solo è ricoverato

Taranto, in carcere 34 positivi ma uno solo è ricoverato

 

i più letti

Trasporti

Bus prende fuoco, BariEcoCity chiede dimissioni vertici Amtab

In una nota il direttivo sottolinea lacune e disservizi

Bus prende fuoco, BariEcoCity chiede dimissioni vertici Amtab

Torna a chiedere le dimissioni spontanee o la rimozione immediata della governance di Amtab spa il direttivo di BariEcoCity, dopo lo spaventoso incendio che ieri ha divorato un bus urbano. Lo fa con una nota: «Un vecchio bus a gasolio del 2006; rigenerato e reimmatricolato; con oltre 1 milione di chilometri percorsi; acquistato usato dall'estero qualche anno fa; da tempo oggetto di avarie e tentativi di riparazione. Ancora una volta, solo la fortuna e l'abilitá del conducente hanno evitato morti o feriti tra i passeggeri e i passanti, tant'é che per alcuni la vicenda può subito dimenticarsi. Da anni denunziamo i disservizi e le inefficienze di Amtab: bus datati e inquinanti, in perenne ritardo, che costano alle casse pubbliche moltissimo (oltre 33 milioni di euro di corrispettivo annuale e 2,5 milioni di euro di gratuitá). E da anni denunziamo l'incapacitá dell'Amtab di operare sul mercato. I bilanci (sempre depositati in ritardo) chiudono in pressoché pareggio solo grazie agli enormi incassi annuali della sosta a pagamento (6 milioni di euro) e l'azienda è sostenuta finanziariamente dal Comune che anticipa periodicamente denaro ad Amtab, non avendo la stessa accesso al credito bancario».

«Da anni, infine, segnaliamo il pessimo trattamento dell'utenza cittadina, abbandonata per strada senza pensiline, in attesa di pullman senza orario di transito, spesso costretta a scendere in strada per rotture improvvise dei bus, costretta a viaggiare su mezzi poco puliti. Un disastro totale che imporrebbe da tempo la cacciata immediata dei responsabili di questo totale disservizio pubblico e che non si realizza solo per appartenenze politiche degli autori di questo scempio. Non di meno oggi, di fronte alla spaventosa scena a cui ieri la cittá ha assistito in nessun modo ascrivibile al caso fortuito, BariEcoCity torna a chiedere di rivoluzionare Amtab spa, partendo necessariamente dalla rimozione del consiglio di amministrazione del direttore generale, per manifesta incapacitá operativa»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie