Domenica 26 Gennaio 2020 | 13:37

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato. Alle 15 la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoL'inchiesta
Taranto, falsi steward allo stadio: chiesto giudizio per 68

Taranto, falsi steward allo stadio: chiesto giudizio per 68

 
BatLa storia
Barletta, Antonella e il suo giro per il mondo a piedi e in bici: il viaggio nel sangue

Barletta, Antonella e il suo giro per il mondo a piedi e in bici: il viaggio nel sangue

 
BrindisiIn piazza
Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

 
GdM.TVAttentato
San Severo, il racket dei rifiuti: incendio distrugge 23 mezzi azienda raccolta.

San Severo, il racket dei rifiuti: incendio distrugge 23 mezzi azienda raccolta.

 
PotenzaCittà europea dello sport 2021
Potenza, quando Donato Sabia ci portò alle Olimpiadi: il video saluto

Potenza, quando Donato Sabia ci portò alle Olimpiadi: il video saluto

 
LecceIl video
San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

 
MateraSolidarietà
«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

 

i più letti

LETTERE ALLA GAZZETTA

A proposito del Crocifisso nell’aula consiliare

Il Consiglio regionale pugliese ha votato a maggioranza destra-centro e sinistra l'esposizione nella sua sede del crocifisso, simbolo di uguaglianza, libertà e tolleranza. Fra i voti contrari, quello dell'ex-segretario regionale Pd, Sergio Blasi. In una sede civica - ha ribadito - dovrebbero riconoscersi tutti, credenti e non credenti.
Apprezzabile la sua coerenza civica per superare la conferna della religione cattolica, in passato qualificata religione di Stato ed obbligatoria. Le democrazie moderne sono laiche, aconfessionali, senza preferenze di parte, senza una segnatura teocratica, come negli Stati islamici.
Sulla «vexata» esposizione dei crocifissi nei luoghi pubblici ricordo che secondo Cacciari, Cristo sarebbe stato il primo ad escluderla, anche se per lui indifferentemente ammissibile.

Giacomo Grippa, Lecce

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie