Venerdì 24 Settembre 2021 | 02:23

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Femminicidio nel foggiano

San Severo: l'ultimo saluto a Roberta, uccisa dal fidanzato

Lutto cittadino nel comune per la ragazza, che sarebbe annegata nella vasca

Si sono celebrati questo pomeriggio a San Severo (Fg) i funerali di Roberta Perillo, la giovane uccisa giovedì scorso in casa dal fidanzato, reo confesso. Il sindaco Francesco Miglio ha proclamato il lutto cittadino, le esequie sono state celebrate nella Cattedrale di Santa Maria Assunta.

Un paio di scarpette rosse, simbolo della lotta contro la violenza sulle donne poste davanti alla bara di Roberta Perillo, la donna di 32 anni uccisa dal fidanzato reo confesso Francesco D’Angelo giovedì 11 luglio a San Severo. Nel pomeriggio si sono celebrati i funerali nella Cattedrale di Santa Maria Assunta nel comune Foggiano.
Il sindaco di San Severo Francesco Miglio ha proclamato il lutto cittadino in concomitanza della celebrazione del rito funebre. «L'amore è sempre benevolo, mai violento. L’amore è sempre rispettoso, mai invadente. L’amore autentico è forte, talmente forte che vince anche la morte», ha detto il vescovo Giovanni Checchinato nell’omelia. All’uscita dalla cattedrale, il feretro, ricoperto di fiori bianchi, è stato accompagnato dalle note della canzone di Biagio Antonacci «Così presto no" cantautore adorato dalla giovane vittima..

Sarebbe morta per annegamento e non strangolata Roberta Perillo, la donna di 32 anni uccisa giovedì scorso a San Severo (Foggia) dal fidanzato reo confesso Francesco D’Angelo. E’ quanto è emerso ,secondo quanto riferito dal legale della famiglia Perillo, l’avvocato Guido De Rossi, dall’autopsia che è stata eseguita dal medico legale Luigi Cipolloni. Durante l’esame autoptico era presente anche il consulente nominato dalla difesa, Michele Bellomo.

Roberta Perillo è stata ritrovata morta nella vasca da bagno del suo appartamento in via Rodi. Sul cadavere non sarebbero stati riscontrati altri segni di violenza se non alcune ecchimosi sul collo.

(foto Maizzi)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie