Giovedì 17 Gennaio 2019 | 07:56

NEWS DALLA SEZIONE

LA STORIA
Tscherkowo, l'inferno bianco degli italianila tragica ritirata descritta da chi c'era

Tscherkowo, l'inferno bianco degli italiani
la tragica ritirata descritta da chi c'era

 
ESERCITO
L'82° Reggimento fanteria "Torino"ricorda i caduti sul fronte russo

L'82° Reggimento fanteria "Torino"
ricorda i caduti sul fronte russo

 
L'ANALISI
"Sicurezza europea, coinvolgere la RussiaE nei Balcani Italia più protagonista"

"Sicurezza europea, coinvolgere la Russia
E nei Balcani Italia più protagonista"

 
ESERCITO
Con "ToroTen" si corre per beneficenzaBarletta, il 27 gennaio la gara più cool

Con "ToroTen" si corre per beneficenza
Barletta, il 27 gennaio la gara più cool

 
AFRICA
Mini tour di Conte in Niger e in CiadSono 92 i militari italiani a Niamey

Mini tour di Conte in Niger e in Ciad
Sono 92 i militari italiani a Niamey

 
IL PUNTO
Teheran verso arricchimento al 20 per centoRitiro Usa dalla Siria, le critiche di Riad

Teheran verso arricchimento al 20 per cento
Ritiro Usa dalla Siria, le critiche di Riad

 
L'INCHIESTA
Iraq, falde acquifere contaminatenel Paese dei fiumi Tigri e Eufrate

Iraq, falde acquifere contaminate
nel Paese dei fiumi Tigri e Eufrate

 
L'ANALISI
I combattenti eroi abbandonati con un tweetnessuno salverà i curdi al massacro

I combattenti eroi abbandonati con un tweet
nessuno salverà i curdi al massacro

 
DIFESA
Droni atomici subacqueila Marina russa ne avrà 32

Droni atomici subacquei
la Marina russa ne avrà 32

 
DIFESA
Arriva il primo sindacato con le stelletteSi comincia con l'Arma dei Carabinieri

Arriva il primo sindacato con le stellette
Si comincia con l'Arma dei Carabinieri

 
Siria, è iniziato il ritiro degli UsaConferma dal portavoce della Coalizione

Siria, è iniziato il ritiro degli Usa
Conferma dal portavoce della Coalizione

 

quattro novembre

Lo spot del ministero della Difesa
e l'altra faccia delle missioni all'estero

Dopo le polemiche arrivano le immagini definitive. Che raccontano tutta la realtà

Il primo si chiamava Vincenzo Rossi, sottocapo della Marina Militare, in servizio nel Corpo di spedizione italiano in Cina e ucciso durante la rivolta dei “boxer” del 1900. L’ultimo è il primo maresciallo dell’Esercito, Luigi Sebastiani, trovato morto nel 2012 a Shana, in Libano. In mezzo una lunga scia di sangue e di dolore.


I militari italiani in missioni umanitarie o di pace nell’ultimo anno, a causa della rotazione tra reparti, sono stati 33mila, impegnati in 29 missioni sparse per il mondo, sotto l’egida di Onu, Nato e Unione Europea.  Il Palazzo accredita solo l’immagine degli “italiani brava gente”, che distribuiscono sorrisi e caramelle. E’ una parte della verità. Perché ai soldati che si fanno fotografare con i bambini in braccio, sparano e lanciano bombe, come a tutti gli altri. Lo dimostra il lungo elenco di caduti (una ventina tra pugliesi e lucani negli ultimi trent’anni), di feriti e di mutilati. I nostri soldati fanno anche la guerra. Nasconderlo, ignorarlo, ha il sapore della presa in giro nei confronti di un Paese che, al contrario, sa benissimo cosa succede in Iraq, Afghanistan e Somalia. Solo il Palazzo non ha il coraggio di usare la parola “guerra”. 


Dopo le polemiche dei giorni scorsi sulla locandina del ministero della Difesa in vista del 4 novembre, giornata dell’Unità nazionale e delle Forze armate, attaccata anche dall'ex generale Marco Bertolini ("immagini da Festa della Mamma, che disonorano i caduti”), arrivano finalmente gli spot celebrativi del ministero della Difesa, che esaltano il ruolo dei soldati.  O meglio raccontano, giustamente, anche l’altra faccia della medaglia delle missioni all’estero, con immagini forti, crude, ma vere. Cosa non gradita completamente a chi vuole ignorare e disinformare, evidentemente dimenticando i morti e i feriti di ogni missione umanitaria e di pace. Lo spot sarebbe “troppo combat” (anche se sul web circolano tutte le versioni, da quelle integrali a quelle depurate). E così c’è chi ha lavorato di cesello, tagliando, eliminando, accorciando fino all’inevitabile compromesso che non scontenti tutti. Alla fine sono state cancellate le immagini di una esercitazione a fuoco e degli effetti dell'esplosione di un ordigno improvvisato. Tutto il resto è rimasto, come è giusto che sia. Quella che vi proponiamo dovrebbe essere la versione definitiva dello spot. Raccontateci cosa pensate.
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400