Giovedì 28 Maggio 2020 | 07:23

NEWS DALLA SEZIONE

Settembre poi verrà ma senza lezioni a distanza

Settembre poi verrà ma senza lezioni a distanza

 
Il commento
Non come eravamo prima ma come saremo dopo

Non come eravamo prima ma come saremo dopo

 
L'editoriale
rda i giorni della Storia

Porre fine alla guerra fredda Stato-Regioni

 
L'EDITORIALE
Se l’effetto del virus uccide il ceto medio

Se l’effetto del virus uccide il ceto medio

 
LA SCOMMESSA
Beppe Macchione

Gazzetta, la prospettiva di bene storico culturale

 
LA STORIA
Bari, il ricordo del re delle zip, Claudio Goffredo: la storia continua

Bari, il ricordo del re delle zip, Claudio Goffredo: la storia continua

 
Il punto
Gli insegnanti vogliono riaperte le scuole

Bar e ristoranti aperti. Scuole e atenei chiusi?

 
L'analisi
Il testacoda del fisco che penalizza merito e lavoro

Il testacoda del fisco che penalizza merito e lavoro

 
L'analisi
Prime elezioni post-Covid banco di prova per la politica

Prime elezioni post-Covid banco di prova per la politica

 
Il ricordo
Piero Manni

Piero Manni, il cuore a Sud di un editore militante

 
L'Editoriale
Quelle parole che cambiano il nostro modo di stare insieme

Quelle parole che cambiano il nostro modo di stare insieme

 

Il Biancorosso

calcio
Bari, il difensore Perrotta: «Chiediamo chiarezza sul prosieguo del torneo»

Bari, il difensore Perrotta: «Chiediamo chiarezza sul prosieguo del torneo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiLutto
Brindisi piange la scomparsa si «Mestru Roc», tra i primi meccanici della provincia

Brindisi piange la scomparsa si «Mestru Roc», tra i primi meccanici della provincia

 
Battragedia sfiorata
Barletta, misterioso agguato, 30enne ferito a colpi di pistola alla coscia e braccio

Barletta, misterioso agguato, 30enne ferito a colpi di pistola alla coscia e braccio

 
Potenzafase 2
Basilicata economia, 53 milioni per microimprese e turismo

Basilicata economia, 53 milioni per microimprese e turismo

 
BariLa decisione
Salvataggio Popolare Bari, via libera del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi con 1,17 miliardi

Salvataggio PopBari, via libera del Fondo interbancario con 1,17 miliardi

 
MateraLavori pubblici
Matera, sicurezza stradale: nuovo intervento Anas sulla «Basentana»

Matera, sicurezza stradale: nuovo intervento Anas sulla «Basentana»

 
Tarantofase 2
Taranto, più controlli anti-assembramento: vertice in prefettura con le forze dell'ordine

Taranto, più controlli anti-assembramento: vertice in prefettura con le forze dell'ordine

 
Foggiafase 2
Foggia, vietato mangiare e bere all'aperto: arriva ordinanza anti-assembramenti

Foggia, vietato mangiare e bere all'aperto: arriva ordinanza anti-assembramenti

 
LecceLa tragedia
Il cantiere del gasdotto

Pisignano, operaio 35enne muore schiacciato da tubo in gasdotto: cantiere sequestrato

 

i più letti

Il punto

Il coraggio di guardare la morte in faccia

Giovanni Custodero se ne è andato senza soffrire. Se non fosse terribile, si potrebbe dire con un sorriso sulle labbra

Custodero calciatore malato di cancro dice stop: «Troppo dolore, vado in sedazione»

Giovanni Custodero se ne è andato senza soffrire. Se non fosse terribile, si potrebbe dire con un sorriso sulle labbra. Aveva scelto lui una fine così dopo essersi reso conto che il Grande Nemico aveva vinto, aveva sconfitto i medici e le cure, aveva ignorato i pianti e le preghiere dei familiari. Ma non era riuscito a domare Giovanni, atleta dello spirito oltre che del pallone.
Quel calciatore sempre sorridente aveva chiesto e ottenuto la sedazione profonda continua. Una cura palliativa che fa arrivare addormentati alla morte, senza accelerarla né provocarla. Dunque né suicidio assistito né eutanasia, soltanto la scelta di sottrarsi al dolore diventato insopportabile. Giovanni, con coraggio estremo, pochi giorni fa aveva annunciato sui social questa sua decisione. Avrebbe trascorso le ultime feste di Natale con i suoi e poi via. Quel post era anche un modo, dignitoso e semplice, per congedarsi dagli amici e dal mondo. Perché con la sedazione profonda comincia quel viaggio che prima o poi tocca a tutti intraprendere. Quasi sempre senza poter scegliere né quando né come. Estote parati, ammonisce il Vangelo. Siate pronti, perché nessuno sa quando davvero arriva il momento di morire.

La civiltà tecnologica, che fa credere di poter annullare i limiti dello spazio e del tempo, ci ha pure illuso di poter cancellare o quantomeno nascondere la morte. La parola, quando indica la fine naturale di ciascuno, è stata infatti cassata dal vocabolario pubblico e privato. È rimasta come tetro strumento per la narrazione di stragi, terremoti, guerre, incidenti stradali, insomma è rimasta in una forma tale che riguarda sempre gli altri. Come accidente, come elemento di cronaca. Ma nel lessico personale desta scandalo e per questo è stata rimossa. Oggi si preferisce parlare di «fine vita», in tal modo si riescono a comprendere anche tutte quelle situazioni critiche in cui la persona è come sospesa nel nulla. La stessa legge 219 del 2017, che ha esplicitamente introdotto la pratica della sedazione profonda, parla di fine vita.

Giovanni quando ha preso la sua decisione sapeva già che la vita per lui finiva in quel momento. Per chi gli stava intorno sarebbe ancora durata un po’: giorni o settimane, sarebbe dipeso dalla ferocia del male. Comunque un tempo che non lo avrebbe più riguardato. Certo, con la sedazione non avrebbe più subito gli atroci dolori che lo piegavano in due. Ma neppure sarebbe stato più in vita, se non nel senso strettamente clinico del termine.
Giovanni però era evidentemente pronto per quel viaggio. Non a caso si era scelto il nome di Guerriero Sorridente e come emblema lo scudo di Leonida, il leggendario re di Sparta. E Dio solo sa quanto avesse combattuto contro quel tumore. Le sue Termopili erano i letti d’ospedale. Chissà se Giovanni aveva letto quella bella poesia di Caproni: «Anche se non so bene l’ora / d’arrivo e neppure / conosca quali stazioni / precedano la mia, / sicuri segni mi dicono, / da quanto mi è giunto all’orecchio / di questi luoghi, ch’io / vi dovrò presto lasciare».

Oggi alla morte non ci pensiamo proprio e l’allungarsi dell’aspettativa di vita ci culla ancor più nell’illusione di essere immortali o comunque di non doverci porre più di tanto il problema. I nostri nonni avevano cura nel pensare al «dopo»: si sceglievano la tomba al cimitero, mettevano da parte i soldi per un funerale dignitoso, lasciavano disposizioni su cosa fare delle loro cose, anche le più misere. Qualcuno metteva in disparte anche l’abito che avrebbe voluto indossare. Ascoltare queste cose, oggi ci strappa un sorriso di tenerezza o anche di scherno. Ma chissenefrega di dove mi seppelliranno e che vestito mi infileranno a forza. Facciano pure, tanto come diceva già Epicuro «perché preoccuparsi della morte? Quando noi viviamo, la morte non c'è. Quando c'è lei, non ci siamo noi».
Il grande inganno contemporaneo di vivere solo il presente vuole toglierci il passato e nasconderci il futuro. Ma prima o poi l’illusione cade, perché la morte arriva e ci prende nei modi più impensabili. Beato Giovanni che almeno ha potuto scegliere il come. Grazie per il tuo sorriso, forte guerriero, e fai buon viaggio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie