Mercoledì 23 Settembre 2020 | 02:58

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, esordio in Coppa Italia senza Di Cesare e De Risio

Bari calcio, esordio in Coppa Italia senza Di Cesare e De Risio

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Bari, scatta la prescrizione per 11 furbetti del cartellino dell'ex Provincia

Bari, scatta la prescrizione per 11 furbetti del cartellino dell'ex Provincia

 
TarantoContagi
Grottaglie, un impiegato della Leonardo è positivo al Covid 19

Grottaglie, un impiegato della Leonardo è positivo al Covid 19

 
BrindisiIn 60 anni
Brindisi, Roma e Milano nella top 100 delle città «più calde» d'Europa

Brindisi, Roma e Milano nella top 100 delle città «più calde» d'Europa

 
PotenzaNel Potentino
A Carbone il nuovo sindaco è «sconosciuto»: eletto con 78 voti un siciliano mai stato in paese

A Carbone il nuovo sindaco è «sconosciuto»: eletto con 78 voti un siciliano mai stato in paese

 
Materal'anniversario
Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

 
FoggiaCovid
S. Giovanni Rotondo, tutto esaurito in Chiesa per la veglia di San Pio

S. Giovanni Rotondo, tutto esaurito in Chiesa per la veglia di San Pio

 
BatLavori pubblici
Bisceglie, manutenzione del Ponte Lama: arrivano 5 milioni

Bisceglie, manutenzione del Ponte Lama: arrivano 5 milioni

 
LecceViaggi della speranza
Gallipoli, migranti pakistani si riparano su isola Sant'Andrea: c'è anche bimbo di 11 anni

Gallipoli, migranti pakistani si riparano su isola Sant'Andrea: c'è anche bimbo di 11 anni

 

i più letti

LETTERE ALLA GAZZETTA

L’albero di bottiglie di plastica a Otranto

Ci andrei piano ad esultare per l'albero (si fa per dire, come forma) di Natale realizzato a Otranto con 4 mila bottiglie di plastica e accompagnato da una certa abusata retorica ecologista. Ci trovo poco da esultare non solo per l'antiesteticità dell'opera ma anche perchè non può essere considerato un "monumento al riciclo e allo smaltimento corretto dei rifiuti" o al "rispetto per l'ambiente" come invece sostenuto dai promotori.

Le bottiglie a feste finite dovranno essere comunque smaltite in qualche modo e purtroppo a tutt'oggi non ci e' dato ancora sapere che fine faccia la plastica raccolta dai Comuni con la differenziata. Bruciata negli inceneritori? Spedita in Cina come materia prima? L'albero di Otranto più che un (brutto) monumento al riciclo mi pare un monumento al consumo, spesso ingiustificato, di acqua minerale. Mentre intanto si fa ben poco per promuovere l'uso dell'acqua del rubinetto o l'utilizzo delle cosiddette Case dell'acqua.

A Bari ad esempio l'hanno sistemata, praticamente nascosta, in estrema periferia. La plastica andrebbe drasticamente ridotta e non solo differenziata e poi non-riciclata.

Franco Prisciandaro (Bari)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie