Martedì 26 Gennaio 2021 | 17:05

NEWS DALLA SEZIONE

Marina Militare
Taranto, la «Cavour» parla pugliese e si prepara per accogliere gli «F35» a decollo verticale

Taranto, la «Cavour» parla pugliese e si prepara per accogliere gli «F35» a decollo verticale

 
la storia
Da Gioia gli «angeli» del cielo: «Così abbiamo salvato i due alpinisti bloccati dal gelo»

Da Gioia gli «angeli» del cielo: «Così abbiamo salvato i due alpinisti bloccati dal gelo»

 
questa mattina
Corato, straniero dà in escandescenza in pieno centro: intervengono due militari dell'Esercito e lo bloccano

Corato, straniero dà in escandescenza in pieno centro: intervengono due militari dell'Esercito e lo bloccano

 

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Bariemergenza Covid
Bari, Sos lanciato dalle guide turistiche: «Siamo senza lavoro da due anni»

Bari, Sos lanciato dalle guide turistiche: «Siamo senza lavoro da due anni»

 
PotenzaL'appello
Basilicata, riapertura scuole: «Sui trasporti serve massima attenzione»

Basilicata, riapertura scuole: «Sui trasporti serve massima attenzione»

 
FoggiaControlli dei CC
Rignano Garganico, 8 persone sorprese in bar sprovvisto di licenza: fioccano multe e sanzioni

Rignano Garganico, 8 persone sorprese in bar sprovvisto di licenza: fioccano multe e sanzioni

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

 
HomeIl caso
Crolla solaio di un capannone a S. Michele Salentino: un morto. Altri sotto le macerie

Crolla solaio di un capannone a San Michele Salentino: un morto. Altre persone sotto le macerie: 4 feriti gravi

 
LecceIl caso
Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

 
BatL'incidente
Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

 
MateraIl caso
Reati contro la Pubblica Amministrazione a Matera: 11 arresti e sequestrati 8,2 mln

Matera, truffa per fondi pubblici in agricoltura: 11 arresti, tra loro funzionari Ismea e Regione Basilicata. 22 indagati e sequestrati 8,2 mln. Le intercettazioni VD

 

quattro novembre

Lo spot del ministero della Difesa
e l'altra faccia delle missioni all'estero

Dopo le polemiche arrivano le immagini definitive. Che raccontano tutta la realtà

Il primo si chiamava Vincenzo Rossi, sottocapo della Marina Militare, in servizio nel Corpo di spedizione italiano in Cina e ucciso durante la rivolta dei “boxer” del 1900. L’ultimo è il primo maresciallo dell’Esercito, Luigi Sebastiani, trovato morto nel 2012 a Shana, in Libano. In mezzo una lunga scia di sangue e di dolore.


I militari italiani in missioni umanitarie o di pace nell’ultimo anno, a causa della rotazione tra reparti, sono stati 33mila, impegnati in 29 missioni sparse per il mondo, sotto l’egida di Onu, Nato e Unione Europea.  Il Palazzo accredita solo l’immagine degli “italiani brava gente”, che distribuiscono sorrisi e caramelle. E’ una parte della verità. Perché ai soldati che si fanno fotografare con i bambini in braccio, sparano e lanciano bombe, come a tutti gli altri. Lo dimostra il lungo elenco di caduti (una ventina tra pugliesi e lucani negli ultimi trent’anni), di feriti e di mutilati. I nostri soldati fanno anche la guerra. Nasconderlo, ignorarlo, ha il sapore della presa in giro nei confronti di un Paese che, al contrario, sa benissimo cosa succede in Iraq, Afghanistan e Somalia. Solo il Palazzo non ha il coraggio di usare la parola “guerra”. 


Dopo le polemiche dei giorni scorsi sulla locandina del ministero della Difesa in vista del 4 novembre, giornata dell’Unità nazionale e delle Forze armate, attaccata anche dall'ex generale Marco Bertolini ("immagini da Festa della Mamma, che disonorano i caduti”), arrivano finalmente gli spot celebrativi del ministero della Difesa, che esaltano il ruolo dei soldati.  O meglio raccontano, giustamente, anche l’altra faccia della medaglia delle missioni all’estero, con immagini forti, crude, ma vere. Cosa non gradita completamente a chi vuole ignorare e disinformare, evidentemente dimenticando i morti e i feriti di ogni missione umanitaria e di pace. Lo spot sarebbe “troppo combat” (anche se sul web circolano tutte le versioni, da quelle integrali a quelle depurate). E così c’è chi ha lavorato di cesello, tagliando, eliminando, accorciando fino all’inevitabile compromesso che non scontenti tutti. Alla fine sono state cancellate le immagini di una esercitazione a fuoco e degli effetti dell'esplosione di un ordigno improvvisato. Tutto il resto è rimasto, come è giusto che sia. Quella che vi proponiamo dovrebbe essere la versione definitiva dello spot. Raccontateci cosa pensate.
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie