Lunedì 01 Giugno 2020 | 08:14

NEWS DALLA SEZIONE

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Fogliazza e i veleni sul Bari: uno sfogo, nulla di personale

Fogliazza e i veleni sul Bari: uno sfogo, nulla di personale

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barifase 2
Bari, distanze non rispettate: sanzionato titolare locale quartiere Murattiano

Bari, distanze non rispettate: sanzionato titolare locale quartiere Murattiano

 
PotenzaVIOLENZA
Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

 
BrindisiFASE 2
Brindisi, contrordine, ordinanza sospesa: locali aperti anche dopo mezzanotte

Brindisi, contrordine, ordinanza sospesa: locali aperti anche dopo mezzanotte

 
LecceIL DIBATTITO
Lecce, su rete 5g esperti al lavoro

Lecce, su rete 5g esperti al lavoro

 
BatLA PROTESTA
Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

Barletta Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

 
Foggiaoperazione «Ares»
A San Severo mafia, droga e racket in 37 chiedono il rito abbreviato

San Severo, mafia, droga e racket: 37 chiedono rito abbreviato

 
MateraArte
Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

 
TarantoIl siderurgico
Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

 

i più letti

Le forti raffiche

Maltempo in Puglia, trombe d'aria e vento oltre 25 nodi: allarme nei campi. Bari: chiuso il cimitero

Mulinelli di vento stanno sollevando i vigneti dalla terra, strappando via tralci e teloni

BARI - Allarme maltempo in Puglia: forti raffiche di vento si sono abbattute sulla nostra regione. A Bari questa mattina una donna ha perso la vita schiacciata da alcune lamiere cadute per strada in via Crispi, nei pressi del cimitero. E proprio a causa del forte vento è stata disposta in queste ore le chiusura del cimitero monumentale. La necropoli riaprirà non appena le condizioni meteo lo consentiranno.

L'ALLARME DI COLDIRETTI PER L'AGRICOLTURA - Trombe d’aria con raffiche di vento oltre i 25 nodi si stanno abbattendo in provincia di Bari, strappando le ciliegie dagli alberi e spazzando teloni e tralci dei vigneti di uva da tavola con milioni di euro di danni in campagna a Conversano, Castellana, Santeramo, Putignano, Gioia del Colle, Cassano, Casamassima, Turi. E’ quanto denuncia Coldiretti Puglia che sta chiedendo l’attivazione delle verifiche tecniche da parte dell’Assessorato regionale all’Agricoltura per la dichiarazione di stato di calamità, dopo le gelate del marzo scorso che avevano già causato la perdita del 70% delle ciliegie primizie Bigarreau. Medesimo grave danno stanno subendo i pregiati vigneti di uva da tavola – insiste Coldiretti Puglia – con i mulinelli di vento che stanno addirittura sollevando i vigneti da terra e le trombe d’aria stanno spazzando via teloni e tralci con epicentro tra Rutigliano e Noicattaro.

“Ennesima campagna disastrosa in Puglia per le ciliegie, dove tra, la culla della produzione italiana di primizie Bigarreau, Giorgia e Ferrovia, ha prima subito le gelate che a marzo hanno bruciato i fiori sugli alberi, compromettendo la produzione e nelle ultime ore è piegata da trombe d’aria e mulinelli di vento che stanno strappando via dagli alberi le ciliegie, già pronte per la raccolta”, denuncia Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

La produzione di ciliegie non ha subito gli attacchi della tecnologia, perché è destinata esclusivamente al consumo fresco e per questa ragione – spiega Coldiretti Puglia - devono essere mantenute integre la pezzatura, particolarmente consistente per la ciliegia Ferrovia, la compattezza ed il sapore. Tutto ciò richiede un’accuratezza nelle fasi di coltivazione e di raccolta facilmente riscontrabile, per cui la mano dell’uomo non può essere sostituita dalle macchine.

La produzione regionale pugliese risulta concentrata nella provincia di Bari che da sola rappresenta il 96,4% della produzione totale regionale, riferisce Coldiretti Puglia. Con le sue 47 mila tonnellate la provincia di Bari è la prima provincia italiana per produzione di ciliegie raccogliendo il 34% della produzione nazionale e la produzione di ciliegie in Puglia è pari al 39,8% del totale nazionale. La graduatoria dei prodotti agricoli pugliesi nel contesto nazionale – aggiunge Coldiretti Puglia -  vede al primo posto anche le ciliegie con una superficie di quasi 20.000 ettari, di cui oltre 17.000 della sola provincia di Bari, la quale copre più dell’85% della superficie investita.

L’agricoltura pugliese per effetto dei cambiamenti climatici – aggiunge Coldiretti Puglia - ha perso più di 3 miliardi di euro nel corso del decennio tra produzione agricola, strutture e infrastrutture rurali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie