Martedì 29 Settembre 2020 | 03:03

NEWS DALLA SEZIONE

Il punto
Il presidente dell'Inps e l'idea dei manager a basso costo

Il presidente dell'Inps e l'idea dei manager a basso costo

 
il punto
Il dilemma del Carroccio tra nazione e regioni

Il dilemma del Carroccio tra nazione e regioni

 
Il commento
Se la mascherina a Foggia è d'obbligo

Se la mascherina a Foggia è d'obbligo

 
L'ANALISI
Dove ancorarsi di fronte alla tempesta coronavirus

Dove ancorarsi di fronte alla tempesta coronavirus

 
Il commento
Studenti, i grandi più garantiti dei piccoli

Studenti, i grandi più garantiti dei piccoli

 
L'ANALISI
Sud reagisci così pensano di toglierti i soldi europei

Sud reagisci così pensano di toglierti i soldi europei

 
L'analisi
Il super blindato Premier ora può alzare la posta

Il super blindato Premier ora può alzare la posta

 
IL PUNTO
Credito e finanza non ostacoliamo il cambiamento

Credito e finanza: non ostacoliamo il cambiamento

 
l'Analisi
Ridotta la quantità aumentiamo la qualità

Referendum e riduzione parlamentari: ridotta la quantità aumentiamo la qualità

 
Analisi
Le stagioni dello scontro tra destra e sinistra

Le stagioni dello scontro tra destra e sinistra

 
Analisi
Puglia, via libera da Consiglio Ministri a decreto su doppia preferenza di genere

La preferenza di genere. Storia di un flop annunciato

 

Il Biancorosso

Post-partita
Bari, Auteri vede bicchiere mezzo pieno: «Troppi regali, ma siamo solo all'inizio»

Bari, Auteri vede bicchiere mezzo pieno: «Troppi regali, ma siamo solo all'inizio»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceLe indagini
Lecce, fidanzati massacrati a coltellate: al setaccio memoria pc e cellulari

Lecce, fidanzati massacrati a coltellate: al setaccio memoria pc e cellulari

 
MateraIn tribunale
Marconia, minorenne stuprate alla festa: al via incidente probatorio

Marconia, minorenne stuprate alla festa: al via incidente probatorio

 
TarantoL'inchiesta
Taranto, 3mila euro per evitare attacchi su a ex consigliere regionale: indagato blogger

Taranto, 3mila euro per evitare attacchi su a ex consigliere regionale: indagato blogger

 
BariIl sindaco
Altamura, allunno positivo al Covid: terza scuola chiusa in pochi giorni

Altamura, allunno positivo al Covid: terza scuola chiusa in pochi giorni

 
FoggiaCoronavirus
Asl Foggia, contagiato dal Covid operatore sanitario: tamponi urgenti

Asl Foggia, contagiato dal Covid operatore sanitario: tamponi urgenti

 
PotenzaIn ospedale
Potenza, al San Carlo impianto di protesi acustica di ultima generazione, è il primo in Sud Italia

Potenza, al San Carlo impianto di protesi acustica di ultima generazione, è il primo in Sud Italia

 
BatIl caso
Barletta, per arginare i contagi il sindaco «frena» le scuole di danza: proteste

Barletta, per arginare i contagi il sindaco «frena» le scuole di danza: proteste

 
BrindisiIl caso
Brindisi, ricovero choc al Perrino: donna non si lavava da anni, larve di mosca nelle ferite

Brindisi, ricovero choc al Perrino: donna non si lavava da anni, larve di mosca nelle ferite

 

i più letti

LA STORIA

Ciro, esempio controcorrente

Lo sfortunato volontario della protezione civile deceduto a seguito dell’incidente avvenuto sulla A16 mentre era intento ad aiutare i vigili del fuoco per a spegnere un incendio divampato lungo la carreggiata

Ciro, esempio controcorrente

 Faceva parte di quella maggioranza silenziosa che alla banca del tempo consegna il proprio tempo ma per scopi altamente sociali e per un disinteressato amore per il prossimo. Ora Ciro Campagna, lo sfortunato volontario della protezione civile deceduto a seguito dell’incidente avvenuto sulla A16 mentre era intento ad aiutare i vigili del fuoco per a spegnere un incendio divampato lungo la carreggiata, il tempo lo ha perduto per sempre. Con tutto il suo progetto di vita. A 19 anni è un verdetto esistenziale inaccettabile. Ecco perché è un giorno di lutto per l’intera città di Foggia, per la Puglia, e per la vastissima comunità rappresentata dal mondo del volontariato. Un esempio, Ciro.  

 A 19 anni, infatti, c’è chi scorazza lungo i luoghi della movida, chi preferisce allenarsi con il vandalismo, chi pratica interessi culturali e quant’altro, mentre lui Ciro aveva il debole per la “protezione civile” che significa per davvero occuparsi di chi ha comunque bisogno, di chi chiude aiuto, sostegno, solidarietà: sia per lo spegnimento di un incendio sia per un servizio d’ordine o per la consegna della spesa o dei farmaci a chi non può deambulare, come ad esempio è accaduto durante il lungo periodo del lockdown per via della pandemia da corona virus.
Dietro la drammatica storia di Ciro Campagna c’è tutto un mondo che non appare, che non si spara le “pose”, ma che incide eccome attraverso il volontariato nella vita quotidana di tutti noi, perché pilastro sommerso utile a reggere quel sistema che è la Protezione civile in tutte le sue articolazioni e che spesso si scopre solo in circostanze clamorose, dalle calamità naturali al corona virus.

La giovane età di Ciro Campagna, il suo slancio altruistico, l’idea di fare qualcosa per “proteggere” soggetti e oggetti deboli e fragili come le persone ed il territorio, ci trasmettono una figura esemplare di giovane dell’era post «millenians», oltre lo stereotipo che ci viene consegnato dai «social», e che va consegnata alla memoria della città che ha perduto, insieme alla sua famiglia e ai suoi amici, un figlio che appartiene a tutti noi.

In questa storia terribile si cerca come sempre di dare un senso all’impossibile, ma è davvero difficile intercettare una semantica interpretativa di quanto accaduto, perché ogni pensiero, anche il più fatalista, si incrocia e si scontra con la dura realtà dei fatti, e cioè la perdita di un giovane costretto a diventare in fretta adulto dopo essere rimasto orfano di padre qualche tempo fa. I tanti coetanei che da sabato scorso (l’incidente è avvenuto il 29 agosto) si sono idealmente stretti intorno a Ciro e alla sua famiglia, nei piazzali del Policlinico di Foggia, in attesa di un segnale in controtendenza rispetto ai bollettini medici, ci ricordano che a volte le generazioni adulte non devono straripare nei giudizi generalizzati e al ribasso verso chi è anagraficamente più "indietro". La trama della vita del giovane volontario foggiano infatti afferma proprio il contrario. Oggi l’ultimo saluto a Ciro nella camera ardente giustamente allestita nell’aula consiliare di Palazzo di città. Un addio «pubblico» e comunitario perché ci si sente umanamente più poveri di fronte ad una tragedia che ha interrotto una vita che resterà comunque una splendida testimonianza.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie