Venerdì 23 Agosto 2019 | 04:44

NEWS DALLA SEZIONE

Colpisce più di 40.000 persone in Italia
Spondiloartrite assiale, patologia infiammatoria della colonna vertebrale

Spondiloartrite assiale, patologia infiammatoria della colonna vertebrale

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoInquinamento
Emissioni a Taranto, forse riaperte scuole ai Tamburi. Cisl: camino «fuma» ancora

Emissioni a Taranto, forse riaperte scuole ai Tamburi. Cisl: camino «fuma» ancora

 
PotenzaInquinamento
Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

 
FoggiaLa condanna
Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

 
BrindisiIl provvedimento
Ostuni, minacciava e picchiava ex: divieto di avvicinamento a stalker

Ostuni, minacciava e picchiava ex: divieto di avvicinamento a stalker
A Massafra in cella 46enne

 
LecceSalento e movida
Lecce, l'amarezza dei gestori delle discoteche dopo il blitz: noi estranei

Lecce, l'amarezza dei gestori delle discoteche dopo il blitz: noi estranei

 
MateraDalla Gdf
Matera, arrestato un uomo sulla 106: aveva 142 gramm di hashish

Matera, arrestato un uomo sulla 106: aveva 142 gramm di hashish

 

i più letti

INESISTENTI AL SUD

«Banche di tessuti»: riserva di vita per ossa, muscoli, cornee, cuore, vasi e altro

Le banche dei tessuti hanno il compito di prelevare i tessuti, conservarli, distribuirli e destinarli al trapianto, certificandone l’idoneità e la sicurezza.

Salute & Benessere

Nicola Simonetti

Nicola Simonetti

Vivere in salute: suggerimenti, risposte, piccoli accorgimenti per gestire la propria giornata, l’umore, l’alimentazione, il ricorso a farmaci, come affrontare al meglio gli impegni di lavoro, di responsabilità, il riposo ed il diporto, l’attività fisica. Inoltre, una finestra aperta sulla ricerca, sulle novità che la medicina ci offre ora e ci riserva e promette per il prossimo futuro.

«Banche di tessuti»: riserva di vita per ossa, muscoli, cornee, cuore, vasi e altro

“Dopo il Lazio, niente. Anche se la legge prevede che ogni Regione debba avere una Banca di Tessuti - denuncia il dott. Fabio Erba, presidente Associazione Italiana Banche dei Tessuti (A.I.BA.T.) e direttore della Banca del Tessuto Muscoloscheletrico della Regione Lazio - raggiungere questo obiettivo, ad oggi, è davvero impensabile. Basti pensare che l’Italia del Sud non ha Banche di tessuti in assoluto, mentre proprio il Lazio è l’ultima Banca nata e costituisce l’ultimo avamposto su territorio nazionale”.

Le banche dei tessuti hanno il compito di prelevare i tessuti, conservarli, distribuirli e destinarli al trapianto, certificandone l’idoneità e la sicurezza.

“Avere a disposizione delle Banche del tessuto Muscoloscheletrico è sempre stato un problema annoso - dice il Prof. Francesco Falez, presidente società italiana di ortopedia e traumatologia - SIOT – ed è molto importante che se ne parli perché il tessuto osseo non si riproduce. L’importanza della Banca dell’osso, in quelle che oggi sono le sfide dell’ortopedia attuale, sono fondamentali perché non possiamo fare affidamento sulle ossa se non attraverso la donazione o l’utilizzo di quelle presenti nella Banca dell’osso”.

Oltre che il tessuto muscoloscheletrico, le Banche conservano e, quando necessario, mettono a disposizione, il tessuto Cardio-Vascolare, la cute, la  cornea, garantendone la fruibilità e l’innocuità.

L’Associazione Italiana Banche dei Tessuti (A.I.BA.T.) ha richiamato l’attenzione sul problema, sottolineando, tra l’altro, la realtà di disparità di opportunità fra il Sud ed il resto d’Italia, nel congresso “Le Banche della vita: attualità, progressi e prospettive – Dall’offerta del donatore alla speranza di guarigione del ricevente”.

Si è voluto ribadire, tra l’altro, il compito istituzionale delle Banche dei tessuti: prelevare i tessuti, conservarli, distribuirli e destinarli al trapianto, certificandone l’idoneità e la sicurezza. Esse sono aperte al futuro e si avviano a diventare protagoniste nell’incedere della “nuova” medicina ripartiva, sostitutiva di tessuti in ausilio alle diverse branche dalla neurochirurgia, alla dermatologia, alla cariologia, alla trapiantologia, ecc.

“La SIOT– ha concluso il prof. Falez – intende sensibilizzare l’opinione pubblica nei confronti della donazione, un vero e proprio atto di generosità che può tornare utile a tutti coloro che hanno bisogno proprio di una donazione”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400