Giovedì 21 Febbraio 2019 | 01:29

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

 
HomeLa decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
HomeDurante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
BatIl caso
Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

 
TarantoDecide il giudice del lavoro
Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

 
BrindisiIl caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
FoggiaGuerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
MateraUn 21enne materano
Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

 

LETTERE ALLA GAZZETTA

L’albero di bottiglie di plastica a Otranto

Ci andrei piano ad esultare per l'albero (si fa per dire, come forma) di Natale realizzato a Otranto con 4 mila bottiglie di plastica e accompagnato da una certa abusata retorica ecologista. Ci trovo poco da esultare non solo per l'antiesteticità dell'opera ma anche perchè non può essere considerato un "monumento al riciclo e allo smaltimento corretto dei rifiuti" o al "rispetto per l'ambiente" come invece sostenuto dai promotori.

Le bottiglie a feste finite dovranno essere comunque smaltite in qualche modo e purtroppo a tutt'oggi non ci e' dato ancora sapere che fine faccia la plastica raccolta dai Comuni con la differenziata. Bruciata negli inceneritori? Spedita in Cina come materia prima? L'albero di Otranto più che un (brutto) monumento al riciclo mi pare un monumento al consumo, spesso ingiustificato, di acqua minerale. Mentre intanto si fa ben poco per promuovere l'uso dell'acqua del rubinetto o l'utilizzo delle cosiddette Case dell'acqua.

A Bari ad esempio l'hanno sistemata, praticamente nascosta, in estrema periferia. La plastica andrebbe drasticamente ridotta e non solo differenziata e poi non-riciclata.

Franco Prisciandaro (Bari)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400