Venerdì 19 Aprile 2019 | 10:38

NEWS DALLA SEZIONE

ESERCITO
Lecce, commemorata la battaglia di Koplikuil 31° reggimento carri ricorda il passato

Lecce, commemorata la battaglia di Kopliku
il 31° reggimento carri ricorda il passato

 
COOPERAZIONE INTERNAZIONALE
Brindisi, emergenza alluvioni in Iranpartito dalla base Onu aereo con aiuti

Brindisi, emergenza alluvioni in Iran
partito dalla base Onu aereo con aiuti

 
AERONAUTICA MILITARE
Sei F-35 del 32° Stormo di Amendolaalla esercitazione Iniohos in Grecia

Sei F-35 del 32° Stormo di Amendola
alla esercitazione Iniohos in Grecia

 
MARINA MILITARE
Taranto, consegna del brevettoa 24 nuovi sommergibilisti

Taranto, consegna del brevetto
a 24 nuovi sommergibilisti

 
LA VISITA
Gioia, il comando della "Pinerolo"a lezione di logistica operativa

Gioia, il comando della "Pinerolo"
a lezione di logistica operativa

 
AERONAUTICA MILITARE
Da Gioia del Colle a Bergamovolo sanitario salva vita

Da Gioia del Colle a Bergamo
volo sanitario salva vita

 
AERONAUTICA MILITARE
Le Frecce Tricolori e San Nicolala tradizione si rinnova ancora

Le Frecce Tricolori e San Nicola
la tradizione si rinnova ancora

 
GUARDIA COSTIERA
Bari, la Giornata del narein porto la nave Diciotti

Bari, la Giornata del mare
in porto la nave Diciotti

 
AERONAUTICA MILITARE
Velivolo tedesco perde contatto radioi jet del 36° lo intercettano sul Montenegro

Velivolo tedesco perde contatto radio
i jet del 36° lo intercettano sul Montenegro

 
COMUNICATO DELLA DIFESA
"Il contingente italiano in Libiacontinua ad operare regolarmente"

"Il contingente italiano in Libia
continua ad operare regolarmente"

 
MARINA MILITARE
Le forze speciali libanesia lezione dal "San Marco"

Le forze speciali libanesi
a lezione dal "San Marco"

 

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiNel Brindisino
Fasano, GdF sequestra 570mila euro di beni a ex contrabbandiere

Fasano, GdF sequestra 570mila euro di beni a ex contrabbandiere

 
PotenzaLa curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto

 
LecceNel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
FoggiaCriminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
BatAl secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

quattro novembre

Lo spot del ministero della Difesa
e l'altra faccia delle missioni all'estero

Dopo le polemiche arrivano le immagini definitive. Che raccontano tutta la realtà

Il primo si chiamava Vincenzo Rossi, sottocapo della Marina Militare, in servizio nel Corpo di spedizione italiano in Cina e ucciso durante la rivolta dei “boxer” del 1900. L’ultimo è il primo maresciallo dell’Esercito, Luigi Sebastiani, trovato morto nel 2012 a Shana, in Libano. In mezzo una lunga scia di sangue e di dolore.


I militari italiani in missioni umanitarie o di pace nell’ultimo anno, a causa della rotazione tra reparti, sono stati 33mila, impegnati in 29 missioni sparse per il mondo, sotto l’egida di Onu, Nato e Unione Europea.  Il Palazzo accredita solo l’immagine degli “italiani brava gente”, che distribuiscono sorrisi e caramelle. E’ una parte della verità. Perché ai soldati che si fanno fotografare con i bambini in braccio, sparano e lanciano bombe, come a tutti gli altri. Lo dimostra il lungo elenco di caduti (una ventina tra pugliesi e lucani negli ultimi trent’anni), di feriti e di mutilati. I nostri soldati fanno anche la guerra. Nasconderlo, ignorarlo, ha il sapore della presa in giro nei confronti di un Paese che, al contrario, sa benissimo cosa succede in Iraq, Afghanistan e Somalia. Solo il Palazzo non ha il coraggio di usare la parola “guerra”. 


Dopo le polemiche dei giorni scorsi sulla locandina del ministero della Difesa in vista del 4 novembre, giornata dell’Unità nazionale e delle Forze armate, attaccata anche dall'ex generale Marco Bertolini ("immagini da Festa della Mamma, che disonorano i caduti”), arrivano finalmente gli spot celebrativi del ministero della Difesa, che esaltano il ruolo dei soldati.  O meglio raccontano, giustamente, anche l’altra faccia della medaglia delle missioni all’estero, con immagini forti, crude, ma vere. Cosa non gradita completamente a chi vuole ignorare e disinformare, evidentemente dimenticando i morti e i feriti di ogni missione umanitaria e di pace. Lo spot sarebbe “troppo combat” (anche se sul web circolano tutte le versioni, da quelle integrali a quelle depurate). E così c’è chi ha lavorato di cesello, tagliando, eliminando, accorciando fino all’inevitabile compromesso che non scontenti tutti. Alla fine sono state cancellate le immagini di una esercitazione a fuoco e degli effetti dell'esplosione di un ordigno improvvisato. Tutto il resto è rimasto, come è giusto che sia. Quella che vi proponiamo dovrebbe essere la versione definitiva dello spot. Raccontateci cosa pensate.
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400