Mercoledì 24 Aprile 2019 | 02:13

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLa strage
Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

 
LecceL'inchiesta
Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

 
PotenzaLe indagini
Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

 
BariL'intervista
Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

 
MateraOperazione della Polizia
Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

 
BatIl furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
BrindisiVento forte
Brindisi, maltempo blocca nel porto traghetto per Valona

Brindisi, traghetto bloccato dal vento nel porto: era diretto a Valona

 
TarantoL'operazione dei cc
Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

 

a calimera

Viaggio fra i giganti
della Preistoria

animale preistorico

Taglio del nastro oggi alle 15 della mostra «Dai giganti dell’Era glaciale alle origini dell’Uomo», in programma sino al 12 febbraio nel Museo di Storia naturale a Calimera.
È un viaggio affascinante - sviluppato in più sezioni - che permetterà di conoscere il passato degli esseri umani grazie a video, riproduzioni, diorami, sculture e così via. «Siamo in Africa, 8 milioni di anni fa circa - annotano gli organizzatori - dei primati appartenenti a una specie ancora sconosciuta, quello che viene chiamato solitamente, l’anello mancante, si ritrovano a vivere un due ambienti differenti, la foresta e la savana. Nella prima, questi primati si evolveranno in scimpanzé, nella seconda in esseri umani».

Ma quali sono le parti del corpo più importanti ai fini evoluzionistici, quelli che consentono migliorarsi giorno per giorno? Sono il cervello e le mani, motore e punto di arrivo della nostra evoluzione anatomica e culturale. L’evoluzione della specie umana potrebbe apparire come un argomento vetusto, ma in realtà si tratta di una mostra scientifica dalla straordinaria attualità. Mentre in alcuni luoghi del mondo occidentale, si rischia la negazione dell’evoluzionismo e delle teorie di Charles Darwin, in questa rassegna si mira a riassumere, in modo semplice e immediato, il modo in cui gli scienziati hanno ricostruito la primissima storia dell’uomo, tra ritrovamenti, ossa e testimonianze essenzialmente litiche.
Tutto viene spiegato con estrema facilità: l’esposizione è concepita in modo da essere apprezzata da grandi e bambini. L’art director del progetto è Mauro Scaggiante, mentre la mostra vede la collaborazione, oltre che dello stesso Museo, del Parco della Preistoria di Rivolta d’Adda, della cooperativa «Il Dado Gira» dell’Osservatorio faunistico provinciale. L’iniziativa è patrocinata dal Comune.

Ecco le sezioni: nella prima verranno introdotti dei concetti base della paleontologia e paleoantropologia, con un focus sull’Era glaciale; nella seconda si tratterà la storia della vita sulla Terra con focus sull’evoluzione dei primati; nella terza si delineerà una panoramica dell’evoluzione umana, seguita da una quarta sezione sui protagonisti di questa storia e da una quinta con le ricostruzioni scenografiche dell’evoluzione. Suggestive le ricostruzioni di queste ultime tre sezioni, dai strumenti litici alle teste scolpite di ominidi, fino ai fossili ed ai modelli di protagonisti dell’evoluzione umana inseriti in ricostruzioni scenografiche del loro ambiente di vita, in cui compaiono anche specie iconiche dell’era glaciale, come il mammut e la tigre dai denti a sciabola. In tal senso, una funzione particolarmente realistica ed esplicativa rivestono le tavole di Fabio Fogliazza: ispirate all’itinerario culturale ed evolutivo di tre specie umane, Homo Heidelbergensis, Homo Neanderthalensis e Homo Sapiens, queste immagini restituiscono l’aspetto degli «uomini come noi» e «quasi come noi» in una visione appassionata e moderna.
La mostra prevede anche un progetto didattico rivolto alle scuole di ogni ordine e grado con attività educative e ricreative con proposte calibrate sulle varie fasce di età.

Apertura: il sabato dalle 15 alle 19 e la domenica dalle 10.30 alle 19 con orario continuato. Info su www.museocalimera.it.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Maltempo a Bari, cade giù albero in via Adriatico

Maltempo sferza Bari, cadono alberi in via Adriatico

 
Bari, alberi caduti in Piazza Moro: il video

Bari, alberi caduti in Piazza Moro: il video

 
Pasquetta a Bari, gita fuori porta anche per i cinghiali: il pic nic tra i rifiuti

Pasquetta a Bari, gita fuori porta anche per i cinghiali: il pic nic tra i rifiuti

 
Cinquanta giovani atlete pugliesidi fronte ai tecnici del settore nazionali

Cinquanta giovani atlete pugliesi
di fronte ai tecnici del settore nazionali

 
Nazionale seniores maschiletutto gira attorno a Bari

Nazionale seniores maschile
tutto gira attorno a Bari

 
Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

 
Sommergibili, 24 nuovi "delfini"consegnati a Taranto i brevetti

Sommergibili, 24 nuovi "delfini"
consegnati a Taranto i brevetti

 
Abusivismo commerciale: GdF sequestra in Puglia 3,4 milioni di prodotti contraffatti

Abusivismo commerciale: GdF sequestra in Puglia 3,4 milioni di prodotti contraffatti

 
Bari in Serie C, i tifosi accolgono i galletti in aeroporto

Bari in Serie C, i tifosi accolgono i galletti in aeroporto

 
Settimana Santa, la processione del Sabato Santo a Molfetta

Settimana Santa, la processione del Sabato Santo a Molfetta