Lunedì 17 Febbraio 2020 | 08:38

NEWS DALLA SEZIONE

l'editoriale
Una nazione sempre più frenata dall'instabilità

Una nazione sempre più frenata dall'instabilità

 
Il commento
Saper spendere rimane la questione principale

Saper spendere rimane la questione principale

 
il punto
Altro furto (17 miliardi) al Sud senza treni veloci

Altro furto (17 miliardi) al Sud senza treni veloci

 
Il commento
Quote rose ed esterni la strada da seguire

Quote rose ed esterni: la strada da seguire

 
L'analisi
L’ignoranza del passato sta riesumando la società chiusa

L’ignoranza del passato sta riesumando la società chiusa

 
Il commento
Italia spopolata, il Sud non fa figli, giù l’economia (e la demografia)

Italia spopolata, il Sud non fa figli, giù l’economia (e la demografia)

 
Il punto
Solita Italia che butta ogni cosa in politica

Solita Italia che butta ogni cosa in politica

 
L'analisi
Se il Fisco continua a premiare i soliti furboni

Se il Fisco continua a premiare i soliti furboni

 
Hollywood Militante
Marx 4.0, scene di lotta di classe a Beverly Hills

Oscar 2020, scene di lotta di classe a Beverly Hills

 
L'analisi
La strada giusta per processo penale e prescrizione

La strada giusta per processo penale e prescrizione

 
Il punto
Se nel bene e nel male la Puglia fa rumore

Se nel bene e nel male la Puglia fa rumore

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio: vittoria al San Nicola contro il Picerno: 3-0

Bari calcio: vittoria al San Nicola contro il Picerno: 3-0

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiPallacanestro
Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

 
BariL'iniziativa
A Bari si può dare l'ultimo saluto ai nostri amici a 4 zampe: le onoranze funebri «speciali»

A Bari si può dare l'ultimo saluto ai nostri amici a 4 zampe: le onoranze funebri «speciali»

 
TarantoIncidente stradale
Taranto, moto si ribalta e schiaccia centauro: morto 60enne

Taranto, moto si ribalta e schiaccia centauro: morto 60enne

 
PotenzaI vigili del fuoco
Pignola, fiamme distruggono deposito di attrezzi

Pignola, fiamme distruggono deposito di attrezzi

 
LecceNel Salento
Casarano, truffa dei radiofarmaci da 3,6mln: nessuna condanna

Casarano, truffa dei radiofarmaci da 3,6mln: nessuna condanna

 
Foggianel foggiano
Rignano Garganico, auto sindacalista Fim Cisl incendiata: secondo episodio in pochi giorni

Rignano Garganico, auto sindacalista Fim Cisl incendiata: secondo episodio in pochi giorni

 
MateraViolenza in casa
Matera, ubriaco insulta e picchia la madre per avere dei soldi: arrestato

Matera, ubriaco insulta e picchia la madre per avere dei soldi: arrestato

 

i più letti

Il commento

Stadi, calcio e tifo metafora della guerra

Le ultime vicende di cronaca accadute in Basilicata, testimoniano che non sempre, ma troppo spesso, la violenza è connaturata al calcio, com’è ridotto, e al suo tifo

Potenza, uno striscione per ricordare il sostenitore Vultur ucciso

Lo striscione (Foto Tony Vece)

Nell’ora di Ginnastica al Liceo di Bitonto, un liceo tra i tre o quattro che ho frequentato, la parte maschile della classe, si divideva in due squadre scelte da capitani che facevano il «tocco» e sceglievano chi arruolare per una festosa partita di foot-ball.

Io ero scartato regolarmente e restavo per ultimo perché era difficile che mi scegliessero nella formazione, stante la mia assoluta e indiscussa incapacità di giocare a pallone. Tuttavia, per quella generosità un po’ ispida, ma, pur sempre, generosità, dei ragazzi, alla fine anch’io entravo nella compagine che, per questo, si considerava insignita di un handicap. Finivo col coprire il ruolo più inoffensivo della squadra, relegato in porta. Questa era indicata sommariamente da due pile di libri e cappotti: preferiti i vocabolari per la loro visibilità imponente e, tra questi, insuperabile era il monumentale dizionario greco del Rocci.
Io, esiliato lì, tra quei cappotti e quei libri, contando sulla distrazione dei giocatori che, scevri da strategie e dislocamenti tattici, si affollavano vocianti intorno al pallone, approfittavo per restringere con furtive pedate lo specchio della porta da me indifesa, peraltro, in modo tale da complicare la vita ai campioni della squadra avversaria. Io, non solo non ero in grado di placcare qualche tiro veniale, come giocassi a palla prigioniera, ma non sapevo usare i piedi, per lo meno non per tirar calci alla sfera. Con le scarpe pulite, poi! E chi avrebbe, dopo, sopportato la professoressa di Greco coi suoi sarcasmi su certi atleti infangati e ansanti, nell’ora successiva, alle prese con gli aoristi umidi di fango sulle pagine del Rocci.

Gli atleti continuavano per tutto il tempo le polemiche da spogliatoio tra un banco e l’altro, sfottendosi, recriminando, decantando le prodezze dei goleador, segnatamente di uno di questi che si chiamava Pinuccio che non sbagliava un dribling, era veloce come un furetto, micidiale negli a solo a centro campo, implacabile in area di rigore. Ha fatto, poi, il medico pediatra in un paese della nostra provincia ed è un galantuomo. Era un galantuomo anche allora, tanti anni fa e, oggi, gli chiedo scusa di aver ristretto la porta coi calci per rimpicciolire il bersaglio che non avrei saputo difendere. Giocava benissimo Pinuccio, con maestria innata e perfezionata, forse, in qualche oratorio. Era bravissimo anche a scuola, nel profitto e, in campo, era leale, coraggioso, onesto. Ricordo che gli brillarono gli occhi quando ci fu assegnato un tema sulla poesia di Umberto Saba Goal, quella che principia con il verso: “Il portiere caduto alla difesa contro la terra cela la faccia…” Io lo evitai e mi rifugiai in una parafrasi del Carducci dei “cipresseti”, ma, lui avrà sicuramente scelto Saba. L’onesto e simpatico Pinuccio alle prese con l’onesto Saba e con l’onestissimo suo portiere che nasconde il viso per non vedere il pallone che, inesorabilmente entra nella porta, la porta smisurata del vero campo da gioco, non la risicata porticciola della mia codardia.

Io mi pento di questa, ma io non sapevo giocare, accidenti. Ricordo che più volte ricusavo il ruolo di portiere, anzi, come si diceva «D’ cudd ca ste in port» e mi allontanavo a ripassare la chimica organica. Comunque, questa confessione vuole riabilitarmi con Pinuccio e con tutti gli altri che in quelle partite ci mettevano gioia e coraggio. Del resto, anche con le porte rimpicciolite si divertivano lo stesso. A proposito: scoprii che anche il portiere avversario faceva la stessa cosa coi suoi cappotti. E anche lui, dopo gli immancabili goal subiti avrà ricordato il Saba poeta del «Il portiere caduto alla difesa contro la terra cela la faccia…».

Il verso ha innescato la tiritera dei miei ricordi quando ho letto della sospensione in segno di lutto del “Campionato di eccellenza” di calcio in Basilicata: è morto un tifoso della “Vultur Rionero” ucciso da una auto guidata da un sostenitore del “Melfi”. Perché queste squadre di pallone siano giudicate “di eccellenza” non mi è chiaro. Mi colpisce che siano dilettanti. Non altrettanto sono alcuni loro tifosi.

Trovo che l'imbecillità aleggi su queste vicende terribili. Si tratta di vita e di morte. Non è giusto definirli dei perfetti imbecilli. Nessuno è perfetto. Nemmeno i tifosi imbecilli. E siamo alla tautologia. Non esistono più tifosi pacifici? Allora, se si accontentano della instancabile diatriba da bar, delle inesauribili polemiche e del turpiloquio inerziale da bottiglieria, è soltanto perché leggi, e inadeguatezza fisica impediscono di passare a vie di fatto. Fosse per loro, si assalirebbero con il sangue agli occhi per ammazzare l’avversario. E lo fanno appena possono.

Molte irriducibili anime belle, per decenni, si sono prodigate nei distinguo e hanno distinto il tifo sano, ossimoro insostenibile, dal tifo malato, ancora una tautologia, da combattere ed estirpare. Per anni le conventicole di sfacciati addetti ai lavori e ai favori, di calciatori balbettanti, di allenatori divinizzati, di commentatori sfaccendati, di ex campioni, di esperti ignoti, di soubrettes, si sono esibiti in fluviali e litigiosi dibattiti giornalistici e carrozzoni televisivi, enfatizzando fino all’ossessione, all’ipnosi collettiva, ciò che si fa fatica, ormai, a chiamare gioco: il calcio. Non sempre, ma troppo spesso, la violenza è connaturata al calcio, com’è ridotto, e al suo tifo. E ad ogni sciagura, ad ogni battaglia, si stracciano le vesti, (poche quelle delle soubrettes) dando la colpa ai tempi o al tempo, inteso come clima, al buco dell’ozono, alla società moderna, agli sponsor, agli stadi inadeguati (a che cosa, alla guerra?), al governo, alla polizia che è troppa, alla polizia che è poca, al degrado sociale, alla sfortuna, alla moda, alla birra, al mister, ai tanti quotidiani sportivi, che, poi, da noi, vuol dire calcistici. A tutti, salvo che al tifo e al calcio vissuto come metafora della guerra. Che peccato! Era un gioco. Bellissimo. Mi hanno rovinato la festa, pacifica festa per la squadra del Bitonto che è prima in classifica. Ridatemi Pinuccio e lo sport.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie