Martedì 19 Gennaio 2021 | 12:48

NEWS DALLA SEZIONE

controlli del CC
Taranto, tentano di entrare in Tribunale con coltelli e tirapugni: 5 denunciati

Taranto, tentano di entrare in Tribunale con coltelli e tirapugni: 5 denunciati

 
la decisione
Mittal Taranto, richiamatati 38 lavoratori in Gics per operazioni di bonifica

Mittal Taranto, richiamati 38 lavoratori in Gics per operazioni di bonifica

 
I numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
L'intervista
«Taranto cresce per cambiare il Sud»: le parole del sindaco Melucci

«Taranto cresce per cambiare il Sud»: le parole del sindaco Melucci

 
Il caso
Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

 
Il ritrovamento
Taranto, ritrovati nella biblioteca Acclavio gli scritti originali di Salvatore Quasimodo

Taranto, ritrovati nella biblioteca Acclavio gli scritti originali di Salvatore Quasimodo

 
Il processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
La decisione
Taranto, stop sospensione attività; lunedì rientro per asili nido e scuole dell'infanzia

Taranto, stop sospensione attività: lunedì rientro per asili nido e scuole dell'infanzia

 
l'iniziativa
Maruggio, saturimetri consegnati a cittadini positivi al Covid

Maruggio, saturimetri consegnati a cittadini positivi al Covid

 
L'operazione
Taranto, Guardia Costiera contro la pesca di bianchetto: sequestri e 4mila euro di multa

Taranto, Guardia Costiera contro la pesca di bianchetto: sequestri e 4mila euro di multa

 
L'intervista
Taranto, parla il questore: «Il Covid ha cambiato la mala»

Taranto, parla il questore: «Il Covid ha cambiato la mala»

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Salento
Taviano, il sindaco anti-assembramenti accompagna i vigili a fare le multe

Taviano, il sindaco anti-assembramenti accompagna i vigili a fare le multe

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 
PotenzaLa pandemia
Basilicata, più vaccini agli anziani: la proposta è di partire dagli over 75

Basilicata, più vaccini agli anziani: la proposta è di partire dagli over 75

 
BariDai carabinieri
Mola di Bari, sorpresi di notte a rubare carciofi per 7mila euro: arrestati dopo un inseguimento

Mola di Bari, sorpresi di notte a rubare carciofi per 7mila euro: arrestati dopo un inseguimento

 
Foggianel Foggiano
Ascoli Satriano: precipita con l'auto giù da un ponte, muore 35enne

Ascoli Satriano: precipita con l'auto giù da un ponte, muore 35enne

 
Brindisila denuncia
Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

 
Tarantocontrolli del CC
Taranto, tentano di entrare in Tribunale con coltelli e tirapugni: 5 denunciati

Taranto, tentano di entrare in Tribunale con coltelli e tirapugni: 5 denunciati

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Musica

«Libera», Barbati canta la rivoluzione femminile: «La lotta per i diritti di tutti»

Il brano, uscito per l’etichetta luovo, edito da iCompany e distribuito da Artist First, sostiene Amref Italia e la onlus tarantina Alzàia, impegnata nella prevenzione della violenza sulle donne

«Il fatto che il femminismo sia spesso appannaggio delle sole donne mi dà fastidio. Una lotta per i diritti o è di tutti o di nessuno». È questo che ha spinto il cantautore tarantino Emanuele Barbati a dedicare il nuovo singolo Libera alla forza tutta femminile di resistere alle ingiustizie della società moderna. Il brano, uscito per l’etichetta luovo, edito da iCompany e distribuito da Artist First, sostiene Amref Italia e la onlus tarantina Alzàia, impegnata nella prevenzione della violenza sulle donne. E da oggi è accompagnato anche da un toccante video, che ripercorre le fasi della crescita di ogni bambina.

Barbati: un uomo che canta la forza femminile, scelta non comune...
«Ho sempre voluto scrivere un brano che parlasse di una donna ispiratrice, di quelle che ti cambiano positivamente, ti fanno venire voglia di essere come loro. Posso solo immaginare la sensazione di quanto talvolta sia difficile essere donna in una società ancora molto maschilista, e volevo dare un contributo alla causa, da uomo»

Contributo anche benefico.
«Con Amref abbiamo deciso di promuovere attraverso Libera il progetto del Liceo Scientifico Femminile “Wish” (Women in School for Health), a Maridi, nel Sudan meridionale, dove solo lo 0,2% delle donne ha accesso all’istruzione, la percentuale più bassa al mondo. Alzàia invece l’ho scelta per far arrivare il messaggio anche sul territorio. È una onlus che fa parte della rete D.i.Re (Donne in Rete contro la violenza), e le persone che ci lavorano e gestiscono situazioni difficili sono rimaste piacevolmente colpite da tanto interesse da parte di un uomo».

Qualche esempio di “donna ispiratrice”?
«Mi piacciono molto i musicisti, di qualsiasi sesso, che si impegnano nel sociale, per me l’artista non può prescindere dal lanciare messaggi potenti. Come quello di Kathleen Hanna, leader delle Bikini Kill, icona del femminismo punk, che dal palco chiese ai maschi presenti al suo concerto di “fare un passo indietro”, per lasciare le prime file alle donne, che nella calca rischiavano di essere schiacciate e tornare a casa con qualche osso rotto. È il coraggio della rivoluzione, della lotta».

Lo stesso “seme di rivoluzione” da proteggere quando nasce una donna, come si vede nel video di “Libera”?
«Raccontiamo con un susseguirsi di clip le fasi di crescita di alcune ragazze, dall’abbraccio con la mamma in sala parto, all’arrivo nel pieno della giovinezza, attraverso i primi passi, il primo giorno di scuola. Abbiamo usato un collage di immagini con materiale amatoriale e d’archivio, tutto prodotto durante il lockdown, come il brano».

E a proposito di lockdown, che cosa ha imparato Emanuele Barbati da questo periodo?
«Che nessuno può sentirsi troppo lontano da ciò che accade dall’altra parte del mondo. Sono diventato anche più ambientalista: tutto quello che facciamo ha ripercussioni, a volte anche grandi e negative. Probabilmente la vita che conducevamo non è più sostenibile».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie