Lunedì 21 Gennaio 2019 | 22:40

LETTERE ALLA GAZZETTA

Le testimonianze della battaglia di Canne

Eppur si trova. Bianca Tragni (Gazzetta 6/10) riporta il dato oggettivo che non si è trovata alcuna testimonianza della battaglia di Canne in quel sito. Ma si sono trovate, invece, più a nord, nella valle del Celone tra Troia e Castelluccio Valmaggiore. Lo attesta lo studioso Dott. Mario Izzo (Airone, n. 103, novembre 1989).Annibale è alle porte, del Celone. A parte gli innumerevoli ritrovamenti archeologici, spesso crani e spade, all’esame del C-14 risultati coevi all’evento bellico e non medievali come alla foce dell’Ofanto, l’esame delle carte dell’Istituto geografico militare fa scoprire nomi che rifanno da soli la storia come Pozzo del Cartaginese o Lago di sangue, Campo Romano, Fontana di Varrone( console Caio Terenzio Varrone), Fontana di Paolo (console Lucio Emilio Paolo), contrada Servigliuccio (proconsole Gneo Servilio), Canale delle Canne ( sulle rive del Celone le canne non sono mai mancate). Se ricordiamo che Tito Livio menziona tre castelli (oppida) nella zona della battaglia e li chiama Vercellio,Vescellio e Sicilino, nelle carte geografiche militari leggiamo contrada Vetruscelle, Secelline e Vescelline e la strada per Secelino (Monte Felice) è la via Appia traiana. Polibio afferma che i romani impiegarono due giorni per raggiungere Canne (sull’Ofanto?) da Geronio (Casacalenda): nessuna legione avrebbe potuto percorrere 120 Km in due giorni, mentre il Celone distava solo 40 Km.

Francesco Berardino, Foggia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400