Martedì 26 Maggio 2020 | 23:43

NEWS DALLA SEZIONE

L'editoriale
rda i giorni della Storia

Porre fine alla guerra fredda Stato-Regioni

 
L'EDITORIALE
Se l’effetto del virus uccide il ceto medio

Se l’effetto del virus uccide il ceto medio

 
LA SCOMMESSA
Beppe Macchione

Gazzetta, la prospettiva di bene storico culturale

 
LA STORIA
Bari, il ricordo del re delle zip, Claudio Goffredo: la storia continua

Bari, il ricordo del re delle zip, Claudio Goffredo: la storia continua

 
Il punto
Gli insegnanti vogliono riaperte le scuole

Bar e ristoranti aperti. Scuole e atenei chiusi?

 
L'analisi
Il testacoda del fisco che penalizza merito e lavoro

Il testacoda del fisco che penalizza merito e lavoro

 
L'analisi
Prime elezioni post-Covid banco di prova per la politica

Prime elezioni post-Covid banco di prova per la politica

 
Il ricordo
Piero Manni

Piero Manni, il cuore a Sud di un editore militante

 
L'Editoriale
Quelle parole che cambiano il nostro modo di stare insieme

Quelle parole che cambiano il nostro modo di stare insieme

 
L'Editoriale
l brutto della Fase 2 liberati, ma non liberi

Il brutto della Fase 2: liberati ma non liberi

 
L'analisi
alta velocità

Alta velocità e asili nido: per il Sud è il solito danno

 

Il Biancorosso

Calcio
L’ultima incornata dello Zar Maiellaro. «De Laurentiis, spingi il Bari in serie A»

L’ultima incornata dello Zar Maiellaro: «De Laurentiis, spingi il Bari in serie A»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barimobilità sostenibile
Bari, presentato il piano «Open Space» con piste ciclabili e piste per show

Bari, presentato il piano «Open Space» con piste ciclabili e piste per show

 
TarantoLa tragedia
Taranto, si ribalta Apecar muore 80enne, ferita la moglie

Taranto, si ribalta Apecar muore 80enne, ferita la moglie

 
LecceLa decisione
Soleto, «La Fontanella» verso la chiusura: Regione revoca autorizzazione Rsa

Soleto, «La Fontanella» verso la chiusura: Regione revoca autorizzazione Rsa

 
Foggiafase 2
Più controlli anti-movida e stop a sagre e feste nel Foggiano: la richiesta del prefetto

Controlli anti-movida e stop a sagre e feste nel Foggiano: le richieste del prefetto

 
Materadalla polizia
Matera, in auto con la marijuana: 25enne ai domiciliari

Matera, in auto con la marijuana: 25enne ai domiciliari

 
Potenzanel Potentino
Venosa, nell’ex ghetto di Boreano sorgerà un moderno centro di accoglienza migranti

Venosa, nell’ex ghetto di Boreano sorgerà un moderno centro di accoglienza migranti

 
Batil grande accusatore
Sistema Trani, chiesto il giudizio per D’Introno

Trani, giustizia svenduta: «D'Introno non è una vittima, deve essere processato»

 
BrindisiAmbiente
Ostuni, volontari scoprono amianto nascosto in campagna

Ostuni, volontari scoprono amianto nascosto in campagna

 

i più letti

L'analisi

L’ultimo «Vaffa» di Grillo stavolta contro i vecchi al voto

Appare un po’ bizzarro questo fustigare le teste canute, proponendo di togliere loro il diritto di voto perché, in quanto anziani, poco preoccupati per il futuro sociale e per nulla inclini a ragionare nel lungo periodo

Beppe Grillo

Beppe Grillo

Qualcuno avvisi Beppe Grillo: ha 71 anni ed è stato tra i principali ingegneri di un governo che si regge (anche) grazie ai voti dei quasi novantenni senatori a vita. Dunque, appare un po’ bizzarro questo fustigare le teste canute, proponendo di togliere loro il diritto di voto perché, in quanto anziani, poco preoccupati per il futuro sociale e per nulla inclini a ragionare nel lungo periodo. Una provocazione, ovviamente, che però tradisce un retropensiero da brividi.

Al di là di Grillo e delle sue proposte più o meno stravaganti, è innegabile che negli ultimi anni la società abbia iniziato a percepire gli anziani come un «peso»: non parlano l’inglese, non hanno fatto l’Erasmus né girato il mondo con i voli low cost, e poi non possiedono sensibilità ecologica. Inquinano, gli anziani. Non solo: non riuscendo a cogliere le meravigliose virtù del mondo postmoderno, va a finire che ti votano pure Trump e la Brexit, per la disperazione di Bruxelles. E qui l’odio per l’anziano si salda all’odio per l’ignorante, per l’analfabeta che, irretito dalle fake news e dagli hacker russi, ti fa uscire dalle urne un governo populista. Da cui un’altra proposta, in voga da qualche anno a questa parte: sottoporre l’elettore a un quiz per testarne cultura generale e coscienza civica perché, insomma, il voto te lo devi anche meritare. A selezione chiusa, finirà che voteranno in dodici, tutti giovanissimi, cool, smart, green, happy e con in tasca la patente di homo sapiens sapiens rilasciata da qualche cercopiteco in vena di contrazioni del suffragio universale.

A onor del vero, chi vuole ridurre l’elettorato da un lato (anziani e/o ignoranti), lo vuole allargare da un altro, per esempio consentendo ai 16enni l’accesso alle urne. Una proposta ben più interessante delle precedenti, nata però da presupposti sbagliati. Ad appassionarsi alla questione è stato il dem Enrico Letta dopo aver assistito all’incontenibile successo dello sciopero «verde» dei seguaci di Greta. Il ragionamento dell’ex premier non è un segreto di Fatima: l’ambiente è la chiave per convocare i giovani nell’agone politico, per vincere il loro disinteresse e, magari, convincerli a votare progressista, francobollando idealmente la faccia di Greta sul logo del Pd. Anche qui, qualcuno lo avvisi: non è come sembra. Tra il bigiare un giorno di scuola con tanto di giustifica ministeriale e il votare Zingaretti (che i ragazzi non sanno nemmeno chi sia), ci passano il Pacifico e l’Atlantico messi insieme. E i ponti non si costruiscono sull’oceano.

D’altra parte, però, la stessa proposta l’ha fatta anche la Lega, senza avere in testa Greta, ma con un altro retropensiero: chi meglio della «Bestia», la poderosa macchina social di Salvini, può raggiungere giovani e giovanissimi nel buio delle loro camerette? Vero, il leader leghista è più noto di altri, ma questo è un altro errore. Ammesso e non concesso che ai ragazzi interessino le tirate del Capitano sulla difesa del Parmigiano Reggiano o sulle reti dei pescatori, i liceali usano altri linguaggi e soprattutto altri mezzi, a cominciare da social network (Snapchat, TikTok) di cui i leghisti ignorano totalmente l’esistenza. È un mondo complicato, quello dei 16enni, di vive intelligenze, certo, ma anche di legittimo disimpegno. Forse varrebbe la pena lasciarli in pace un po’ tutti, giovani e anziani, senza accanirsi in strane operazioni di ingegneria elettorale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie