Lunedì 26 Ottobre 2020 | 00:06

NEWS DALLA SEZIONE

Il commento
I comandamenti: Papa Francesco e quelle parole sulle unioni civili

I comandamenti: Papa Francesco e quelle parole sulle unioni civili

 
L'editoriale
L’ossessione delle nomine più forte anche delle emergenze

L’ossessione delle nomine più forte anche delle emergenze

 
Il commento
Se con gli eroi si coprono gli errori della politica

Se con gli eroi si coprono gli errori della politica

 
Il commento
Nell’urna il morbo Usa e getta

Nell’urna il morbo Usa e getta

 
L'ANALISI
Sveglia Italia contro il virus che sfugge al controllo

Sveglia Italia contro il virus che sfugge al controllo

 
L'analisi
Incrocio di poteri senza una direzione

Incrocio di poteri senza una direzione

 
L'editoriale
Contributo di solidarietà dai garantiti ai non garantiti

Contributo di solidarietà dai garantiti ai non garantiti

 
La riflessione
Il bello in mascherina di chi getta la maschera

Il bello in mascherina di chi getta la maschera

 
Il commento
Si vince o si perde tutti insieme

Si vince o si perde tutti insieme

 
L'editoriale
La tentazione del premier e il tandem pugliese

La tentazione del premier e il tandem pugliese

 
La riflessione
Se sono a rischio Natale e San Nicola

Se sono a rischio Natale e San Nicola

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, dopo Dpcm la partita con il Catania sarà a porte chiuse

Bari calcio, dopo Dpcm la partita con il Catania sarà a porte chiuse

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lecce, positivo giudice popolare: Corte d'Assise in isolamento fiduciario

Lecce, positivo giudice popolare: Corte d'Assise in isolamento fiduciario

 
Covid news h 24Il virus
Coronavirus, il Policlinico di Bari è saturo: in arrivo altri 50 posti letto

Coronavirus, il Policlinico di Bari è saturo: in arrivo altri 50 posti letto

 
Covid news h 24Il virus
Coronavirus, positivo il cantautore tarantino Renzo Rubino

Coronavirus, positivo il cantautore tarantino Renzo Rubino

 
BrindisiL'incidente
Francavilla Fontana, impatto tra auto e moto: muore 24enne sul colpo

Francavilla Fontana, impatto tra auto e moto: muore 24enne sul colpo

 
PotenzaIl bollettino regionale
Coronavirus, 81 nuovi contagi in Basilicata: 58 i ricoverati in ospedale

Coronavirus, 81 nuovi contagi in Basilicata: 58 i ricoverati in ospedale

 
Foggiaemergenza Covid
Foggia, Polizia locale: sanzioni in arrivo per chi segnale falsi assembramenti

Foggia, Polizia locale: sanzioni in arrivo per chi segnala falsi assembramenti

 
Batla scorsa notte
Trani, scontro tra auto, una vola dal parapetto: solo danni

Trani, scontro tra auto, una vola dal parapetto: solo danni

 
MateraControlli dei CC
Calciano, positivo al Covid e in isolamento esce di casa: denunciato 63enne

Calciano, positivo al Covid e in isolamento esce di casa: denunciato 63enne

 

i più letti

L'editoriale

Impedire alla pandemia di «confinare» la scuola

La didattica a distanza non è una benedizione, contribuisce ad allungare il distacco tra docenti e discenti. L’insegnamento non si esaurisce mai in fredde lezioni, bensì nel ontatto diretto tra chi sta in cattedra e chi sta tra i banchi

Bitritto, dipendente di una scuola positivo: istituto annulla attività in presenza

banchi di scuola

Non è necessario impegnarsi più di tanto per prendere atto che l’Italia è sempre di più un Paese sottosopra. È sufficiente osservare l’atteggiamento generale nei confronti dell’infrastruttura più importante che ci sia: la scuola. Ci mancava il Covid per cercare di assestarle il colpo di grazia. Non appena, a settembre, è iniziato il secondo tempo del Coronavirus, è ricominciato il pressing per la didattica a distanza, come se solo le aule fossero focolai di infezioni mentre i restanti concentrati umani fossero tutti siti immuni, sanificati dal Signore. Per fortuna, la ministra dell’istruzione, Lucia Azzolina, si è battuta con forza e successo contro i nostalgici delle tele-lezioni, altrimenti la desertificazione scolastica avrebbe fatto (diciamo) ulteriori passi avanti.

Eppure basterebbe ascoltare l’opinione di presidi, insegnanti e genitori (quelli responsabili): la didattica a distanza non è una benedizione, contribuisce ad allungare il distacco tra docenti e discenti per la semplice ragione che l’insegnamento non si esaurisce mai in fredde lezioni, bensì nel più fecondo contatto diretto tra chi sta in cattedra e chi sta tra i banchi.

La fisicità del luogo, il confronto corale in aula tra la classe e i docenti, valgono molto di più dei compiti assegnati a casa o dei testi da studiare per gli esami. Il ruolo dell’insegnante in presenza, non ex remoto, è decisivo, fondamentale. Non a caso, spesso si sceglie come materia di studio finalizzata alla professione quella resa più interessante dal professore più bravo. Tendenza che svanirebbe sùbito in caso di istituzionalizzazione della cosiddetta dad (didattica a distanza).

La questione viene da lontano. Purtroppo è da più di mezzo secolo che la scuola viene trattata (solo) come Cenerentola clientelare da uno Stato poco degno di questo nome. Tanto che oggi - è opportuno consultare i numeri di paragone - la Francia investe nell’università l’1,21% del Pil; la Germania l’1,16%; la Gran Bretagna l’1,02%; la Spagna lo 0,97%; e l’Italia lo 0,78%. Sono cifre che spiegano meglio di mille volumi di economia e politica la causa del declino complessivo del Belpaese e anche la palese modestia culturale di governanti, legislatori e amministratori vari.

Ovviamente, la responsabilità dello scadimento dell’offerta scolastica non va attribuita solo al ceto politico indifferente alla qualità degli studi o ai sindacati contrari a criteri di selezione meritocratica di docenti e allievi: buona parte di responsabilità va assegnata alle famiglie (non tutte, si capisce), a quelle che concepiscono la scuola come un parcheggio o, peggio, come un passatempo in grado di sostituire la tv, lo smatphone e la playstation. Con questi retropensieri parentali, l’apprendimento finisce per essere ritenuto un fastidio, e il dovere di studiare finisce per essere bollato alla stregua di una provocazione reazionaria da respingere con indignazione. Non ci sono mai doveri da rispettare, ma solo diritti da rivendicare ed esigenze da sbandierare. E poi, con il ritornello che non bisogna lasciare indietro nessuno, addio bocciature per i somari, addio serietà nei giudizi. Todos caballeros!

Il che, ossia la trasformazione del diritto allo studio in diritto al diploma, ha bloccato irreparabilmente da tempo l’ascensore sociale, contribuendo ad allargare il fossato tra ricchi e poveri. Altro che lotta alle disuguaglienze.

Ci congediamo con un brano di una decina di anni addietro, il cui autore è il romanziere-saggista peruviano Mario Vargas Losa, premio Nobel (2010) per la letteratura. MVL si riferiva alla Francia, ma le sue riflessioni sembrano cucite, tuttora, come un abito sartoriale sull’organismo italiano.
Così scriveva il celebre intellettuale sudamericano: «Una delle conseguenze perverse del trionfo delle idee del Maggio ‘68 è stata la brutale accentuazione della divisione tra classi sociali a partire proprio dalle aule di scuola. L’insegnamento pubblico è stato una delle grandi conquiste della Francia democratica, repubblicana e laica. Gli studenti godevano d’una uguaglianza di opportunità che correggeva, in ogni nuova generazione, le asimmetrie e i privilegi legati alla famiglia d’origine o alla classe sociale d’appartenenza, aprendo ai bambini e ai giovani dei settori meno fortunati la strada del progresso, del successo professionale e del potere politico.

L’impoverimento e il disordine sofferti dall’insegnamento pubblico, sia in Francia sia nel resto del mondo, hanno attribuito all’insegnamento privato - al quale ha accesso il ceto ad alto reddito - un ruolo preponderante nella formazione dei dirigenti di oggi e di domani. Non è mai stato così vero il detto: “Nessuno sa per chi lavora”. Credendo di lavorare alla costruzione di un mondo davvero libero, senza repressioni, mancanza di diritti e autoritarismo, i filosofi libertari come Michel Foucault e i suoi discepoli hanno, in realtà, lavorato molto alacremente perché, grazie alla grande rivoluzione da loro propiziata nel campo dell’istruzione, i poveri continuassero ad essere poveri, i ricchi ricchi, e gli atavici detentori del potere seguitassero a conservare la frusta nelle loro mani».

Morale. A scuola l’impegno contro le disuguaglianze ha già accresciuto, negli ultimi lustri, le disuguaglianze sociali. Servirebbe più rigore, a beneficio dei meritevoli, spesso di famiglie più deboli. Ma se il Covid fosse l’occasione per banalizzare, scaricare di significato e prestigio, l’istruzione attraverso la didattica a distanza o altre soluzioni equipollenti, buona notte!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie