Venerdì 22 Marzo 2019 | 16:07

NEWS DALLA SEZIONE

L'operazione della Gdf
Molfetta, vendeva in casa abbigliamento «tarocco»: fermato falsario

Molfetta, vendeva in casa abbigliamento «tarocco»: fermato falsario

 
L'operazione oro nero
Bari, blitz della Gdf contro gasolio di contrabbando: sequestrate 260 tonnellate

Bari, blitz della Gdf contro gasolio di contrabbando: sequestrate 260 tonnellate

 
Musica
Sziget Festival: a Bari le selezioni per suonare a Budapest

Sziget Festival: a Bari le selezioni per suonare a Budapest

 
I numeri
Scuolabus a Bari, gps su tutti i mezzi: studenti più sicuri

Scuolabus a Bari, gps su tutti i mezzi: studenti più sicuri

 
Comune
Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

 
Il caso
Teatro Petruzzelli, Corte d'Appello rigetta ricorso di Regione e Comune di Bari

Teatro Petruzzelli, Corte d'Appello rigetta ricorso di Regione e Comune di Bari

 
Subentra a Carmine Esposito
Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

 
È diretto a Gerusalemme
Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

 
Il confronto
Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

 
L'aggressione
Monopoli, lancia scrivania contro i medici del pronto soccorso: arrestato 44enne

Monopoli, lancia scrivania contro i medici del pronto soccorso: arrestato 44enne

 

Il Biancorosso

IL REBUS
Come sostituire Hamlili?Le soluzioni di Cornacchini

Come sostituire Hamlili?
Le soluzioni di Cornacchini

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl siderurgico
Taranto, Arcelor Mittal condannata per comportamento antisindacale

Taranto, Arcelor Mittal condannata per comportamento antisindacale. Borraccino: «Sentenza storica»

 
BariL'operazione della Gdf
Molfetta, vendeva in casa abbigliamento «tarocco»: fermato falsario

Molfetta, vendeva in casa abbigliamento «tarocco»: fermato falsario

 
LecceIl caso
Lecce, truffe ad Inps e Agenzie delle entrate: due indagati

Lecce, truffe ad Inps e Agenzie delle entrate: due professionisti salentini arrestati

 
FoggiaIl rito religioso
Foggia si stringe intorno all’Iconavetere: in migliaia alla Festa Patronale

Foggia si stringe intorno all’Iconavetere: in migliaia alla Festa Patronale

 
PotenzaEnergia e polemiche
Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

 
BatIl caso
Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

 
BrindisiA brindisi
In un sacco della spazzatura 8kg di marijuana: è mistero

In un sacco della spazzatura 8kg di marijuana: è mistero

 

Il provvedimento

Altamura, vietato sparare coriandoli dopo il «Sì»

La decisione del Comune: «Si rischia di imbrattare monumenti sacri»

Altamura, vietato sparare coriandoli dopo il «Sì»

La gioia incontenibile di un matrimonio può essere deleteria. E ciò avviene quando per festeggiare gli sposi si mettono da parte le classiche abitudini del lancio manuale di riso o dei petali di fiori e si ricorre ad autentici strumenti impropri come i tubi ad aria compressa. Con il rischio di macchiare i monumenti sacri.
Questo problema è stato sollevato dalla Diocesi di Altamura che ha osservato l’emergere di comportamenti che vanno subito dissuasi. Come per esempio l’uso di tubi ad aria compressa dai quali fuoriescono coriandoli e petali al termine della cerimonia nuziale.


Ma la velocità con cui vengono «sparati» fa sì che a contatto con gli elementi scultorei imprimano dei pigmenti colorati. E quindi si deve poi necessariamente agire per togliere queste tracce con micro-interventi di restauro.
La Diocesi ha scritto alla Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per la Citta metropolitana di Bari per segnalare tale problema al fine della tutela della Cattedrale di Altamura e della chiesa di San Nicola dei Greci in corso Federico II di Svevia. Sono le due chiese maggiormente richieste per la celebrazione del fatidico «sì».
A sua volta l’ufficio preposto ai beni culturali ha segnalato tale inconveniente all’amministrazione comunale, ricordando che entrambi i beni sacri sono tutelati in base al Codice dei beni culturali.


La gioia sì. Purché non sia dannosa per il patrimonio artistico. Così la sindaca di Altamura, Rosa Melodia, facendo proprie queste sollecitazioni giunte sia dalla Diocesi sia dalla Soprintendenza, ha firmato un’ordinanza che vieta l’utilizzo di questi strumenti o prodotti simili perché possono provocare l’effetto di «deturpare gli elementi artistici e le piazzole sottostanti».
Preoccupazione eccessiva? Assolutamente no, secondo il responsabile diocesano dei beni ecclesiastici di valore culturale, don Nunzio Falcicchio. «Questa segnalazione è stata inoltrata l’anno scorso perché ci sono stati già degli episodi - spiega il sacerdote - e pertanto questo comportamento va subito scoraggiato. Festeggiamo gli sposi con tutta la gioia possibile, ben vengano le manifestazioni di bella partecipazione al giorno in cui una coppia si unisce in matrimonio. Ma - afferma don Nunzio - è bene intervenire subito per evitare gli eccessi».
E così si arriva al provvedimento dell’amministrazione. Evidentemente dirlo a parole non basta. Meglio metterlo nero su bianco.
Un provvedimento da osservare con pochissimo, quasi niente. Solo il senso della misura, nient’altro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400