Sabato 18 Agosto 2018 | 07:06

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

il caso

Sindaco di Lucera indagato per l'ex Tribunale non in sicurezza

Indagato per non aver dotato di sistema antincendio la sede del tribunale, ribatte: «Qual è la legge che dice che io devo occuparmi di questa struttura?»

il sindaco di Lucera Antonio Tutolo

Il sindaco di Lucera Antonio Tutolo

LUCERA (FOGGIA) - Incatenato alla sede dell'ex Tribunale di Lucera e indagato per non averlo messo in sicurezza. Il sindaco di Lucera, Antonio Tutolo oggi spiega: «A mio avviso noi non dobbiamo fare alcun tipo di manutenzione» perché il Tribunale di Lucera «è stato messo a disposizione del Tribunale di Foggia» dopo essere stato chiuso nel 2013. Tutolo, nel corso di una conferenza stampa cerca di chiarire i motivi della notifica a suo carico di un avviso di fine indagine per mancati adempimenti del Comune, proprietario dell’immobile, in tema di sicurezza antincendio dell’ex Palagiustizia.

«E' da gennaio - aggiunge - che io ho iniziato a scrivere al ministero e a segnalare che avevano un immobile e che non se ne stavano occupando».

«Io per entrare qui dentro - dice il primo cittadino, che il 22 maggio si è incatenato davanti all’ex Tribunale ed ha cominciato lo sciopero della fame - devo chiedere il permesso perché non ho alcun titolo per entrare; quindi, loro mi hanno tolto, tra virgolette, questo bene e lo hanno messo nella disponibilità di un altro, non mi danno un centesimo, ma chiedono che io utilizzi i soldi dei cittadini di Lucera per fare l’adeguamento alle norme antincendio di questo stabile. E servirebbero tanti soldi per esercitare un qualcosa che qui non c'è più».

«Io vorrei capire in base a quale norma, in base a quale legge a noi resterebbero in capo degli obblighi, posto che il Comune di Lucera non percepisce un centesimo di euro, il datore di lavoro del Tribunale di Lucera non sono io e, quindi, loro mi contestano la legge n. 81 del 2008 che è quella della sicurezza sui luoghi di lavoro». «Ma questo non è un mio luogo di lavoro - prosegue Tutolo - questo qui è un luogo di lavoro del Tribunale di Foggia. Probabilmente è qualcun altro che si deve preoccupare di questa cosa». «Qual è la legge che dice che io devo occuparmi di questa struttura? Io non mi sento responsabile assolutamente di nulla». «Se la Procura vorrà sentirmi, bene - ha concluso il sindaco - anche se io quello che avevo da dire l’ho detto qui. A me preme, come sindaco, che questo palazzo meraviglioso del 1700 non finisca in pezzi».

Già quattro anni fa sembrava che la stessa Procura di Foggia avesse intenzione di aprire un fascicolo per verificare l’adeguamento agli standard di sicurezza di molti edifici ubicati a Lucera, a cominciare da quelli scolastici; indagine che potrebbe riservare clamorose sorprese. Invece no: la speciale commissione che siede preso il Tribunale di Foggia e che si occupa dell’edilizia giudiziaria, soprattutto dopo gli inconvenienti e i disagi verificatisi a seguito della soppressione di Tribunali, sedi distaccate convocò nel 2014 il sindaco Tutolo invitandolo a provvedere alla manutenzione e all’adeguamento dell’ex ufficio giudiziario lucerino. Non mancò una nervosa corrispondenza sul tema tra sindaco e la commissione formata da magistrati, ma Tutolo non riuscì a convincere i suoi interlocutori che per fare i lavori richiesti sarebbero occorsi fior di milioni di euro.

«E il Comune proprio quell’anno approvò il bilancio in una situazione di disequilibrio, tanto che per la prima volta nella storia del municipio non potemmo pagare gli stipendi ai dipendenti. Le carte sono lì e parlano il linguaggio delle cifre», spiegava ieri mattina Tutolo davanti al Tribunale, dove pur non mancava chi si sbracciava nel voler sottolineare una contraddizione: «Il Comune non aveva soldi e avrebbe dovuto provvedere ai lavori straordinari per far diventare il palazzo una sorta di magazzino dove stipare i fascicoli, per esempio, dell’ex pretura di Apricena. Il danno e la beffa». Tutolo ribadisce: «ho fatto il mio dovere, non ho nulla da rimproverarmi. La giustizia faccia il suo corso».

71036 Lucera FG, Italia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Supercompensi a Sanitaservice: la Asl sconfessa l'ex Di Biase

Supercompensi a Sanitaservice: la Asl sconfessa l'ex Di Biase

 
Scontro nel Foggiano, muoionodue giovani di Torremaggiore

Scontro nel Foggiano, muoiono tre giovani di Torremaggiore Foto

 
San Marco in Lamis, trovatomorto accanto al trattore:incidente o omicidio?

S. Marco in Lamis, trovato morto con ferite alla testa: incidente o omicidio?

 
Scandalo Sanitarservice, Di Biasesi difende: compensi e spese regolari

Scandalo Sanitaservice, Di Biase si difende: compensi e spese regolari

 
Crollo ponte a Genova: Conte rinvia la visita a Volturara

Crollo ponte a Genova: Conte rinvia la visita a Volturara

 
Trans sequestrato e pestato da cliente

Trans sequestrato e pestato da cliente

 
Tragedia sfiorata in autostrada: due anziani in viaggio contromano, salvati dalla stradale

Tragedia sfiorata in A14: due anziani in viaggio contromano, salvati dalla Polstrada

 
Sanitaservice Foggia, superstipendi e spese pazze per mezzo milione:sequestrati beni all'amministratore

Sanitaservice Foggia, superstipendi e sprechi: sequestro beni ex amministratore

 

GDM.TV

Salento, 10 soccorsi per mare mossoUno motoscafo rischia di affondare

Salento, 10 soccorsi per mare mosso: un motoscafo rischia di affondare

 
Leuca, Gdf intercetta cabinatoe veliero con 24 migranti: 3 arresti

Leuca, Gdf intercetta cabinato e veliero con 24 migranti: 3 arresti

 
Giovinazzo diventa magica: con danze sull'acqua e luci multimediali

Giovinazzo diventa magica: danze sull'acqua e luci multimediali

 
Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh Dio, oh Dio!», il terrore in diretta

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 15 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh Dio, oh Dio!»: terrore in diretta | Vd: dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 

PHOTONEWS